Yoga e mente

Tutto quel che serve sapere sulla musica yoga

A cosa serve, quali caratteristiche deve avere e i generi da preferire

La musica yoga è fondamentale nella pratica perché potenziare gli effetti benefici di questa antica disciplina. Infatti, una particolare melodia, impostata su specifiche vibrazioni sonore, aiuta ed enfatizza l’immersione in uno stato di profondo rilassamento e meditazione. Se lo yoga favorisce il benessere generale, in quanto va ad agire sia sul fisico che sulla mente, la musica può aumentarne l’effetto rilassante e favorire la concentrazione.

Tutto quel che serve sapere sulla musica yoga

Musica yoga: a cosa serve

Durante la pratica dello yoga, l’accompagnamento musicale è un’ottima scelta, perché favorisce il rilassamento ed il benessere generale, fisico e psicologico-spirituale.

In generale, è scientificamente appurato che ascoltare musica apporta numerosi benefici dal momento che vengono rilasciate endorfine e dopamina, i cosiddetti “ormoni della felicità”. La stessa musicoterapia è una disciplina che produce sui pazienti, oltre ad un miglioramento dell’umore, anche una riduzione di stati di dolore, ansia e stanchezza.

Visti tutti i benefici di entrambi, è chiaro che l’abbinamento con la musica non può che generare risultati sorprendenti e potenziare i benefici dello yoga.

A livello mentale, i giusti suoni e le vibrazioni corrette facilitano la concentrazione e il rilassamento. La musica giusta induce quindi all’allentamento della tensione mentale, favorendo al tempo stesso la massima concentrazione sul presente.

Inoltre, la musica può anche essere d’aiuto per scandire il ritmo delle varie asana da eseguire.

Benefici della musica yoga

Ecco nel dettaglio in che modo la musica (anche indipendentemente dallo yoga) può apportare benefici.

  • Riduce l’ansia
  • Allevia gli stati di stress
  • Aiuta a far abbassare i valori della pressione sanguigna
  • Favorisce il bilanciamento degli ormoni
  • Calma il battito cardiaco
  • È un aiuto per far rientrare nella norma i valori di colesterolo
  • Allontana i pensieri cattivi
  • Favorisce la concentrazione
  • Migliora il flusso dei movimenti
  • Rilascia dopamina, il neurotrasmettitore del piacere

Musica yoga: che caratteristiche deve avere

Durante la pratica, l’utilizzo della musica non è obbligatorio. Anzi, alcune persone la vedono come un elemento di distrazione. In ogni caso, abbiamo visto che, dato i suoi benefici effetti, l’inserimento non può far altro che potenziarne i benefici.

Tutto quel che serve sapere sulla musica yoga

I maestri di yoga prevedono una musica di accompagnamento alla pratica con specifiche caratteristiche.

Gli elementi principali che devono caratterizzare la musica yoga sono:

  • melodia dolce
  • armonia delicata
  • assenza di suoni troppo alti

Inoltre, è consigliato scegliere una playlist universale, senza alcun beat, in modo da essere adattata alle esigenze della singola lezione.

Frequenza musica yoga

A seconda della pratica svolta, svolgono un ruolo importante le frequenze espresse in Hz. Ecco alcuni esempi pratici:

  • 174 Hz: allevia stress, ansia e dolore
  • 285 Hz: guarisce organi e tessuti
  • 396 Hz: libera da paure e sensi di colpa
  • 417 Hz: favorisce il cambiamento
  • 528 Hz: trasforma e ripara il Dna
  • 639 Hz: ricongiunge le relazioni
  • 852 Hz: ristabilisce l’ordine spirituale

Volume musica yoga

In generale, la musica va tenuta ad un volume sempre piuttosto basso. Deve infatti costituire una presenza discreta e mai invadente, un sottofondo che aiuti a concentrarsi e non a distrarre.

Musica yoga: tipologie di musica più adatte

Ascoltare la musica che piace fa sempre bene. Per ottenere i massimi benefici dall’ascolto musicale, è bene quindi optare per i propri generi musicali preferiti. Tuttavia, è anche vero che alcune tipologie musicali sono più indicate rispetto ad altre per alcuni momenti e contesti.

Nel caso specifico dello yoga, per la scelta musicale si deve tener conto della tipologia di yoga praticata.

Per i tipi di yoga più lenti e meditativi, come l’Hatha Yoga, è bene optare per una musica dolce e tranquilla, che ti accompagni verso il rilassamento.

L’Ashtanga Yoga, che è un tipo di yoga più dinamico e vigoroso, preferisce invece una musica più ritmata e che trasmette energia, ideale per aiutare a tenere il ritmo e la coordinazione dei movimenti.

Qui di seguito andremo ad indicare, in maniera generica, quali sono le principali e più comuni tipologie di musica.

  • Classica: indicata per le attività di meditazione, aiuta a favorire la calma, la concentrazione e l’equilibrio emotivo. Inoltre, influenza in senso positivo anche l’umore, la creatività e la spiritualità
  • Ambient: costituita da vari elementi, come suoni della natura, strumenti acustici o elettronici, cori o voci singole, crea un’atmosfera profonda ed eterea, capace di indurre il rilassamento, la concentrazione e l’armonia tra corpo e mente
  • Devozionale spirituale indiana, caratterizzata da suoni armonici dal forte potere rilassante
  • New age: caratterizza da un’atmosfera rilassante ed armoniosa, stimola la connessione con il sé interiore, la concentrazione e l’equilibrio energetico. A livello fisico, aiuta a seguire il flusso della respirazione e dei movimenti. Inoltre, favorisce anche l’intuizione, la fantasia e la creatività
  • Orientale strumentale, eseguita solo con strumenti (niente voce) di tradizione orientale, come il sitar e le campane tibetane
  • Etnica: musica ispirata alle tradizioni e alle culture di vari popoli del mondo, è spesso arricchita da elementi sonori esotici molto suggestivi. Spesso rilassante ed armoniosa, aiuta a calmare la mente, sciogliere le tensioni, respirare meglio e ad entrare in contatto con il proprio sé interiore.

Musica yoga rilassante

Per una pratica yoga volta a favorire il rilassamento e incentrata sul respiro, sono particolarmente indicati i suoni della natura e le basse frequenze.

I generi e gli stili musicali più adatti per accompagnare questo tipo di yoga sono:

  • la musica classica
  • i suoni della natura
  • la musica new age
  • la musica lounge o chillout tipo le playlist Buddha bar
  • la chillout music

Musica yoga e mantra

Spesso, durante la pratica dello yoga o della meditazione, si usa recitare i mantra. Questi sono ripetizioni continue di parole o sillabe sacre per indurre uno stato di trance. I mantra più comunemente noti sono l’Om, Hare Krishna e Om Namah Shivaya.

Altri esempi sono i mantra sanscriti e i kirtan, canti devozionali che esprimono amore e gratitudine verso una divinità o un maestro spirituale.

La cosiddetta musica per mantra è utile per aiutare a creare uno stato di rilassamento e concentrazione molto profondi, volti ad indurre una connessione con l’Universo e con il proprio sé interiore più profondo.

Nello yoga, questo stile di musica, aiuta ad armonizzare i chakra così da stimolare la guarigione sia fisica che emotiva.

Musica yoga con strumenti

Adatta per accompagnare l’esecuzione della pratica e la recitazione dei mantra, è la musica strumentale eseguita con strumenti tipicamente orientali, come campane tibetane, sitar, bansoori, liuti, percussioni ed anche strumenti a fiato.

Tutto quel che serve sapere sulla musica yoga

Musica yoga relax

Se si soffre di insonnia o di disturbi del sonno, come il sonno irregolare o l’apnea notturna, può risultare utile praticare lo yoga per dormire prima di andare a letto.

Per ottimizzare i suoi effetti, questa tipologia di yoga può essere accompagnata da melodie dolci, ripetitive ed armoniose. Particolarmente adatti per questo scopo sono i suoni della natura, i mantra, le campane tibetane e le melodie dolci eseguite con arpe e flauti.

I ritmi lenti e le melodie soavi, meglio ancora se eseguiti con strumenti tradizionali, aiutano a creare l’ambiente ideale per il riposo in quanto allontanano i pensieri negativi e favoriscono un piacevole senso di pace interiore.

Musica yoga e suoni della natura

Spesso, la pratica yoga, soprattutto quella principalmente incentrata sulla meditazione, è accompagnata da musica ambientale. Una musica quindi che, utilizzando suoni naturali o sintetici, riproduce suoni della natura, come il rumore dell’acqua, il cinguettio degli uccelli, il rumore del vento, così come anche le campane tibetane.

Questo tipo di musica, detta musica ambientale, allontana i pensieri e svolge un effetto calmante e ipnotico. Per questo è indicata a chi a problemi di insonnia.

Musica yoga per meditare

La musica adatta per favorire la meditazione e che va anche a stimolare consapevolezza e concentrazione, può essere una melodia dolce e ripetitiva, la ripetizione continua di mantra e canti sacri, così come una musica caratterizzata da suoni armonici.Una musica di tal genere è indicata se si desidera liberarsi da stress e tensioni, in modo da rilassare corpo e mente.

Musica yoga gratis

Online è possibile trovare molte applicazioni che permettono di scaricare musica per lo yoga gratuitamente. Scopriamo insieme quali sono le principali.

  • Yoga Music: app gratuita che offre una ricca selezione di musica yoga, suddivisa in categorie (relax, mantra, meditazione, sonno, etc…). È possibile creare playlist personalizzate e impostare la funzione sveglia per svegliarsi con la musica yoga preferita
  • Spotify: servizio di streaming musicale che è dotato di un’ampia sezione di musica per il wellness, comprensiva di playlist curate da professionisti del settore
  • YouTube: offre una ricca selezione di playlist per lo yoga e la meditazione, di vari generi e durate. Tra i canali consigliati citiamo Meditation Relax Music, Yoga Music e Soothing Relaxation
  • Insight Timer: applicazione gratuita con ricca libreria di musica, corsi e podcast e meditazioni guidate per il benessere fisico e mentale, suddivisi tra varie categorie, tra cui yoga, stress, sonno, mindfulness, etc…
  • SoundCloud: sito di condivisione musicale dove ascoltare e scaricare gratuitamente brani composti da artisti indipendenti di tutto il mondo. Ci sono anche tracce di musica new age, ambient, chillout e altre tipologie perfette per accompagnare lo yoga e la meditazione
  • Amazon Music Unlimited: servizio di streaming musicale on demand che consente, previa iscrizione, di avere accesso illimitato a tutti i generi di musica anche da scaricare e ascoltare offline

Altri approfondimenti

Sempre sul tema yoga, ti segnaliamo alcune guide tematiche che potrebbero interessarti ed esserti utili:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness e il benessere in generale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio