Alimenti

Miele di eucalipto, un miele dal sapore intenso e balsamico

Tutte le proprietà di questo miele, noto toccasana per i malanni di stagione

Il miele di eucalipto è un prodotto che ci viene regalato dalle api, di alta qualità, buono al palato, non troppo dolce e dalle note balsamiche è ricco di proprietà che lo rendono adatto in caso di malattie di stagione, come rimedio naturale contro il raffreddore, nei casi lievi di mal di gola e tosse secca o grassa. Si presenta come un miele compatto di colore ambrato, il suo sapore è intenso e balsamico perché deriva proprio dall’opera delle api che succhiano il nettare dei fiori di eucalipto.

Miele di eucalipto, un miele dal sapore intenso e balsamico

Scopriamo tutto sul miele di eucalipto, uno dei più diffusi tra le 300 specie circa di miele prodotto in tutto il mondo, insieme al miele di acacia, miele di castagno, miele di agrumi e miele millefoglie.

Miele di eucalipto: cos’è

Quello di eucalipto è un miele denso e di colore ambrato che tende a cristallizzarsi facilmente, in pochi mesi. Si distingue per un sapore intenso, non troppo dolce, dal retrogusto balsamico.

Il miele di eucalipto è tra i più diffusi nel nostro paese, prodotto dalla api che succhiano il nettare del fiore di eucalipto, un albero piuttosto comune nelle aree del Mediterraneo.

Questo meraviglioso prodotto delle api è un toccasana contro sintomi influenzali come tosse e raffreddore, come trattamento antiossidante e antibatterico naturale, come il miele di Manuka.

Come si produce

Per la produzione di questo miele l’apicoltore utilizza alberi di Eucalyptus Globulus e Eucalyptus Camaldulensis. Due specie della famiglia dell’eucalipto, una pianta sempreverde, originaria dell’Australia, introdotta in Italia alla fine del Settecento.

La coltivazione di Eucalyptus fu introdotta per la prima volta nell’Agro Romano nell’Ottocento dal Monaci di una Abbazia vicino a Roma che pensavano di curare la malaria con gli effluvi di questa pianta. Era una credenza errata, ma comunque piantare queste piante nella zona portò beneficio perché le piante hanno la proprietà di assorbire umidità e acqua stagnante, che ara la principale causa della proliferazione della malaria.

Da allora, l’apicoltura cominciò a riporre dell’interesse su questa pianta dall’odore balsamico così intenso e iniziò la produzione di miele, soprattutto nelle aree della Sicilia, Lazio e Toscana e soprattutto in Sardegna, dove si produce il 50% di tutto il miele nazionale di eucalipto.

Quando si produce

Questa dolcezza si produce in due diversi momenti dell’anno:

  • a luglio durante la fioritura estiva
  • in ottobre per le specie a fioritura autunnale.

Miele di eucalipto: valori nutrizionali

Il valore energetico di 100 grammi di miele di eucalipto è pari a circa 302 kcal.

Ogni 100 grammi di questo miele contengono:

  • 0,4 grammi di proteine
  • 75 gr di carboidrati
  • 0 grassi

Si tratta di un miele molto ricco di antiossidanti soprattutto flavonoidi: è inoltre dimostrato che il miele di eucalipto prodotto in Italia, Spagna e Grecia sia maggiormente ricco di flavonoidi rispetto ad altri grazie alla presenza anche di propoli.

Che sapore ha il miele di eucalipto

Il suo sapore è intenso, non troppo dolce e nell’insieme gradevole. La sua nota balsamica non ricorda l’odore di eucalipto come nell’immaginario comune bensì ricorda l’odore di funghi, di legno, di liquirizia.

Miele di eucalipto a cosa serve?

Ricco di flavonidi questo miele è utile per allontanare fenomeni infiammatori, allontana dunque i malanni di stagione e per combattere i radicali liberi, riduce dunque l’invecchiamento cellulare. In generale si può dire che il miele di eucalipto vanta proprietà antiossidanti, antibatteriche e antisettiche.

In breve ecco a cosa serve quest’ottimo rimedio naturale offerto dalle api:

  • cura le malattie stagionali come raffreddore, tosse, mal di gola e febbre
  • è un antibiotico naturale
  • rinforza il sistema immunitario
  • aiuta a curare le malattie dell’apparato urinario
  • cura le afte in bocca
  • è vermifugo e cicatrizzante
  • regola l’intestino pigro
  • contrasta l’invecchiamento precoce.

Contro mal di gola e raffreddore

Assumere nella propria dieta quotidiana miele o propoli, è un rimedio naturale per contrastare i mali stagionali, quali raffreddori e mal di gola, per ridurre infiammazioni e per rafforzare il sistema immunitario.

Il miele di fiori di eucalipto svolge azione antibatterica e antivirale soprattutto se assunto insieme a qualche goccia del prezioso olio essenziale di eucalipto noto antibatterico naturale.

Uno studio ha anche dimostrato che questo tipo di miele è utile per contrastare lo Staphylococcus aureus un batterio molto comune tra i bambini che spesso colpisce le vie respiratorie provocando febbre e mal di gola.

Infine, aiuta ad abbassare la febbre grazie agli enzimi che contiene.

Contro l’invecchiamento cutaneo

Questo prezioso miele contiene molte sostanze antiossidanti: soprattutto i flavonoidi, quali myricetin, tricetin, luteolin, kaempferol, quercetina, tutti elementi importanti per contrastare i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce delle cellule.

Di conseguenza possiamo dire che assumere con regolarità questo miele aiuta a ridurre il rischio di malattie degenerative e più in generale a contrastare l’invecchiamento dell’organismo.

Come consumare il miele di eucalipto?

Prima di tutto il miele è un prodotto commestibile e anche buono da gustare in diversi momenti della giornata, sia in abbinamento a piatti dolci sia salati. In particolare, questo tipo di miele si abbina molto bene ai formaggi stagionati, come pecorino, parmigiano reggiano o grana padano, o magri come il primosale.

Si può anche utilizzare nella preparazione di vinaigrette per condire insalate, in salse agrodolci per accompagnare piatti di carne e di pesce. Molto buono da gustare la mattina sulle fette biscottate integrali oppure un cucchiaio nello yogurt, in alternativa allo zucchero bianco per addolcire latte, tè o caffè.

miele di eucalipto
Si tratta di un tipo di miele ricco di proprietà, che lo rendono particolarmente adatto in caso di malanni di stagione.

Tisane contro il raffreddore

Sicuramente per aumentare i benefici curativi di questo toccasana naturale, l’ideale è sciogliere un cucchiaio di miele di eucalipto in una bella tisana calda.

Il consiglio se si ha mal di gola e raffreddore è di preparare una tisana di zenzero e cannella da zuccherare con un cucchiaio di miele: scioglierà la tosse, lenirà la gola secca e irritata offrendo subito un miglioramento.

Miele grezzo o raffinato?

Ottimo anche al naturale un bel cucchiaio come fosse uno sciroppo. Se possibile meglio consumare miele grezzo, non raffinato. La raffinatura infatti tende a eliminare molte dele proprietà benefiche presenti in natura che sono “termolabili” quindi vengono compromesse durante il trattamento di raffinatura.

Miele di eucalipto dove si compra

Oggi si può acquistare dell’ottimo miele prodotto in Italia 100% naturale, senza nessuna aggiunta, nei negozi di alimenti biologici, in erboristeria e anche online.

Molto diffusa la sua vendita nelle fiere regionali dove potrete trovare il miele di produzione locale e vari prodotti realizzati con miele di eucalipto.

Sono un esempio i dolci tipici del Sud e delle Isole, ma soprattutto con questo tipo di dolcezza balsamica si producono caramelle balsamiche e sciroppi per la tosse naturali adatti alla cura dei sintomi influenzali, come il catarro, nei pazienti più piccoli.

Quanto costa

Il prezzo di un miele proveniente da una coltivazione biologica di eucalipto e realizzata senza aggiunta di zuccheri o altri additivi in media va dagli 8 ai 15 euro al chilo. Un vasetto da 500 grammi prodotto da apicoltori locali costa circa 10-12 euro. Ecco alcune proposte che possiamo trovare online:

Ricordate che questo miele si cristallizza in un paio di mesi, conservate il vasetto in un luogo asciutto, lontano da fonti di calore e lontano dalla luce.

Miele di eucalipto controindicazioni

Ha certamente più consigli di uso che controindicazioni, questo nettare creato dalle api, però in alcuni casi è sconsigliato. Ad esempio:

Non dare ai neonati ancora non svezzati o comunque prima di 1 anno di età perché a causa del rischio di contrarre una malattia grave come il botulismo infantile:

  • sconsigliato a chi soffre di diabete
  • non è consigliato se si è in condizione di obesità

L’eucalipto può inoltre creare intolleranza e in alti dosaggi può essere responsabile di  irritazione della mucosa gastrica. Non assumere dunque:

  • in caso infiammazione gastrointestinale, come la gastrite
  • se sono presenti patologie epatiche

Infine, va ricordato che in caso di influenza con tosse e muco non è consigliato assumere latte o yogurt con miele di eucalipto, ma è meglio sciogliere lo stesso in una tisana calda o tè.

Altri approfondimenti sul miele

Vi suggeriamo anche:

Giovanna Ferraresi

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio