Frangola: proprietà, utilizzi e controindicazioni di questa pianta

di La Ica del 18 febbraio 2018

La frangola (Rhamnus frangula) è una pianta arborea dalle virtù lassative. È conosciuta sin da tempi antichi, quando il carbone estratto dalla frangola veniva utilizzato per produrre polvere pirica, mentre i rametti erano utili per realizzare cannucce per pipa.

Frangola: proprietà, utilizzi e controindicazioni di questa pianta

Frangola proprietà

Oggi, l’omeopatia mondiale annovera la pianta tra i cibi lassativi, utili in caso di stitichezza, anche cronica, ad esempio negli anziani. O quando è necessario fluidificare le feci per effettuare un esame diagnostico come la colonscopia.

Merito dei glicosidi antrachinonici, che, interagendo con la flora batterica, stimolano dolcemente la peristalsi e quindi l’evacuazione. Sostanze che favoriscono anche il riassorbimento dell’acqua, del sodio e del cloro da parte della mucosa intestinale, così da permettere una maggior idratazione delle feci.

Ma il principio attivo più importante è la frangulina, un lassativo naturale presente nella corteccia di frangola che ridà tono alle fibre muscolari dell’intestino, senza irritare né creare assuefazione. Utile quindi anche in caso di uso prolungato, per esempio in chi soffre di intestino pigro, o in presenza di ragadi ed emorroidi.

SPECIALE: Collutori naturali: le migliori ricette casalinghe

Frangola utilizzi

La corteccia essiccata è utile sia ad uso interno che esterno. Nel primo caso, basta preparare un decotto con 1 cucchiaino raso di frangola da versare in 1 tazza d’acqua fredda. Far bollire per qualche minuto, coprire e lasciar riposare per 10 minuti. Filtrare e bere il decotto dopo cena.

Ad uso esterno, la pianta è utile al trattamento di afte e stomatiti. In questo caso il decotto andrà utilizzato a mò di colluttorio.

Un preparato con la frangola che avevamo visto in precedenza è il seguente: tisana anti stitichezza: la ricetta.

frangola

La frangola contiene sostanze che stimolano la muscolatura dell’intestino crasso e favoriscono in tal maniera lo svuotamento dell’intestino.

Frangola controindicazioni

Effetti collaterali della frangola sono legati ad un sovraddosaggio che può causare diarrea e dolori addominali. In ogni caso, si sconsiglia di usarla per un tempo eccessivamente prolungato, in quanto, come accade con tutti i lassativi, può causare inerzia intestinale.

Meglio non somministrarla in gravidanza e allattamento e ai bambini al di sotto dei 12 anni. La frangola non è raccomandata anche in caso di diverticolite, appendicite, gastrite e in pazienti affetti da occlusione e subocclusione intestinale o fistole perianali.

Molte anche le interazioni con farmaci e altri alimenti, causa di ipopotassemia e di un aumentato rischio di aritmie:

  • Cardiotonici (anche naturali come digitale e mughetto)
  • Antiaritmici
  • Liquirizia
  • Diuretici
  • Analgesici
  • Cortisonici
  • Antibiotici naturali
  • Vincamina
  • Alofantrina
  • Betabloccanti
frangola frutto

Un primo pianto di un frutto maturo di frangola: si tratta di una piccola bacca nero-bluastra di 6–7 mm, sferica, un po’ più larga che lunga, con un seme di colore giallo.

Altri approfondimenti sulle erbe medicinali

  • Fitoterapia: guida alle piante officinali per curarsi naturalmente
  • Agrimonia eupatoria: proprietà curative e utilizzi per la salute
  • Angelica: proprietà benefici e utilizzi
  • Perché non approfondire anche le varie medicine alternative?
  • Pulsatilla: proprietà di questa pianta della salute
  • Assenzio, associato al liquore maledetto è in realtà un buon tonico, digestivo e antinfiammatorio.
  • Belladonnaantispastico naturale, fa bene al cuore, agli occhi, al sistema nervoso ma è un vero e proprio veleno
  • Spaccapietra: una pianta medicinale nota dall’antichità per la sua azione su milza, reni e fegato
  • Calcarea carbonica: utilizzi ed indicazioni
  • Cerfoglio: proprietà, utilizzi e ricette
  • Ederastimola la circolazione, è famosa come anticellulite
  • Genzianafamosa per l’amaro, facilita la digestione e abbassa la febbre.
  • Ginestra, proprietà e utilizzi
  • Vitalbaè diuretica, purgativa e cura i reumatismi e la gotta ed esternamente antinevralgico, ma è irritante e  tossica in determinate dosi.
  • Dulcamara: ha proprietà lenitive, antireumatiche, antinfiammatorie e antibatteriche, ma attenzione che essere estremamente tossica
  • Droserapianta carnivora dall’azione antinfiammatoria e antisettica, calma la tosse secca, cura l’asma e la bronchite
  • Mughettoè una pianta velenosa utile nei casi di ipotensione, cefalea e palpitazioni.
  • Nux vomica utilizzi e benefici
Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment