Piante e fiori

Sedum rubrotinctum: consigli per la cura e la coltivazione

Clima, esposizione, annaffiatura, potatura e concimazione

Le piante grasse sono famose per la loro resistenza e la scarsa manutenzione che richiedono. Sono quindi la scelta perfetta per chi non ha il “pollice verde” o per chi ha poco tempo per dedicarvici. Il Sedum rubrotinctum è una succulenta che dà origine a graziosi cespuglietti compatti con tante piccole foglie carnose dalla forma ovoidale che ricorda un fagiolino. Non è un caso che questa pianta venga soprannominata “jelly bean”, che letteralmente significa “fagioli gelatinosi”. Può essere piantata in piena terra o in vaso, per arredare davanzali o tavoli con i suoi caldi toni rossastri che variano in base alla temperatura e all’esposizione.
Andiamo quindi a scoprire insieme come coltivarla.

Sedum rubrotinctum: consigli per la cura e la coltivazione

Le caratteristiche del Sedum rubrotinctum

Essendo una pianta grassa, è piuttosto facile da coltivare e presenta piccoli tessuti carnosi e “succulenti” in grado immagazzinare un gran quantitativo d’acqua.

Grazie all’assorbimento dell’acqua, foglie, fusti e radici si ingrossano fino ad assumere forme diverse molto caratteristiche che possono ricordare piccole sfere o rosette.

Le foglie, di forma ovale, sono verdi con sfumature rossastre. In genere ce ne sono 2-3 in prossimità di ogni nodo. In primavera, da ogni apice, si aprono tanti piccoli piccoli fiorellini di un bel giallo intenso. Il Sedum rubrotinctum è una pianta grassa dall’elevato potenziale decorativo.

Quali sono le varietà del Sedum rubrotinctum

Molto graziosa la varietà ‘Aurora’, dal portamento compatto e cespuglioso. Questa pianta presenta foglie molto carnose, di forma tondeggiante e nei vari toni del rosa.

Per via del suo colore, le ramificazioni sembrano dar forma a collane di perle. Affinché questa varietà mantenga la sua particolare coloritura, è importante mantenere la pianta ad una corretta esposizione al sole, altrimenti, diventerà verde acqua.

Nonostante la sua indiscutibile bellezza e grazia, questa varietà di Sedum rubrotinctum sa essere molto rustica. Riesce infatti a sopportare lunghi periodi di siccità e temperature prossime allo 0°C.

Come curare il Sedum rubrotinctum

Trattandosi di una pianta grassa, è adatta per essere coltivata un po’ ovunque, proprio grazie alla sua rusticità.

Vediamo comunque nello specifico i fattori a cui prestare più attenzione.

  • Clima: cresce bene a temperature miti, specie in primavera e autunno. Non resiste invece al freddo estremo. Se non si vive in una zona calda, è bene coltivarlo in vaso, anziché direttamente in piena terra in giardino, così da poterla portare al riapro quando le temperature si abbassano di molto (dai 5℃ in giù) evitando così il congelamento. Quando le temperature oltrepassano i 30 ℃, questa pianta può diventare dormiente
  • Irrigazione: necessita di un po’ d’acqua durante la fase di crescita, ovvero in primavera e in autunno. Ridurre, quasi sospendere, le annaffiature in inverno e in estate quando è inattivo
  • Terreno: predilige un tipo di terreno sciolto e ventilato, che ne favorisce la crescita. Può andar bene anche un terreno per piante succulente. In alternativa, è possibile mescolare muschio di torba, perlite, vermiculite e roccia vulcanica, in rapporto 4: 2: 2: 2
  • Concimazione: non ha bisogno di fertilizzanti perché, essendo una succulenta, è abituata a crescere in natura, anche in ambienti poveri. Se si vuole, è possibile somministrare un poco di fertilizzante a lento rilascio a inizio estate. Evitare invece di fertilizzare durante la fase di dormienza in quanto nutrienti in eccesso non assorbiti possono danneggiarne la crescita

Quale esposizione del Sedum rubrotinctum

Richiede luce trasparente e diffusa. Se non riceve luce a sufficienza, infatti, questa pianta assume un aspetto spento: il tessuto diventa fragile e il colore gradatamente si affievolisce. Inoltre, la forma stessa della pianta si allenta, diventa verde-giallognola e diviene poco resistente alle malattie.

Tuttavia, non va esposto alla luce diretta del sole perché potrebbe bruciare foglie e steli.

Come si pota il Sedum rubrotinctum

La potatura serve per mantenere una bella forma e quindi potrebbe rivelarsi utile soprattutto in caso di esemplari di grandi dimensioni. Ad esempio, rami troppo densi e eccessivi vanno tagliati in primavera e in autunno. Gli strumenti da utilizzare sono forbici e coltelli, purché ben affilati e perfettamente disinfettati.

Come si riproduce il Sedum rubrotinctum

Ci sono vari modi per propagare questa pianta grassa. Il sistema più comune è quello di utilizzare le foglie per favorire la propagazione.

In primavera o in autunno, selezionate da una pianta sana, uno stelo piuttosto robusto a cui sono attaccate 5-6 foglie. Tagliatelo quindi con un coltello affilato e disinfettato, ed appoggiatelo su un terreno leggermente umido sistemando vicino al terreno la base della foglia. Sistemare in un luogo con temperatura attorno ai 25℃ e luce diffusa. Dopo 1, massimo 2 settimane, noterete spuntare un germoglio alla base della foglia.

Sedum rubrotinctum
Una piantina che farà impazzire gli amanti delle piante grasse.

Parassiti e malattie del Sedum rubrotinctum

I suoi principali nemici sono i batteri del suolo che prolificano alle alte temperatura e con alti tassi di umidità. In questo caso, la muffa può attaccare la pianta.

Un mese prima dell’inizio dell’estate, può quindi essere opportuno sterilizzare il terreno. Se la pianta è già malata, isolarla, tagliare la parte malata e cospargere sulla ferita della polvere di zolfo per evitare un’infezione secondaria.

Tra i parassiti, invece, i suoi più comuni nemici sono gli afidi, gli insetti di scala, gli acari di ragno e la farfalla bianca.

Se ve ne sono pochi, basta lavare la pianta con acqua o raccoglierli a mano. In caso di focolai estesi o parassiti che si nascondono in parti difficili da raggiungere, applicare dei pesticidi specifici per piante succulente. Applicare sempre i pesticidi la sera e in un ambiente ventilato.

Nel caso in cui i parassiti si nascondono nel terreno, è necessario cambiare il suolo. Ecco come procedere:

  • separare il sistema radicale
  • rimuovere il terreno infestato dai parassiti e sostituirlo con nuovo terriccio

In alternativa, immergere il fondo del vaso in un pesticida liquido per un paio di minuti fino a quando il terreno non avrà assorbito pesticida a sufficienza.

Infine, la malattia più letale è il marciume nero. Inizialmente, le foglie cominciano a cadere non appena le si toccano e, infine, l’intera pianta diventa nera e marcia. Questa malattia sopraggiunge quando il terreno non è ben drenato ed è troppo umido.

Sedum rubrotinctum
La miscellanea di colori di questa pianta grassa può risultare sorprendente.

Il prezzo di una piantina di Sedum rubrotinctum

È una pianta economica. Il costo di una piantina si aggira attorno ai 3,00 euro. DI seguito, troviamo alcuni esempi:

Pianta Grassa Sedum Rubrotinctum
Prezzo: 3,00 €
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 25-04-2024 alle 12:44 AM.

Approfondimenti

Se ti piacciono le piante grasse, potrebbero interessarti anche questi altri post:

Più in generale, per la cura delle tue piante, prova a leggere anche:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio