Piante e fiori

Tutto sulla Pilea peperomioides, la pianta delle monete portafortuna

Caratteristiche e consigli per la cura e la coltivazione

Simbolo di fortuna e abbondanza, la Pilea peperomioides spopola su Instagram ed è ormai onnipresente in tantissimi uffici ed appartamenti privati. Per la forma perfetta delle sue foglie ed il portamento elegante, costituisce quasi un oggetto di design più che una pianta. Oltre ad essere così bella ed originale, è davvero molto semplice da curare. Ma andiamo a conoscerla più da vicino.

Tutto sulla Pilea peperomioides, la pianta delle monete portafortuna

Pilea peperomioides, caratteristiche

Soprannominata “pianta delle monete cinesi”, la Pilea peperomioides è una pianta originaria dell’America del sud e dell’Asia. Il curioso soprannome fa riferimento alla particolarissima forma delle sue foglie, perfettamente tonde proprio come delle monete.

Si tratta di una sempreverde succulenta perenne appartenente alla famiglia delle Urticaceae.

La Pilea peperomioides ha portamento cespuglioso ed è dotata di un robusto apparato radicale. Vediamo meglio le sue caratteristiche:

  • fusti: alti circa 50-60 cm, sono carnosi marrone chiaro
  • foglie: grandi e carnose, sono perfettamente tonde. Hanno margini lisci e netti. Sono lucide di un bel verde scuro brillante
  • fiori: poco appariscenti, sono bianchi e somigliano a quelli della begonia
  • semi: piccoli e scuri

Fioritura della Pilea peperomioides

Fiorisce in primavera. I fiori, piccoli e bianchi, hanno comunque uno scarso valore ornamentale. A rendere davvero interessante la Pilea sono le sue particolarissime foglie.

Come curare una Pilea peperomioides

Molto semplice da curare, è una delle piante perfette per uffici e per le case anche di chi non ha il pollice verde.

Ecco i parametri basilari da conoscere per farla vivere al meglio.

  • Clima e temperatura: non sopporta temperature al di sotto dei 10°. In inverno va riparata in casa, in piena luce ma lontana dai caloriferi e da eventuali spifferi d’aria
  • Esposizione: ama i luoghi luminosi ma non il contatto diretto con i raggi solari
  • Terreno: cresce bene in qualunque tipo di terreno, tuttavia predilige un substrato sciolto, ricco di sostanza organica e ben drenato
  • Annaffiature: resiste bene alla siccità, ma dalla primavera e per tutta l’estate irrigata abbondantemente avendo cura di mantenere il terreno sempre costantemente umido. In inverno invece le annaffiature vanno ridotte al minimo indispensabile
  • Potatura: in primavera, eliminare eventuali germogli troppo lunghi

Pilea peperomioides

Che concime usare per la Pilea

Dalla ripresa vegetativa e fino alla fine dell’estate si consiglia di concimare la Pilea peperomioides ogni 15 giorni con un concime liquido specifico per piante verdi, diluito nell’acqua di irrigazione.

Il concime deve presentare il giusto apporto di macroelementi come fosforo, azoto e potassio, nonché una minima quantità di microelementi quali ferro, magnesio, rame, zinco e manganese.

Moltiplicazione della Pilea peperomioides

La Pilea peperomioides si riproduce in maniera spontanea per seme (la cosiddetta autosemina) ma può essere propagata facilmente anche mediante talea.

Ecco come fare. Con un attrezzo ben affilato e disinfettato, staccare un rametto sano e vigoroso. Quindi metterlo a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali.

In alternativa, è possibile effettuare una propagazione ancor più rapida, facendo radicare la talea di ramo tramite la coltura idroponica. In questo caso basterà mettere il rametto a radicare in un vaso contente acqua. Già dopo pochi giorni vedrete spuntare le radici. A quel punto, trasferite la nuova piantina in un piccolo vaso con del terriccio soffice e ben drenato.

Come dividere una Pilea

Ecco invece un metodo di moltiplicazione agamica molto semplice tramite il quale è possibile ottenere nuove piante di Pilea già cresciute ed identiche alla pianta madre. Il procedimento è davvero molto semplice. Staccate i polloni stanno alla base della pianta madre ed interrateli subito in un piccolo vaso di terracotta con terriccio soffice e fertile.

Rinvaso

La Pilea va rinvasata ogni anno, nel mese di marzo o di aprile, utilizzando un vaso sempre un po’ più grande del precedente. Usare terriccio fertile misto a un po’ di sabbia per favorire il drenaggio dell’acqua di irrigazione.

Sistemare sul fondo del vaso dei sassi abbastanza grossi o dei pezzi di coccio in modo da evitare il marciume radicale.

Pilea peperomioides

Parassiti e malattie

La Pilea peperomioides è una pianta rustica che resiste bene all’attacco dei più comuni parassiti come afidi e cocciniglie.

Talvolta la muffa grigia o la ruggine attaccano le foglie. Per quanto riguarda le malattie fungine, teme il marciume delle radici.

Pilea peperomioides, vendita

Purtroppo si tratta di una pianta difficile da trovare nei classici garden center. L’ideale è avere qualche amico o parente che ne possiede già un esemplare e procedere alla moltiplicazione come spiegato più sopra.

In alternativa, la soluzione più comoda è l’acquisto online. Su Amazon o sui portali specifici di giardinaggio si trovano facilmente sia le pianta in vaso che le confezioni di semi.

PILEA PEPEROMIOIDES 2 PIANTE vaso 14cm, piante vere
Prezzo: 24,90 €
Prezzi aggiornati il 26-07-2021 alle 5:42 PM.
PILEA PEPEROMIOIDES SUGAR, pianta vera
Prezzo: 39,50 €
Prezzi aggiornati il 26-07-2021 alle 5:42 PM.

Pilea peperomioides e gatti

La Pilea Peperomioides è una delle cosiddette piante “pet friendly”. Non è tossica né per l’uomo né per cani e gatti.

Pilea peperomioides, significato

Nel linguaggio dei fiori rappresenta una pianta che porta fortuna, denaro ed abbondanza a chi la possiede.

Pilea peperomioides

Curiosità

La Pilea venne scoperta nei primi anni del ‘900 in Cina, nella provincia montuosa dello Yunnan. Numerosissimi sono i suoi soprannomi. Nei Paesi anglosassoni è detta anche “Chinese money plant”, “Pancake plant”, “Pannenkoenplan” e “lefse plant”.

E’ infine nota anche come “Pianta del missionario” perché fu proprio un missionario norvegese che, nel 1946, la introdusse in Europa, prevalentemente in Norvegia e Scandinavia.

Approfondimenti tematici

Ed infine, ecco alcune schede monografiche su piante e fiori:

  • Piante da appartamento, le migliori contro l’inquinamento domestico
  • Quali sono i fiori azzurri più belli? Ecco la nostra selezione
  • Piante profumate: consigli pratici ed indicazioni
  • Lillà: caratteristiche, consigli e cure di questa pianta fiorifera
  • Piante erbacee: varietà, elenco e classificazione
  • Tutto sul cisto, una pianta mediterranea che ricorda la rosa selvatica
  • Piante annuali: varietà, coltivazione e cure
  • Lobelia: un genere di piante molto amate per il loro potenziale decorativo
  • Pachira: aspetto e cura di questa pianta che possiamo coltivare nei nostri interni
  • Crinum: una pianta da fiore simile al giglio tutta da scoprire
  • Le diverse varietà di euphorbia, dalle più decorative a quelle più facili da coltivare
  • Come coltivare il Clerodendro, una pianta altamente decorativa
  • L’aconito è una pianta velenosa dai bellissimi fiori blu, usata in omeopatia per curare ipertensione e ansia grave
  • Alla scoperta della santolina: spesso utilizzata per decorare aiuole e siepi, è anche un ottimo rimedio fitoterapico
  • La Fritillaria, una pianta ornamentale dal design particolare e dagli splendidi fiori esotici

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close