Categories: Cani

Un altro splendido cane da pastore: il pastore olandese

Attento e intelligente, è un ottimo come cane da guardia e cane guida

Tra i tanti cane da pastore (sono quasi 400 le razze riconosciute come tali) oggi andremo alla scoperta del pastore olandese, un cane non molto diffuso nel nostro paese ma che di certo ha tante caratteristiche interessanti. Il cane da pastore olandese è un cane scattante, affidabile e leale, molto intelligente che si affeziona molto al suo padrone.

Non ha esigenze particolari: ha bisogno di spazio e di movimento quotidiano e, essendo un cucciolo sensibile, ha bisogno della presenza del suo amato padrone. Ottima razza da lavoro, segue con cura il proprio gregge, ma è anche un ottimo cane da guardia perché di carattere diffidente e non socializza facilmente con gli estranei. La sua stazza è medio-grande, può avere il pelo lungo o corto o un pelo duro, il colore è marrone-nero.

Pastore olandese: caratteristiche della razza

Chiamato nella lingua d’origine, Hollandse Herdershond è una delle razze di cani da pastore diffusi quasi esclusivamente nel proprio territorio d’origine, i Paesi Bassi, dove veniva utilizzato fin dai tempi antichi come cane da lavoro.

Esistono 3 specie di pastore olandese, a pelo corto, lungo e a pelo ruvido. È un animale facile da allevare e non ha particolari esigenze. Si lega molto al proprio padrone, è un cane fedele e obbediente.  Un po’ diffidente con gli estranei, ma molto socievole in famiglia e con gli altri animali.

Ed è perfetto tra i cani da guardia, grazie al suo carattere introverso e molto fedele, come cane da compagnia anche in presenza di persone con difficoltà motorie, anziani e bambini.

Ha infatti una innata volontà di dare aiuto: per questo oggi il pastore olandese viene spesso allevato per diventare cane poliziotto o cane guida.

Il pastore olandese si distingue poi per una naturale intelligenza, è sveglio affidabile e non tradirà mai il suo padrone.

Origine del Pastore olandese

L’Hollandse Herdershond ha origini antiche nei Paesi Bassi, come cane da pastore si occupava del bestiame ma veniva allevato in campagna anche come cane da guardia. Probabile la sua derivazione dall’incrocio tra il pastore tedesco e il pastore belga.

Dal ‘900 in poi inizia a diffondersi l’utilizzo di questo cane anche per altri scopi, in particolare viene allevato come cane poliziotto usato anche dall’esercito, grazie alla sua intelligenza e agilità.

Questa razza è rimasta popolare solo in Olanda per molto tempo: oggi è sempre più apprezzato anche in Danimarca, Svezia e Finlandia.

Pastore olandese: aspetto

Si tratta di un cane di taglia media-grande, muscoloso con una massiccia struttura fisica. Alto, agile e dall’andatura sciolta e armoniosa. Può definirsi in breve un cane di taglia media, massiccio ma scattante e slanciato.

Esistono tre varietà :

  • a pelo lungo: presenta un manto dai peli, ispidi e ruvidi, più lunghi nella zona delle zampe e del collo. Il colore del pelo è bruno con un effetto tigrato che si diffonde su tutto il corpo, coda compresa.
  • a pelo corto: un manto corto ed irsuto, soprattutto sul muso e sulle orecchie.
  • a pelo ruvido: il manto è di colore grigio, il pelo ruvido, lanoso e particolarmente fitto.

La variante più comune è quella a pelo corto.

Resistente, gran lavoratore e disciplinato: ma non solo, il pastore olandese è anche un cane molto intelligente.

Aspetto del Pastore olandese

Tra i cani di taglia media è uno dei più muscolosi:

  • altezza: al garrese circa 57-62 cm per i maschi e 55-60 cm per le femmine
  • peso: attorno 30 kg
  • corpo: ha un tronco robusto, ma non in modo eccessivo
  • dentatura: robusta
  • occhi: di colore di marrone scuro, hanno una forma a mandorla e non sono molto grandi
  • orecchie: a punta alte e piccole
  • testa e muso: allungati con tartufo nero di medie dimensioni
  • coda: di media lunghezza presenta una leggera curva verso l’alto
  • pelo: può essere corto, lungo e ruvido. Ciò che non cambia è il sottopelo che risulta sempre lanoso. Il mantello può avere un color tigrato, con sfumature oro e argento che possono anche sfumare verso il sabbia o il rosso castano.

Un cane da pastore forte, intelligente e di grande resistenza fisica, agile nei movimenti e forte. Tutte queste sue caratteristiche fisiche lo hanno reso da sempre un ottimo alleato dell’uomo nella cura delle greggi.

Pastore olandese: il carattere

Il carattere è amabile: è un cane discreto e non particolarmente giocherellone, ma molto fedele al padrone, affettuoso e docile ai comandi.

Una sua dote è una spiccata intelligenza ed un acume sviluppato che lo rendono davvero un amico di cui avere piena fiducia: sempre all’erta e attento, veloce e una vera garanzia di protezione per il suo padrone.

Negli anni, infatti, questa razza è stata sempre più allevata come cane guida per i ciechi o come cane poliziotto per le ricerche e per il soccorso.

Molto apprezzato come comandante di gregge, dotato di formidabile prontezza di riflessi, è usato tra i cani da compagnia. Ma attenzione, prima di adottare un cucciolo, cercate di essere sicuri di essere la famiglia adatta a lui.

Perché scegliere un cucciolo di Pastore olandese

Non è una razza che necessita di molte cure e molte attenzioni, si adatta molto bene alla vita sia in campagna all’aria aperta sia in famiglia.

Non è escluso l’appartamento, ma a condizione che venga portato fuori tutti i giorni e per diverso tempo. Il contatto con la natura e la socializzazione con altri cani è molto importante per il benessere di questo animale.

Se si sta cercando un cucciolo pigro e casalingo non è il cane che va bene per voi: è vivace e ha bisogno di correre e di camminare molto.

Inoltre, non è adatto a stare da solo per troppo tempo, sente la mancanza del padrone, e questo potrebbe portarlo ad abbaiare molto.

Nel caso di famiglia con bimbi piccoli o addirittura con persone disabili o persone molto anziane, si consiglia fortemente di adottare un cucciolo di questa razza olandese, perché può costituire un elemento prezioso per il benessere dell’intera famiglia. Può essere in grado, infatti, di dare nuova energia, di donare affetto e di chiedere davvero poco in cambio.

Pastore olandese: cosa mangia

La migliore alimentazione per un cane di questo tipo è costituita da crocchette secche, insomma da cibo per cani equilibrati e composti da tutti i necessari componenti nutrizionali, che possono offrire una dieta bilanciata e sana.

Nel caso di vita in campagna e di alimentazione casalinga si consiglia di preparare dei cibi adatti al cane, includendo anche il consumo di carne e pesce almeno due volte a settimana e di yogurt, per regolarizzare l’intestino.

Sono vietati tutti gli avanzi che possono contenere alimenti troppo speziati, conditi o dolci.

Salute e vita media del Pastore olandese

È un cane forte, che non soffre di gravi patologie congenite. Tra le uniche che si possono presentare abbiamo le displasie articolari.

In realtà non soffre di particolari malattie, va sottoposto alle visite di routine dal veterinario e va vaccinato contro cimurro, parvovirus, leptospirosi ed epatite.

Sottoposto a controlli medici periodici, se conduce una vita sana e una dieta equilibrata, vive in forma e felice una media di 12-13 anni.

Toelettatura del Pastore olandese

Può avere tre tipi di pelo, corto, lungo e ruvido. Tutti e tre le specie hanno un periodo di muta e quindi possono perdere pelo, ma mai in eccesso.

  • Esemplari a pelo lungo: bisogna avere un po’ più di attenzione nella cura del manto e spazzolarlo con regolarità, soprattutto se vive molto all’aperto, come è giusto che sia per un cane da pastore.
  • Esemplari a pelo corto: tutto è ancora più semplice e basterà lavarlo e spazzolarlo una volta a settimana.
  • Esemplari a pelo ruvido: invece è importante lavarlo più spesso delle altre specie per rendere il suo pelo più morbido.
Un cane sveglio, attivo e davvero altruista.

Dove adottare un pastore olandese

Adottarlo è un percorso che va fatto con attenzione e consapevolezza. Si ricorda che gli allevamenti devono essere certificati e iscritti all’Ente nazionale cinofilia italiana.

In Italia troviamo alcuni allevamenti specializzati, ma non sono molto diffusi. I cuccioli vanno richiesti con giusto anticipo e vi sono tempi di attesa.

Acquistare un cane presso allevamento Enci è fondamentale per avere certezza dell’origine del cucciolo, del suo stato di salute, per vere un cucciolo ben curato e ben svezzato, vaccinato e in salute.

In Italia vi segnaliamo i seguenti allevamenti di pastori olandesi

  • Kristaleclub vicino ad Asti
  • Melamordo in provincia di Varese
  • Dark Doom a Brunico in Trentino Alto Adige

Quanto costa un cucciolo

Un cucciolo di pastore olandese con regolare libretto Enci e pedigree ha un prezzo variabile tra 1.000 e 1.800 euro.

Chi è il padrone ideale di un pastore olandese

Il padrone ideale del cucciolo di pastore olandese è una persona presente, che ha voglia di passare del tempo con il proprio cane. Possibilmente attiva e con il desiderio di condividere momenti con l’animale.

Adatto a famiglie con bambini, perché questa razza è fedele e docile, mai aggressivo e molto protettivo. Ottimo supporto per anziani e persone con disabilità, perché il cane è così intelligente da sapersi immedesimare nelle difficoltà altrui. E’ però importante che si garantisca all’animale di correre all’aria aperta o passeggiare ogni giorno.

Non è adatto a chi lavora troppo e non ha tempo da dedicare perché ne soffrirebbe molto e perché non può rimanere a casa da solo per troppo tempo, finirebbe con il fare danni e con abbaiare per molto tempo.

Approfondimenti utili

Ti segnaliamo anche questi approfondimenti sulle varie razze di cani da pastore:

Outbrain
Share
Published by
ScriBio

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.