Yoga e mente

Palo santo, l’incenso sudamericano che scaccia le energie negative

Cos'è, a cosa serve e come si brucia

Il Palo santo è un’alternativa all’incenso Si tratta di legnetti di una pianta che proviene dal Sud America. Nella tradizione antica era utilizzato durante vari riti. Si ritiene sia utile ed efficace per scacciare le energie negative come il malocchio.

Palo santo, l’incenso sudamericano che scaccia le energie negative

Ecco la nostra guida pratica su tutto quello che serve sapere: proprietà e utilizzi di questo legno naturale da bruciare per purificare la casa e per donare maggiore benessere, fisico, mentale e spirituale.

Palo santo: cos’é

Un incenso sudamericano che si presenta sotto forma di schegge o bastoncini di legno profumato, secco e facile da accendere. Emana un gradevole profumo ed un fumo intenso.

Nella tradizione originaria viene utilizzato per la purificazione e durante i rituali. Bruciarlo è un rituale sacro utile a scacciare le energie negative.

La pianta del Palo santo

La Bursera graveolens è un albero tropicale presente in Ecuador, Perù e sulle isole Galapagos.
Il suo legno viene normalmente usato come sostituto dei più tradizionali e conosciuti franchincenso ed incenso, resine derivate dalla Boswellia.

La raccolta del legno dalla Bursera deve seguire delle regole ben precise. Anzitutto, vengono utilizzati alberi morti e seccati a terra.

Inoltre, i pezzi di rami, caduti naturalmente a terra, vanno lasciati sul suolo per un periodo minimo di tempo che va dai 4 ai 10 anni, così da impregnarsi bene dei suoi preziosissimi oli essenziali. Per questo motivo la sua produzione è abbastanza limitata.

Palo santo

Varietà di Palo santo

Esistono diverse varietà, che differiscono fra loro per provenienza, colore e intensità di profumo. Scopriamo quali sono le principali.

  • Amarillo: Originario della regione del Manabì, nel centro-sud dell’Ecuador, ha un profumo fresco e balsamico, ma non intenso. Altrettanto delicato è anche il suo colore, tra il giallo e il beige. La tipologia consigliata a chi lo utilizza per la prima volta
  • Especial: la pianta da cui si ricava questo legno cresce ad una altitudine di 600 m, in una zona dove l’Ecuador confina con il Perù. Questo albero cresce su un terreno aspro e selvaggio. Le rocce ed il terreno dalla composizione particolare, e la brezza legata all’altitudine, donano al legno un profumo denso e robusto. I legnetti sono piuttosto voluminosi ed irregolari. Generano un fumo pervasivo e duraturo. È la varietà più indicata per eseguire rituali di purificazione di persone e ambienti, oltre a riequilibrare campi energetici profondi e scacciare i pensieri cattivi
  • Seleccion: il migliore legno peruviano, selezionato tra le parti più pregiate e profumate dell’albero. Proviene dalla città di Piura, in un’area dove si alternano periodi di siccità e piogge abbondanti. I legnetti che se ne ricavano sono sottili ed emanano un profumo dolce, profondo e molto aromatico. Produce poco fumo. Per questo si tratta della varietà più adatta a chi cerca un aroma di sottofondo non troppo aggressivo, per ricreare un po’ di relax a casa dopo il lavoro. È utile anche per profumare gli ambienti ed eliminare i cattivi odori
  • Popular: varietà ricavato da una varietà pregiata di Bursera graveolens, che cresce tra Ecuador e Perù, e poi tagliato a mano in paletti regolari. Di colore giallo intenso, ha un elevato contenuto di olio essenziale, che sprigiona un aroma dolce, intenso ed avvolgente. Consigliato a chi conosce ed ha già utilizzato questo legno odoroso ed è alla ricerca di un aroma pieno e intenso, volto a favorire il rilassamento, accogliere la propria spiritualità, ripristinare il proprio equilibrio interiore ed accompagnare lo yoga.

A cosa serve il Palo santo

Veniva usato durante le cerimonie sciamaniche per creare ponti spirituali con l’aldilà. Oggi, considerate tutte le sue benefiche proprietà, è usato per:

  • rilassamento profondo: perché il suo aroma, agendo a livello profondo, va a calmare gli stati emotivi negativi, facendo esplodere allo stesso tempo l’energia positiva
  • yoga: per elevare il proprio equilibrio interiore ad un nuovo livello di consapevolezza
  • meditazione: per raggiungere un livello più profondo del proprio inconscio
  • aromaterapia: la sua intensa profumazione rende la casa un luogo sicuro e protetto dalle energie negative
  • eliminare odori sgradevoli e negatività in casa

A cosa serve bruciare il Palo santo

Secondo la tradizione, si usa per scacciare le negatività e i malesseri di carattere fisico-mentale, come depressione, tristezza e cattivo umore.

Palo santo

Ma vediamo più nel dettaglio quali sono le principali proprietà che vengono attribuite all’utilizzo del Palo Santo.

  • Purifica l’energia dell’ambiente allontanando le energie negative e ridonando luce e respiro all’atmosfera
  • Favorisce il benessere mentale. Proprio per questo viene spesso usato durante sessioni di yoga, meditazione e training autogeno
  • Favorisce il sonno, agendo da rilassante psico-fisico
  • Allevia i problemi a carico delle vie respiratorie (tosse e raffreddore) ed attenua asma e stati allergici
  • Tiene lontane le zanzare ed altri insetti molesti

Palo santo in crema

Oltre che sotto forma dei classici bastoncini di legno, si trova anche come ingrediente in creme e altri prodotti per la cura e l’igiene personale, perchè possiede altri benefici:

  • idratante: rende la pelle liscia, morbida e levigata
  • attenua fastidi cutanei se usato come ingrediente di shampoo e lozioni, come forfora, psoriasi e dermatite di vario tipo
  • allevia i fastidi provocati dalle punture di zanzare ed altri insetti

Palo santo sotto forma di gocce

Si trova anche in tintura madre, ottenuta dalla macerazione idroalcolica della sua corteccia. Si utilizza per:

  • alleviare i dolori di stomaco
  • favorire la naturale regolarità intestinale
  • alleviare i dolori in modo naturale come il mal di schiena e gli stati infiammatori causati da artrite e dolori muscolari

Come accendere il Palo santo: rituale

La corretta tecnica corretta di accensione di questo . Dopo averlo accesso, è importante anche sapere come mantenerlo accesso e mantenerne la qualità sia delle resine che degli oli essenziali in esso contenuti.

  • Accendetelo con una fiamma non molto potente. Perfetto un accendino o una candela. Avvicinate la fiamma ad una estremità del legno e attendete che inizi a bruciarlo.
  • Mantenete la fiamma a contatto col legno per circa 30 secondi facendo attenzione che non si carbonizzi. Quindi allontanatela
  • Spegnete e soffiate sulla brace per spegnere il fuoco e diffondere il caratteristico fumo bianco. In pratica, bisogna creare una sorta di piccola brace da alimentare di sovente, soffiandovi sopra in maniera delicata.

Rituale del Palo santo

Per garantire la continua produzione di fumo, occorre spegnere la fiamma quasi subito dopo aver bruciato il legno e poi sistemare i pezzetti all’interno di un braciere areato, oppure su un sostegno a molla.

Dal momento che produce cenere, ponetevi sotto un piattino in modo da non sporcare. Ricordate di mantenere gli ambienti sempre ben areati.

Palo santo: proprietà magiche

Far bruciare i legnetti serve per allontanare le energie negative e per diffondere nell’atmosfera di casa delle energie positive.

Grazie all’intensa quanto gradevole profumazione del fumo che si sprigiona dalla combustione di questo legno, si favorisce anche uno stato dl rilassamento.

Palo santo e malocchio

Secondo le antiche tradizioni sudamericane questo legno proteggerebbe adulti e bambini dal malocchio, la cosiddetta ‘planga blanca’.

Palo santo: se il fumo è nero

Il fumo deve uscire bianco. Se nero, significa che stiamo carbonizzando il legno e/o stiamo bruciando una esagerata quantità di oli essenziali.

In tal caso si va ad intaccare il profumo e il livello di aromaticità del legno, sminuendone le sue proprietà.

Come purificare la casa con il Palo santo

La purificazione è tramite il fumo, come avviene per altri legni e resine che, bruciando, emanano un profumo intenso, balsamico e purificante, per esempio il Guggul, sostanza ricavata dalla Commiphora wightii, il Sandalo indiano bianco, e per mezzo della diffusione degli oli essenziali nell’ambiente.

Palo santo

Il fumo del Palo santo è molto intenso e profumato, in casa può essere sufficiente accendere solo qualche scheggia per profumare le varie stanze.

Quando accendere il Palo Santo

Le sue proprietà sono davvero numerose, ma altrettanto numerose sono le occasioni per accenderlo.

Ad esempio, quando si fa yoga o meditazione, quando si è depressi o semplicemente giù di morale, così come dopo un litigio o una discussione.

Accenderne un pezzetto di legno aiuta ad eliminare le tensioni accumulate, a livello fisico ed energetico.

Palo Santo e aromaterapia

Nell’ambito dell’aromaterapia può essere usato per:

Palo Santo e massaggi

È prassi abbastanza comune, durante le sessioni di massaggi, accendere dei bastoncini d’incenso o bruciare del legno di a Bursera graveolens. Questo permette di:

  • rilassare i muscoli e le articolazioni
  • creare uno stato di benessere psico-fisico volto a contrastare alcuni sintomi associati ad ansia, depressione, stress e sfoghi emozionali

Quante volte usare il Palo Santo

Dopo il primo utilizzo lo si può utilizzare ancora altre volte.

Il Palo santo fa male?

Spesso, le persone temono che gli incensi possano far male. Con il Palo Santo non si corre alcun pericolo perché, trattandosi di un legno aromatico totalmente naturale, garantisce caratteristiche di naturalità e salubrità al 100%.

Non è impregnato né addizionato di profumo. A differenza del comune incenso, il Palo Santo ha proprietà energetiche simili ma le sue vibrazioni energetiche risultano essere più sottili, e quindi garantirebbero una purificazione più profonda.

Il Palo santo è cancerogeno?

Il fumo ottenuto dalla combustione del legno della Bursera graveolens non è cancerogeno, se inspirato direttamente.

Tuttavia, è sempre meglio restarne lontani e utilizzare il profumo che impregna l’aria dopo la sua bruciatura, una volta spenta la fiamma, per favorire uno stato di rilassamento, benessere e serenità.

Palo santo: quale comprare e come capire se è buono

Osservando alcune caratteristiche esteriori, possiamo capire se ci troviamo di fronte ad un prodotto di qualità, e quindi procedere tranquillamente all’acquisto. Ecco i parametri da valutare attentamente.

  • Colore: se originario dell’Ecuador, deve avere un colore paglierino, se originario del Perù deve invece essere un po’ più dorato. Indipendentemente dal numero di venature, non deve mai essere né troppo scuro né troppo chiaro. Se molto scuro, potrebbe essere stato estratto da parti poco pregiate, se invece troppo chiaro, potrebbe trattarsi di un legno detto ‘Palo santo bianco’, un tipo poco profumato, usato soprattutto per l’incisione e la creazione di gioielli
  • Maturazione: deve stare sul terreno come minimo 4 anni per maturare. Quello che proviene da legno tagliato da alberi vivi, è venduto a prezzi molto bassi e porta risultati poco soddisfacenti sia dal punto di vista etico che per l’intensità della profumazione emanata
  • Fumo: deve essere bianco. Se risultasse nero, è segno di scarsa o nulla stagionatura. Meglio quindi farlo asciugare un paio di giorni sul termosifone
  • Odore di resina: strofinandolo più volte tra le mani, deve lasciare sulle dita un odore di resina delicato, ma persistente
  • Certificazione dei fumi: all’atto dell’acquisto, chiedete sempre il rilascio della ‘prova dei fumi’ eseguita in laboratori italiani. Certificazioni serie e affidabili sono garanzia che il prodotto non sia stato trattato chimicamente, né in fase di crescita della pianta, né durante le sue successive fasi

Che odore ha il Palo Santo

Ha un profumo fresco ed agrumato, dato dalla presenza di limonene. In base a dove la pianta cresce, il contenuto varia, condizionando così sia l’aroma, che l’intensità dell’olio essenziale di cui è impregnato.

Dove si compra il Palo Santo

Si trova in erboristeria e nei negozi etnici, soprattutto in quelli specializzati negli articoli tibetani e nepalesi. Ovviamente si può acquistare comodamente online con un semplice click.

Quanto costa un Palo Santo?

Indicativamente, negli shop online, si trovano confezioni da 15 gr contenenti 2 o 3 bastoncini al prezzo di 6,00 circa.

Perché si chiama Palo Santo?

L’espressione Palo Santo vuol dire ‘legno sacro’ o ‘legno dei santi’ e gli venne attribuito dai monaci spagnoli quando sperimentarono le sue capacità di purificazione e guarigione di molti stati.

Altri approfondimenti sullo yoga

Potrebbero esserti utili anche questi articoli:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button