Erbe medicinali e aromatiche

Tutto sul dittamo, l’erba “infiammabile” utilizzata in fitoterapia

La pianta profumatissima già utilizzata dai Greci e citata anche da Harry Potter

Oggi parliamo del dittamo, una pianta officinale conosciuta già nella Grecia antica molto utilizzata in fitoterapia ma anche per aromatizzare liquori e profumare prodotti di bellezza.

Tutto sul dittamo, l’erba “infiammabile” utilizzata in fitoterapia

Dittamo: cos’è

Il dittamo (Dictamnus albus) è un pianta perenne spontanea e aromatica appartenente alla famiglia delle Rutaceae.

Viene chiamato anche frassinella, perché la forma delle sue foglie ricorda da vicino quella del frassino, e limonella poiché le sue foglie, se sfregate, emanano un intenso profumo molto simile a quello agrumato del limone.

La sua principale caratteristica, nota fin dall’antichità, è quella di incendiarsi se posto vicino ad una fiamma. Ciò avviene a causa della infiammabilità degli olii essenziali contenuti nei suoi fiori.

Caratteristiche

Si tratta di un piccolo arbusto, latifoglie e caducifoglie, alto 30(60)-100(120) cm, fortemente aromatico e che fiorisce normalmente tra maggio e giugno.

Vediamo più nello specifico le varie parti:

  • radice: carnosa di colore bianco
  • fusti: eretti, generalmente semplici, lignificati alla base, e in alto muniti di numerosi peli semplici e di peli ghiandolosi neri
  • foglie: spiralate; quelle superiori presentano 3-5 paia di grandi segmenti ovali, lunghi 2-6 cm, di color verde-scuro, coriacei e cosparsi di punti traslucidi e dentellati al margine
  • fiori: sono composti da 5 petali bianco-rosei, venati di porpora, attenuati alla base. Lunghi fino a 3 cm, hanno numerose ghiandole nere. $ petali sono rivolti verso l’alto e uno verso il basso
  • frutto: un coccario ghiandoloso di circa 1 cm, formato da 5 carpelli cuspidati che, a maturità, si dividono a stella
fiori
I fiori possono assumere tonalità che vanno dal bianco al rosa

Habitat

La specie è presente in Europa, nelle zone temperate dell’Asia, in Siberia e in Caucaso.

In Italia è abbastanza rara: la si trova nei boschi assolati e aridi, a quota collinare, dove di solito prosperano querce e castagni. Vegeta tra radure e cespugli o ai margini dei sentieri.

Etimologia

Il nome deriva dal greco ‘diktamnos‘, parola composta da ‘Dikte‘ (nome di un monte sull’isola di Creta) e ‘thamnos‘, arbusto.

Dittamo: coltivazione

Oltre a crescere in maniera spontanea, il dittamo viene anche coltivato come erba aromatica e rimedio erboristico per via del suo aroma e delle sue virtù fitoterapiche.
Ecco quali sono le condizioni più favorevoli per farlo crescere bene.

Terreno

Predilige terreni gessosi, argillosi e aridi, meglio se ben drenati.

Esposizione

Ama le zone a pieno sole, ma cresce anche a mezz’ombra. Non teme il freddo e resiste bene al caldo. Può crescere sino ai 1500-2000 m di altitudine.

Irrigazione

Non necessita di grandi quantità d’acqua, può essere sufficiente l’acqua piovana. Nei mesi più secchi meglio annaffiarlo qualche volta di più.

Concimazione

Non necessaria. Per dare maggior vigore alla pianta si può somministrare un fertilizzante a lenta cessione, una volta al mese, in primavera ed estate.

Moltiplicazione

Si propaga tramite semina a febbraio, in semenzaio protetto, o nel mese di aprile in piena terra.

Raccolta

La raccolta delle foglie si effettua durante la fioritura, per poi essere utilizzate fresche o secche. L’essiccazione deve avvenire in luogo buio e ventilato.

Malattie e parassiti

Teme l’attacco degli afidi, facilmente contrastabili con antiparassitari naturali.

dittamo

Dittamo: proprietà

Già nell’antichità, il dittamo veniva usato per curare “lo stomaco, le ulcere gastriche, problemi alla milza, reumatismi e anche infertilità”. Ancora oggi gli sono riconosciute alcune importanti proprietà. Nel pieno rispetto della legislazione europea, il dittamo è riconosciuto come medicina tradizionale e ne è permesso l’utilizzo come erba aromatica.

Ecco le sue proprietà:

  • diuretico
  • digestivo
  • espettorante
  • stimolante
  • febbrifugo
  • antispasmodico
  • antielminitico
  • astrigente
  • calmante
  • antifungino
  • antibatterico

Con un’elevata quantità di antiossidanti, stimola l’appetito nei convalescenti, favorisce la digestione e migliora la diuresi. Contrasta inoltre le infezioni di funghi e batteri.

Dittamo: utilizzi

Per le sue proprietà, viene impiegato contro gli spasmi ed i crampi di stomaco, l’anoressia, la clorosi, la dismenorrea spastica, la scrofola, la stomatite.

Per uso esterno è considerato uno stimolante della circolazione periferica.

Sotto forma di infuso è utile per curare il raffreddore, le infezioni della bocca e dei denti, i problemi di digestione, le menorree, il diabete, l’obesità, i problemi renali ed epatici.

È applicato anche come cataplasma per i dolori di testa, i reumatismi e sulle piaghe.

Da secoli i monaci lo utilizzano per la preparazione di liquori e digestivi. In commercio si trova soprattutto in forma di tisana, dalle proprietà digestive e tonificanti.

Altri utilizzi

Le essenze di dittamo vengono utilizzate anche per aromatizzare liquori (Vermut e Martini Dry) e profumi.

Per i suoi bellissimi e profumati fiori viene spesso coltivato anche come pianta ornamentale.

Esoterismo

Nell’antichità veniva usato come incenso divinatorio e per vedere gli spiriti.

Dittamo: uso in cucina

A causa della sua profumazione troppo intensa, il dittamo non ha riscosso grande successo nel mondo gastronomico e della cucina in generale. Può comunque essere usato per insaporire piatti dal sapore neutro come la besciamella o le patate. Il suo sapore particolare si sposa bene con la selvaggina e, inaspettatamente, lega molto bene con i dolci.

Si utilizzano le foglie e le infiorescenze.

Controindicazioni

Nessuna in particolare, ad eccezione di ipersensibilità nei confronti della sostanza da parte del singolo. Gli studiosi hanno inoltre sottolineato che è bene usarne modiche quantità, soprattutto in caso di gravidanza o nel caso di bambini.

Curiosità sul dittamo

In tempi antichi era considerato simbolo d’amore e di passione. I giovani si arrampicavano sui dirupi scoscesi e sulle gole di Creta per raccoglierlo e donarlo alle ragazze amate.

La grande quantità di oli essenziali emessa dalle ghiandole oleose del dittamo satura l’atmosfera delle calde sere d’estate e prende facilmente fuoco a contatto di una fiammella. Per questo i suoi nomi inglesi e francesi sono, rispettivamente “burning bush” e “buisson ardent”.

Il dittamo di Creta selvatico è classificato come “raro” ed è protetto dalla legge europea affinché non si estingua. Attualmente, la sua coltivazione in Grecia si concentra su Embaros e sui villaggi circostanti, a sud di Heraklion.

Dittamo e Harry Potter

Nel romanzo fantasy “Harry Potter e il Principe Mezzosangue”, compare il termine dittany, per indicare una sostanza in grado di rimarginare le cicatrici se applicata con sufficiente rapidità dopo un taglio.

Altri approfondimenti

Se ti affidi spesso alle erbe medicinali e aromatiche, potrebbero interessarti anche:

  • Escolzia o papavero della California, una pianta che aiuta il rilassamento
  • Levistico: proprietà e benefici di questa pianta officinale
  • Finocchio selvatico: i segreti di questa pianta spontanea aromatica utilizzabile in cucina e come erba officinale
  • Erba Luigia, erba aromatica dal gradevole odore di limone
  • Quello che c’è da sapere sulla maggiorana, un’erba aromatica dalle molteplici proprietà
  • Pino cembro, proprietà benefiche e utilizzi
  • Guida all’origano, una pianta aromatica utilizzata in cucina e in medicina naturale
  • Scopriamo tutte le proprietà antinfiammatorie ed i benefici del meliloto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close