Animali

Giraffa, il mammifero più alto del Mondo

Caratteristiche, habitat, abitudini e riproduzione

Elegante, sinuosa e flessuosa, a volte anche un po’ goffa, la giraffa ha una sagoma inconfondibile. Si tratta infatti dell’animale più alto esistente sulla terra. L’altezza dei maschi può raggiungere i 6 metri.
Scopriamo insieme caratteristiche, abitudini e curiosità su questo affascinante animale della savana.

Giraffa, il mammifero più alto del Mondo

Che animale è la giraffa

La giraffa è un grande mammifero artiodattilo africano facente parte della famiglia dei Giraffidi. Possiede una forma inconfondibile, caratterizzata da un lunghissimo collo sorretto da un corpo relativamente corto e zampe lunghe e sottili.

Supera i 5 metri di altezza e può pesare fino a 1.200 kg (i maschi) e 800 kg (le femmine). Solo il collo, costituito da 7 vertebre cervicali molto allungate, può superare i 2 metri. Anche le lunghe zampe misurano 2 metri circa.

Il caratteristico mantello pezzato, unico nel disegno, permette di riconoscere ed identificare specie, sottospecie ed età del singolo animale. Negli esemplari più giovani il colore è marroncino, nocciola, mentre negli individui più anziani le macchie del mantello diventano molto scure, quasi nere.

In cima alla testa spuntano i due ossiconi, delle protuberanze ossee ricoperte di pelo che sono più evidenti nei maschi.

Ha una particolare lingua blu molto lunga (circa 50 cm), prensile, muscolosa e coriacea, che le permette di cibarsi delle foglie di acacia senza che le spine presenti sui rami della pianta le creino problemi.

Si muove con 2 sole andature: passo o galoppo.

Quanti tipi di giraffa esistono

Si conoscono 4 specie di giraffe:

  • settentrionale
  • meridionale
  • masai
  • reticolata

Ve ne sono poi molte sottospecie che sono ormai rarissime, come la giraffa del Kordofan (Giraffa camelopardalis antiquorum) al confine del Congo con il Sudan e al confine fra Ciad e Repubblica Centrafricana o la giraffa nubiana (Giraffa camelopardalis camelopardalis).

Purtroppo, delle 4 specie principali, oggi in Africa se ne contano soltanto 117.000 esemplari. E’ infatti allarme estinzione per le giraffe.
Le minacce sono di vario tipo.

  • Perdita dell’habitat a causa della deforestazione, della trasformazione dei terreni per attività agricole e per l’attività estrattiva di minerali, oltre alla crescente urbanizzazione per l’aumento della popolazione
  • Instabilità politica e disordini civili
  • Bracconaggio
  • Cambiamenti climatici: la savana sta diventando un ambiente sempre più arido e desertico, causando così problemi di approvvigionamento di cibo e acqua per le specie selvatiche

In che zona vive la giraffa

Vive nelle praterie, nelle savane e nelle aree boschive dell’Africa subsahariana.

Quanto è alta

La giraffa rappresenta il mammifero più alto presente al mondo. I maschi possono arrivare a 5,7 m di altezza (considerando le punta delle corna), mentre le femmine sono “più piccole” di 1 metro circa.
Solo il collo misura 2,5 m.

Quanti anni vive la giraffa

L’aspettativa di vita media è di circa 25 anni. Da adulte, le giraffe non hanno predatori naturali; ad essere più a rischio sono invece gli esemplari più giovani, predati da leopardi, leoni, iene e licaoni.

Di che colore è la lingua della giraffa

Oltre al collo, la giraffa ha anche una lingua molto lunga, Prensile e muscolosa, gli permette di mangiare i fiori e le foglie di Acacia, ricoperti di spine, di cui va molto ghiotta.

La particolarità ancora più curiosa della lingua della giraffa sta nella sua colorazione blu-violacea. Il motivo non è certo ma si pensa che sia una sorta di protezione dai potentissimi raggi del sole africano.

Come si chiama la sua criniera

In cima alla testa, presenta due protuberanze ricoperte da pelle e pelo. Impropriamente chiamate corna, queste protuberanze sono chiamate dagli zoologi “ossiconi”, ovvero coni di osso perché fatte di cartilagine indurita.

Come comunica la giraffa e come si chiama il suo verso

È un mammifero molto silenzioso. Il suo verso si chiama landito e somiglia al miagolio di un gatto arrabbiato. In determinate circostanze, emette anche gemiti, grugniti, fischi e russamenti.
Sono tutti vocalizzazioni per inviare segnali di pericolo o di avviso.

Durante l’accoppiamento, il maschio emette una sorta di tosse stridente.

giraffa

Quanto mangia una giraffa al giorno e cosa mangia

Essendo un erbivoro, si nutre prevalentemente di foglie, frutta, fiori e baccelli, e frutta, consumandone una quantità giornaliera che può arrivare a 60 kg. Per questo, la giraffa passa gran parte delle sue giornate mangiando.

Beve poco e l’apporto idrico di cui necessita proviene fondamentalmente dai vegetali di cui si nutre. Questa è una gran comodità perché, data la sua altezza smisurata, per bere la giraffa fa molta fatica. Deve anzitutto distendere e divaricare le zampe anteriori oppure piegare le ginocchia, quindi abbassare il collo così da raggiungere la superficie dell’acqua.

Quanti cuori ha una giraffa

Ha un solo cuore che, data la sua particolare morfologia, è molto sviluppato: è lungo 60 cm e pesa 11 chili. Il suo sistema cardiocircolatorio è molto sviluppato: la pressione sanguigna della giraffa è altissima (280/180 mm Hg) e il suo cuore batte 170 volte al minuto.

giraffa
Un bel primo piano di questa incredibile creatura.

Come distinguere giraffa maschio e femmina

Rispetto alla femmina, il maschio è più alto di circa un metro. Inoltre, la testa è un po’ più allungata e le labbra più pronunciate.

Quanto sono intelligenti le giraffe

Si tratta di animali molto intelligenti. Alcuni esperimenti effettuati hanno dimostrato che le giraffe riescono a fare analisi statistiche.

Perché le giraffe dormono in piedi

È difficile imbattersi in una giraffa che dorme. Questo animale dedica infatti al riposo 1-2 ore al giorno, suddivise in tanti brevi riposini di 5-6 minuti l’uno.

Inoltre, come accade per molti altri quadrupedi, anche le giraffe dormono in piedi. Questo consente loro di fuggire più rapidamente in caso di pericolo. In rari casi si appisolano accoccolate a terra, ma è una posizione scomoda per potersi dare alla fuga velocemente.

Come si accoppia una giraffa

Durante il periodo della riproduzione, il maschio si struscia sul fondoschiena della femmina in modo da stimolare lo stimolo di urinare. Poi, per capire se la femmina è in calore o meno, beve un sorso della sua urina e, in caso affermativo, la segue fino a quando la femmina non si concede.

La maturità sessuale comincia verso i 5 anni di età.

E quanti figli può fare

Dopo una gestazione lunga 14 mesi, la giraffa partorisce un cucciolo solo. Durante tutta la sua vita, di media, può dare alla luce un totale di 12 piccoli. Alla nascita, il cucciolo di giraffa è alto 1,8 metri e pesa circa 1 quintale. È già in grado di camminare e, ogni mese, cresce di 8 cm.

Per il parto, la femmina sceglie un luogo appartato e, una volta nato il piccolo, mamma e figlio restano appartati per un paio di settimane; dopodiché, si uniscono a gruppi composti da femmine coi loro cuccioli. Le madri difendono i loro piccoli sferrando potenti zampate ai principali predatori, che sono leoni, leopardi, iene e licaoni.

I piccoli producono versi che somigliano a miagolii e a belati. Si divertono a correre attorno alle loro madri e a sgambettare insieme agli altri cuccioli del branco.

Una volta avvenuto lo svezzamento, le femmine restano sempre nel medesimo territorio, mentre i maschi, verso i 3-4 anni, si allontanano dal luogo di nascita.

Chi è il predatore della giraffa

Date le loro dimensioni, è difficile che gli adulti di giraffa diventino preda di branchi di carnivori. I più giovani, invece, vengono spesso predati da leoni, leopardi, licaoni e iene macchiate.

Qual è il comportamento della giraffa

Sono animali piuttosto solitari e poco sociali che interagiscono fra di loro solo per brevi periodi, specie per motivi riproduttivi.

Cosa può fare una giraffa

Nonostante il suo curioso aspetto, la giraffa riesce a correre piuttosto velocemente per brevi distanze (anche più di 50 km/h). Inoltre, se si sentono minacciate, oltre a darsi alla fuga, possono anche reagire tirando violenti calci che tramortiscono leoni e leopardi.

Chi vince tra un leone e una giraffa

La giraffa è molto forte, tanto che con un calcio può uccidere un leone. Riesce a scalciare in tutte le direzioni: avanti, indietro e lateralmente.

Chi è più alto tra giraffa ed elefante

La giraffa è l’animale più alto che esiste al Mondo nonché il più grande erbivoro ruminante.

giraffa
Avevate dubbi su quale fosse l’animale più alto del pianeta?

Perché si chiama giraffa

Il vocabolo «giraffa» deriva dall’arabo “zarafah” che si traduce con l’espressione «che cammina velocemente». A sua volta, questo termine deriva da “geri”, il nome dell’animale in lingua somala. La versione italiana del nome risale alla fine del XVI secolo.

Perché le giraffe hanno il collo lungo

Sul perché le giraffe abbiano il collo così tanto lungo ci sono varie ipotesi. Ecco le due più accreditate.

  • Consentirgli di prelevare il cibo direttamente dalla parte più alta degli alberi (adattamento naturale)
  • Utilizzare il collo nei combattimenti fra maschi per la dominanza

Approfondimenti tematici

Se questo articolo ti è interessato, ti segnaliamo anche:

  • Leone: un unico termine che ha tanti risvolti ed interpretazioni
  • Maialino vietnamita o maialino nano: tutto quello che c’è da sapere sul maialino reso famoso dal cinema
  • Cavalli, gli animali più intelligenti
  • Koala, tutto quello che c’è da sapere
  • Coniglio nano: tutto su questo animale da compagnia sempre più amato
  • Petauro dello zucchero o scoiattolo volante: le cose da sapere prima di adottarlo
  • Coniglio testa di leone: carattere, educazione, aspetto
  • Ghiro: tutto sull’animale dormiglione per eccellenza
  • Tutto sul panda, l’animale simbolo del WWF e degli animali a rischio d’estinzione
  • I segreti dell’ornitorinco, uno degli animali dall’aspetto più insolito
  • Alla scoperta del quokka, l’animale più felice al mondo che è diventato virale sui social

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio