Bici

Tutto sul kit per bici elettrica: cos’è e come funziona

Come trasformare la propria bicicletta in una bici a pedalata assistita

Il kit per bici elettrica è un kit di conversione composto in genere da motore, batteria e da una centralina che può essere installato sul telaio di una normale bicicletta per trasformarla in bici elettriche chiamate anche a pedalata assistita. Si ottiene così un mezzo green approvato anche dal Codice della strada.

Tutto sul kit per bici elettrica: cos’è e come funziona

Nuove frontiere della mobilità sostenibile: questo kit permette con una spesa che va da poche centinaia di euro a oltre 2000 euro di adattare la propria vecchia bici alle nuove abitudini di mobilità cittadina.

Ma questo prodotto, realizzato oggi da aziende di tutto il mondo, ancora non è molto conosciuto e tanti sono i dubbi e le domande sul suo funzionamento.

Cerchiamo di chiarire i dubbi su questo kit e scopriamo che prodotti propongono aziende e start up di tutto il mondo che sviluppano tecnologie sempre più innovative, pratiche e funzionali.

Kit bici elettrica: cosa è e come funziona

Il kit di conversione per bicicletta da classica a elettrica è un insieme di elementi che montati sulla bicicletta tradizionale la trasformano in bicicletta con pedalata assistita o pedelec – pedal electric cycle.

Il kit si compone di:

  • motore
  • batteria
  • centralina
  • sensore di pedalata

Vi daremo consigli per l’acquisto del kit più adatto alle vostre esigenze, ma iniziamo con approfondire meglio la differenza tra bicicletta tradizionale e bicicletta a pedalata assistita.

Cosa è la bici a pedalata assistita o pedelec

La bicicletta a pedalata assistita è un veicolo che grazie all’ausilio elettrico e alla potenza media dei motori di circa 250 W raggiunge i 25 km/h previsti dalla norma del Codice della strada.

Se la bicicletta supera i 25 km/h di velocità sino a 45k/h non si può più parlare di pedelec ma si tratta invece di bicicletta elettrica che secondo il Codice della Strada, rientra nella categoria dei velocipedi a motore (Speed Electric Bike), mentre il pedelec rientra ancora nella categoria delle biciclette.

Le Speed Electric Bike sono inquadrate dal codice della strada come i ciclomotori:

  • richiedono età minima 16 anni
  • è obbligatorio casco, patentino o patente AM
  • devono avere specchietto retrovisore, clacson e cavalletto
  • vanno omologate, assicurate e immatricolate.

Perché scegliere una bici a pedalata assistita

Tra i motivi più importanti segnaliamo:

  • facile da usare e molto pratica: soprattutto per le persone anziane che abituate da sempre ad andare in bicicletta incontrano le prime difficoltà nell’affrontare lo sforzo ad esempio nelle salite cittadine.
  • mezzo di trasporto sostenibile per la mobilità cittadina permettendo di accedere anche nelle zone a traffico limitato
  • veloce e funzionale per chi deve recarsi al lavoro o spostarsi in città piene di traffico
  • amato anche dagli sportivi appassionati di tour e trekking perché permette di percorrere molti chilometri in più rispetto alle classiche mountain bike

Perché scegliere un kit per la bici elettrica

Scegliere di applicare un kit può essere una scelta giusta per risparmiare  e per continuare a usare la propria bici.

In media infatti una bicicletta con pedalata assistita costa intorno ai 2.000 euro per le versioni di base, mentre i kit di elettrificazione può avere dei costi decisamente più accessibili. Ma occhio all’acquisto, che va fatto solo se si è in grado di installare il kit. Inoltre, sul mercato ci sono sempre più spesso delle offerte per l’acquisto di e-bike e pedelec e dei bonus sono ciclicamente approvati dal Governo.

Quanto costa un kit per bicicletta elettrica

Il costo del kit varia da qualche 300 euro fino a 2.500 euro.

Non fatevi ingannare dal prezzo basso, e visionate bene cosa comprende il kit. Spesso, se sono economici, è perchè sono privi di una batteria al litio di buona qualità, che è il pezzo fondamentale che garantisce affidabilità, capacità prestazionali e lunga durata al kit.

Per ottenere dalla conversione un mezzo sicuro, abbastanza veloce e resistente bisogna spendere almeno 500-1.000 euro.

Come installare il kit per bici elettrica fai da te

L’installazione del kit per bici elettriche fai da te non è per tutti bisogna avere molta dimestichezza con la meccanica delle biciclette, oppure chiedere aiuto a un meccanico professionista.

Il montaggio dipende anche dal tipo di kit acquistato e vanno rigorosamente seguite le istruzioni qualora decideste di procedere in autonomia, scelta che sconsigliamo.

Come procedere al montaggio del kit

I kit per biciclette elettriche tipicamente si compone di

  • una sezione centrale con motore
  • corona per la catena
  • mozzo di collegamento per i pedali
  • batteria

Per installarlo, a grandi linee dovete compiere queste azioni:

  • rimuovere il vecchio mozzo 
  • togliere la corona della bicicletta
  • installare il nuovo pezzo centrale che contiene il motore
  • effettuare i collegamenti con la batteria tramite cavi appositi
  • posizionare la batteria
  • agganciarla tramite blocchi forniti nel kit
  • rimontare il mozzo che al suo interno avrà i cavi di alimentazione del motore, collegati alla batteria
  • fissare sul manubrio il quadro comandi

Dove si posiziona la batteria

Questo dipende dalla capienza della batteria inclusa nel kit. Si può metterla:

  • nel sottosella se piccola
  • al centro del telaio se è leggera
  • in un apposito vano portapacchi posteriore, al di sopra della ruota se piuttosto capiente

Kit di conversione per bici elettrica: guida all’acquisto

Online sono disponibili molti prodotti anche made in Italy. Ma attenzione bisogna leggere con cura cosa contiene il kit prima di acquistarlo per non avere brutte sorprese: in primis controllare che nel prezzo sia inclusa la batteria.

