Turismo sostenibile, le regole imprescindibili

di Marco del 22 giugno 2010

Spesso si parla di turismo sostenibile e non sempre a pieno titolo. Molto spesso infatti ci capita di imbatterci in vacanze che di green hanno davvero poco. A tal proposito ci viene in aiuto il decalogo redatto dall’associazione ambientalista Greenpeace, una vera pietra miliare in materia, utile a coloro che sono intenzionati a vivere una vera vacanza green.

I suggerimenti forniti da Greenpeace vanno dalla scelta dell’albergo a basso impazzo ambientale, ai mezzi di trasporto meno inquinanti, al cibo, passando per gli itinerari.

Vediamo nel dettaglio le dieci regole d’oro di Greenpeace per un turismo sostenibile:
1 Scegliere alberghi a basso impatto ambientale, strutture integrate nel contesto naturale in grado di favorire il vero sviluppo delle popolazioni locali.

2 Visitare nel corso della propria vacanza sostenibile le grandi foreste primarie del nostro Pianeta, come: la giungla temperata del Sud America, la Foresta delle Nevi in Siberia, la foresta africana dei grandi primati, le selve boreali del Nord Europa, la foresta pluviale amazzonica, le foreste del Paradiso delle isole del Pacifico, la Foresta del Grande Orso in Nord America.

3 Nel caso si voglia praticare Whalewatching (ammirare i grandi cetacei da vicino) è necessario rivolgersi esclusivamente ad operatori qualificati e che Giappone, Norvegia e Islanda continuano a praticare la caccia alle balene.

4 Non acquistare in nessun caso specie di animali a rischio d’estinzione come: il corallo, gli elefanti, le tartarughe, i rinoceronti, gli orsi, le scimmie, le balene, alcuni uccelli tropicali.

5 Evitare, se non strettamente necessario, l’utilizzo dell’aereo preferendo mezzi di trasporto a più basso impato ambientale come il treno e la nave. In vacanza non c’è niente di meglio che andare a piedi o in bicicletta.

6 Per la salvaguardia del mare porre la massima attenzione all’acquisto del pesce, evitando le specie a rischio come pesce spada, tonno e gamberoni. Inoltre è importante non consumare pesce sottomisura preferendo il pesce azzurro e quello locale.

7 Non utilizzare pesticidi chimici e articoli da mare in PVC, per difendersi dalle zanzare utilizzare le candele alla citronella.

8 Selezionare i viaggi enogastronomici OGM free, preferendo i negozi e i ristoranti che utilizzano prodotti biologici.

9 Per gli amanti dell’escursionismo praticare quello a basso impatto, non disturbando gli animali, non abbandonando gli oggetti non biodegradabili.

10 Praticare sempre la raccolta differenziata dei rifiuti prodotti.

Solo osservando queste semplici ma importanti regole sarà possibile assicurare un futuro migliore al nostro pianeta.

Buon turismo sostenibile a tutti.

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment