Bevande

Le migliori tisane rilassanti per conciliare il sonno naturalmente

Come farle e quali erbe e fiori utilizzare

Abbiamo selezionato le migliori piante con cui prepararvi delle ottime tisane rilassanti per dormire meglio.

Le migliori tisane rilassanti per conciliare il sonno naturalmente

Stress, ansia, stanchezza e insonnia sono alcuni dei più comuni – quanto spiacevoli – disturbi che caratterizzano il tram-tram quotidiano della maggior parte di noi. Per ritrovare la serenità e il giusto equilibrio fra mente e corpo, ogni momento della giornata può essere buono per concedersi delle tisane rilassanti a base delle nostre erbe preferite.

Un break di pochi minuti per preparare e godersi una tisana rilassante può essere il metodo più efficace e naturale per prendersi cura di sé e concedersi una pausa dal lavoro e dai mille impegni giornalieri.

Tisane rilassanti per dormire o antistress?

Per combattere l’insonnia, l’ansia o stress oppure semplicemente chiudere al meglio una giornata faticosa e prepararsi a un bel sonno rigeneratore ci vuole una tisana. Ma a seconda dell’effetto che volete ottenere, dovete scegliere quella più adatta.

In commercio, come sappiamo, ne esistono di tutti i tipi già pronte nelle classiche bustine, essiccate e già miscelate, oppure in fiori, frutti e foglie da miscelare a proprio gradimento.

Ciò che dobbiamo valutare nella scelta della tisana rilassante più adatta è il principio attivo contenuto nella pianta e il gusto che le essenze e gli oli essenziali sono in grado di conferire all’infuso.

Ovviamente ci si può recare in un qualsiasi supermercato e scegliere tra uno svariato numero di tisane quella che sembra fare al caso nostro, ma il consiglio, almeno le prime volte, è di rivolgersi ad un erborista qualificato che ci guidi nella scelta della miscela più giusta per le nostre esigenze.

Conoscere le proprietà e i principi attivi contenuti nell’erba-base della tisana è importante per godere a pieno dei suoi benefici: per ogni disturbo o malessere, infatti, esiste un’erba specifica in grado di alleviarne i sintomi e riportare la serenità.

Come preparare una tisana rilassante

Che scegliate la bustina o le foglie essiccate da bollire, l’importante è che lasciate in infusione la vostra miscela per 10 minuti in acqua che ha raggiunto l’ebollizione e tolta dal fuoco.

Coprite il bollitore o la tazza con l’apposito coperchio.

tisane rilassanti

Ci vogliono circa 1 cucchiaio (25 gr) di capolini, foglie o fiori essiccati a seconda della pianta prescelta per ogni 250 ml di acqua bollente.

Filtrate e dolcificate a piacere con miele, zucchero semolato, zucchero di canna, stevia o sciroppo di riso.

Tisane rilassanti efficaci

Le tisane rilassanti possono essere ottenute da diverse erbe o miscele con proprietà differenti e differenti effetti benefici. Vediamo quali sono quelle più utilizzate per chi soffre d’insonnia, che vi consigliamo.

Malva

La malva rilassa corpo e mente, specie se miscelata con ortica, gramigna, verbena e finocchio. Foglie e fiori della malva contengono un prezioso complesso vitaminico e oltre alle note proprietà rilassanti, svolgono sull’organismo un’azione antinfiammatoria, emolliente e rinfrescante.

Passiflora

La passiflora è una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà antispasmodiche e rilassanti. Durante la Prima Guerra Mondiale era nota come erba capace di alleviare le ‘angosce di guerra’.

Camomilla

È forse la più conosciuta come calmante naturale, ma la camomilla non è solo utile per conciliare il sonno. Tra le sue tante virtù spiccano le proprietà digestive, antinevralgiche, antispasmodiche, anti-infiammatorie e sedative che ben si prestano ad alleviare anche i dolori mestruali.

La camomilla, che oltre ad essere calmante e sedativa, allevia l’agitazione nervosa, contiene anche flavonoidi e quindi favorisce il rilassamento. È disponibile in infusione già pronta e dolcificata, oltre che nei classici filtri.

Fiori d’arancio

I fiori d’arancio, ovvero il neroli, derivati dall’arancio amaro elargiscono tutti i benefici degli agrumi, riducendo l’ansia e favorendo il sonno, grazie in particolare al contenuto di linalolo.

Tiglio

Noto anche per le sue proprietà diuretiche, il tiglio è una pianta molto apprezzata per stimolare il sonno, calmare i nervi e sedare l’ansia.

Melissa

La melissa è indicata per chi soffre di disturbi gastro-intestinali – bruciore di stomaco, iperacidità, gonfiore addominale – causati dallo stress. Il suo potere rilassante, infatti, agisce soprattutto sulle pareti dello stomaco e sulle viscere.

Rilassante e leggermente sedativo, permette di addormentarsi gradualmente e delicatamente.

Valeriana

La valeriana è il miglior rimedio naturale per la cura dei disturbi del sonno poiché garantisce il buon funzionamento del sistema nervoso centrale.

Biancospino

Chi soffre di palpitazioni e tachicardia di origine nervosa, potrebbe trovare sollievo in una buona tisana rilassante al biancospino noto proprio per le sue proprietà cardioprotettrici e cardiotoniche.

Verbena

Ecco due erbe quasi ‘magiche’ nella tradizione popolare, cominciamo con la verbena. La leggenda narra che il momento migliore per raccogliere la verbena è la notte del 24 giugno, notte delle streghe (e di San Giovanni).

Allontana le angosce e favorisce la serenità interiore, ed è particolarmente indicata per calmare il nervosismo quando ostacola il sonno.

Escolzia

L’escolzia, nota anche come papavero della California, favorisce il sonno con le sue proprietà miorilassanti, agendo direttamente sul sistema nervoso.

Una sola precauzione: utilizzarla con parsimonia, perché può dare assuefazione.

Lavanda

E per ultima la lavanda, un vero toccasana naturale per alleviare il mal di testa, i disturbi del sonno e il cattivo umore. Ed è nota per favorire il sonno profondo dei neonati e per ridurre l’agitazione notturna.

Una tisana rilassante per bambini

Si può dare la tisana anche ai bambini, a cominciare dai 6 mesi. Se fatica ad addormentarsi perchè nervosetto, basta fargli bere la classica camomilla, ma senza zucchero o altro dolcificante, nel biberon della sera.

Oppure preparate un’infusione con un pizzico di fiori d’arancio secchi i 250 ml di acqua bollente che, oltre a favorire il sonno, aiuta anche a lenire le coliche.

Per i bambini più grandi si può far bere una tazza di tisana ai fiori d’arancio, alla verbena o al tiglio con 2 cucchiai di miele per dolcificarla bene e renderla più gradita.

Per saperne di più e comprare online

Se vi chiedete dove poter trovare queste dieci erbe anche in vendita online, eccovi le proposte ordinabili in rete per averle sempre a disposizione per preparare tisane rilassanti:

Eccovi altri rimedi naturali contro lo stress ed il nervosismo che vi consigliamo di provare in aggiunta alla proposta delle nostre tisane rilassanti:

Ed infine vi segnaliamo anche le nostre guide ad altre piante medicinali e piante della salute:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Bellissimo articolo, complimeti 🙂
    Io sono un’appassionata di tisane e quelle rilassanti sono quelle che utilizzo maggiormente!! Melissa, passiflora e echinacia mi stendono letteralmente 🙂

  2. Salve, ho letto un articolo su questo sito sulle tisane rilassanti, e penso ci sia un errore: c’è scritto che la verbena è nota anche come papavero della California, ma quella è l’escolzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close