Inoltre  dovete verificare il tipo di batteria inclusa perché a volte è facile da montare come ad esempio sulle bici off road, a volte invece sono troppo grandi e pesanti  e non trovano posto e necessitano di un kit di montaggio specifico per batterie con supporti adeguati.

Controllare prima di acquistare anche le performance del motore che può influenzare molto la vosta pedalata: in particolare va verificata la coppia motrice come per tutti i motori elettrici.

I kit per bici elettriche più performanti

I cosiddetti Kit motore mid-drive sono i più efficienti e sicuri: il motore è montato all’altezza dei pedali e quasi non altera l’aspetto della bici. Tra questi kit consigliamo

  • Bikee Bike è made in Italy realizzato da una start up italiana. Mid – drive con 250 W di potenza e la coppia massima di 120Nm, il motore prende il posto della corona, riducendo gli ingombri. Si presta molto bene all’elettrificazione delle MTB. Si acquista online sul sito aziendale a partire da 1.293 euro: il prezzo varia a seconda della batteria.
  • Bafang BBS01B. L’azienda è leader del settore e offre un’ampia gamma di motori per la trasformazione di biciclette da muscolari a pedelec. Il kit BBS01B si compone di un propulsore da 250W con installazione sul mozzo dei pedali con una coppia massima di 80Nm. Perfetto sia su city bike sia sia su MTB. il prezzo è di circa 389 euro, la batteria si compra a parte.

I kit per bici elettriche più economici

Acquistare un kit per e-bike spendendo poco è possibile. Ma attenzione in fase di installazione, il meccanico può fare la differenza.

Un kit p L-faster YKB127  costa solo 127 euro circa è forse il più conveniente e si compone di 11 pezzi. Tra questi un motore con potenza di 250 watt, una catena, una ruota libera con adattatore, un controller del motore, una piastra di montaggio con i suoi bulloni, una maniglia a farfalla con leva del freno, un faro dotato di indicatore del livello della carica, un interruttore e una barra lunga 18 centimetri.

Da comprare a parte batteria e carica batteria che costano in genere altri 150-200 euro.

Il kit più leggero e di facile installazione

  • Dioche Kit Controller è il più leggero sul mercato e dunque adatto anche a biciclette tradizionali. Contiene un piccolo motore da 150W di potenza, i fili di collegamento, le manopole sostitutive per la bicicletta con accelerometro e freno, il nuovo copri-corona per il passaggio della catena, un piccolo schermo LCD da installare sul manubrio piuttosto grande ed anche impermeabile all’acqua e resistente alla polvere. Si distingue per la facilità di installazione: non è infatti necessario smontare completamente il mozzo della vecchia bicicletta per la conversione, i collegamenti vengono fatti sul vecchio installandovi al di sopra la nuova corona. Costa introno ai 129 euro ma anche questo prezzo non comprende la batteria da acquistare a parte.

Kit con buon rapporto qualità-prezzo

  • Tongsheng Torque Sensor è un ottimo kit, senza batteria che costa circa 390 euro. Voltaggio di 36V e per una potenza di 350W funziona con sensore di coppia, presente su entrambi i pedali che vuol dire che il motore fornisce assistenza alla pedalata proporzionale alla forza applicata. Ha un’ottima qualità dei materiali e delle lavorazioni meccaniche, delle  pressofusioni in alluminio, dell’utilizzo di viti a brugola in acciaio inox e tutti cavi sono sigillati perfettamente all’interno del motore.

Kit per elettrificare bici con batteria inclusa

  • Kit Bafang 250W 36v per elettrificare la bici è uno dei tanti kit della casa a vendersi completo già di batteria 36V 15.6ah. perfetto per biciclette MTB costa intorno ai 700 euro.

Kit di ruote motorizzate

Oltre ai kit per il telaio della bike si possono acquistare  anche ruote dotate di motore.

Hanno un motore collegato al mozzo brushless, con centralina integrata e batteria (Li-Ion) estraibile. Hanno un sensore che si collega al pedale per modulare la pedalata assistita a seconda della trazione ricevuta tramite la trasmissione, aggiustando in questo modo l’assistenza fornita.

Vediamo cosa offre il mercato

  • Ghigo Hycore T1 è una ruota posteriore a tre razze che nascondono  due motori da 125W l’uno e la batteria che garantisce un’autonomia di circa 50 km e si ricarica in meno di 4 ore. Facilissima da montare compatibile con le ruote da 28” che non abbiano freni a disco. Acquistabile sul sito aziendale per 990 euro tutto incluso.
  • Copenhagen Wheel è invece una ruota motorizzata compatta con autonomia di circa 50 km e un peso di soli 6 kg. Compatibile con ruote da da 26” o 28” senza freno a disco. Costa 1200 euro.
  • Urban x, simile nella forma alla famosa Copenaghen Wheel con il motore centrale e raggi più corti. Potenza massima di 240W con 30km di autonomia, vanta  tre livelli di assistenza selezionabili e il prezzo si aggira sui 260 euro.
  • E-cal 1020 è una ruota anteriore motorizzata che sfrutta le discese per accumulare energia da utilizzare in salita. Ha dunque la particolarità di non usare  batterie e quindi avere un peso molto ridotto. perfetto per bici classiche.

Tutto sulla bici

Tutto sulla mobilità sostenibile:

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button