Ruggine delle piante: rimedi naturali, cure e consigli utili

di Eryeffe del 15 novembre 2017

La ruggine è un fungo parassita molto pericoloso e infestante che può provocare la morte delle piante, comprese quelle da frutto. Vediamo di cosa si tratta, quali sono i metodi per prevenirla e i rimedi naturali per sconfiggerla.

Tra tutti gli organismi patogeni che possono compromettere la salute delle piante, la ruggine è sicuramente uno dei più temibili. Si tratta di un fungo parassita molto pericoloso che attacca le piante sopratutto in Primavera, con picchi nel mese di giugno.

La presenza di questo patogeno è rivelata dalle caratteristiche pigmentazioni marroncine o giallognole che compaiono sulla parte superiore delle foglie. Sotto le foglie, invece, si formano dei grumi anch’essi di colore giallo e polverulenti.

FOCUS: I rimedi naturali contro gli afidi delle piante

La ruggine delle piante determina un avvizzimento e ingiallimento graduale delle foglie con conseguente annerimento delle macchie, che tendono a trasferirsi anche su tronco e rami. Ciò conduce ad un arresto dello sviluppo vegetativo e alla morte graduale della pianta.

ruggine delle piante

Essendo un fungo, le condizioni ideali per lo sviluppo della ruggine sono temperature miti (18-24°) e un alto tasso di umidità nell’ambiente e nel terreno.

Tutte le piante possono essere colpite da questo parassita, ma le più esposte sono gli abeti, le clematidi, il geranio, la rosa e il pesco. La ruggine colpisce anche le piante ornamentali, le piante grasse, le siepi e gli alberi da frutto e tende a propagarsi da un esemplare all’altro con estrema rapidità.

Ruggine, combatterla con rimedi naturali

La prima regola fondamentale per proteggere le piante dalla ruggine è la prevenzione. Ogni esperto di giardinaggio sa che dall’inizio della primavera in avanti è bene controllare periodicamente e scrupolosamente il fogliame in modo da individuare eventuali ingiallimenti o macchie ‘sospette’.

La ruggine delle piante, infatti, non fa mai il suo esordio in maniera eclatante. Compare molto gradualmente, con macchiette apparentemente innocue, e porta ad una lenta quanto inevitabile morte della pianta.

Per evitare che ciò accada potete avvalervi di alcuni rimedi naturali molto efficaci nel trattamento di questa malattia. Ovviamente, prima interverrete, più possibilità avrete di bloccare sul nascere il parassita.

Per sconfiggere il fungo parassita responsabile della ruggine potete ricorrere ad infusi naturali a base di ortica o aglio. Entrambi hanno capacità disinfettanti per il terreno e la pianta stessa.

ruggine

Infuso di aglio contro la ruggine delle piante

Per preparare l’infuso di aglio anti-ruggine: fate bollire 10 l di acqua con 3 teste di aglio di grandi dimensioni. Lasciate raffreddare e versate l’infuso direttamente nel terreno, al posto della normale acqua di irrigazione.

Nel caso in cui preferiate procedere con l’infuso di ortica, la ricetta  prevede: 500 gr di foglie di ortica fresca ogni 5 l di acqua bollente. Fate riposare per almeno 1 giorno e 1 notte e poi usate il preparato per irrigare la pianta.

SCOPRI: Contro i parassiti delle piante l’infuso di edera

In entrambi i casi è importante non sottoporre le piante a trattamenti ‘preventivi‘: l’infuso deve essere somministrato solo in presenza della malattia e fino al suo completo debellamento.

Dopo la guarigione, meglio ripetere il trattamento ogni 6 mesi per un anno. Questo eviterà pericolose recidive.

L’ortica è uno dei rimedi naturali più efficaci per sconfiggere molte malattie e parassiti delle piante, tra cui anche la ruggine

Ruggine delle piante ornamentali

Tra tutte le piante ornamentali, quella più vulnerabile all’attacco della ruggine è sicuramente la rosa. Dopo la comparsa delle prime macchie, le parti colpite cambiano di forma e può capitare che foglie, piccioli e fiori perdano l’aspetto originario e naturale. A questo punto, cosa fare per salvare la nostra pianta?

ruggine

La ruggine delle rose è una malattia che colpisce molte piante ornamentali

La prima raccomandazione consiste nell’eliminare tutte le parti colpite per poi procedere ad un trattamento specifico. Oltre ai rimedi naturali già descritti, in commercio esistono molti prodotti biologici che possono rivelarsi miracolosi. Li si può acquistare nei negozi di giardinaggio, in tutti i garden center o dal vostro vivaista di fiducia.

  • Polvere di roccia: ricca di silicio, questo prodotto forma una barriera naturale sulle parti aeree della pianta. Ovviamente è un metodo preventivo, che contrasta la ruggine delle rose e risulta efficace anche nei confronti di molte altre malattie infestanti. L’ideale è quella in microparticelle, ad esempio la polvere di roccia micronizzata.
  • Poltiglia bordolese: combatte le infezioni crittogamiche e le malattie fungine, tra cui la ruggine delle rose. La si può preparare in casa oppure comprarla già pronta all’uso. Nel primo caso ricordate di utilizzarla immediatamente altrimenti l’efficacia tenderà a svanire con il trascorrere del tempo.
  • Decotto di equiseto: è un rimedio naturale in grado di rafforzare le piante e aumentarne la resistenza agli attacchi fungini e parassitari più comuni. La sua efficacia è dimostrata anche durante la fase più virulenta della malattia. grazie all’azione dell’acido salicilico di cui è ricco.  Si può preparare anche in casa facendo bollire 30 grammi di equiseto in 1 litro d’acqua. Successivamente, deve essere vaporizzato con regolarità su tutta la pianta fino alla guarigione.

Ruggine delle piante da frutto

Come anticipato, anche le piante da frutto non sono immuni dagli attacchi di questa malattia fungina. Anzi, trovando collocazione in spazi aperti sono ancora più vulnerabili.

I principi chimici più utilizzati nella lotta alla ruggine sono anticrittogamici a base di rame e zinco, che devono essere somministrati alla pianta ogni 10-15 giorni solo in caso di malattia.

ruggine delle piante

Un metodo molto efficace per ‘prevenire’ la comparsa della ruggine è sfoltire periodicamente la chioma della pianta in particolare quando tende ad infittirsi. Questo consentirà al sole e all’aria di penetrare e asciugare le parti aeree e i rami anche nelle zone più fitte e poco esposte.

È bene ricordare che una volta rimosse, il fogliame e le altre parti infette devono essere bruciate per non contaminare altre piante o alberi presenti nell’orto o in giardino.

Altre informazioni

Potete trovare prodotti anti ruggine per piante a base naturale e senza sostanze chimiche:

Ecco tutti i nostri consigli specifici per i vari tipi  di parassiti e sulle malattie che possono attaccare il nostro giardino o il balcone:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment