Salute

Tutto sulla sudorazione notturna e come curarla naturalmente

Perché avviene la sudorazione notturna, quali sono i rimedi e come prevenirla. Rispondiamo a queste domande su un disturbo fastidioso che si accentua nella stagione calda ma è presente durante tutto l’anno.

Tutto sulla sudorazione notturna e come curarla naturalmente

La sudorazione è un processo naturale che serve a rimettere in equilibrio la temperatura corporea, ma se avviene una eccessiva sudorazione notturna, potrebbe essere dovuta ad un brutto sogno o a della tensione emotiva irrisolta, oppure avere a che fare con cause mediche.

Sudorazione notturna: cos’è

Si tratta di una sudorazione improvvisa ed eccessiva durante la notte. Questo sintomo è piuttosto comune e può verificarsi occasionalmente. Se però si ripete per diverse notti di fila, può essere associato a disturbi del sonno o a delle patologie.

In generale,questa reazione dell’organismo è provocata da una stimolazione del sistema nervoso simpatico, cioè di uno dei sistemi nervosi autonomi del nostro corpo.

È invece importante identificare cosa stimoli il sistema parasimpatico per evitare disagi o complicazioni.

Sudorazione notturna: cause

La sudorazione notturna è un problema fastidioso, che al pari della sudorazione eccessiva, può essere legata a varie cause:

  • apnee notturne, che si verifica quando la respirazione si arresta involontariamente mentre la persona dorme
  • sindrome delle gambe senza riposo, caratterizzata da movimenti ripetuti delle gambe durante il sonno
  • reflusso gastroesofageo
  • infezioni acute o croniche, come la tubercolosi, endocardite infettiva o osteomielite
  • ipertiroidismo con una produzione di ormoni anormalmente elevata da parte della tiroide
  • squilibri ormonali, che possono verificarsi durante la gravidanza o in menopausa
  • trattamenti medici e assunzione di alcuni farmaci, i cui effetti collaterali possono includere sudorazioni notturne
  • alcune patologie tumorali tra cui il linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin.
  • disturbi del sonno come pavor nocturnus
  • stati d’ansia e stress, che possono manifestarsi con risvegli improvvisi accompagnati da un’eccessiva sudorazione, soprattutto nei disturbi da stress post-traumatico, negli attacchi di panico o in certi incubi

Non sembrerebbe invece essere legata alla temperatura nella stanza.

Sudorazione notturna da ansia

Nel caso di sudorazione legata dell’ansia si può rendere necessario un trattamento adeguato, che può includere :

  • medicina dolce come omeopatia
  • esercizi di rilassamento
  • consultazioni con uno psicologo
  • cambio di stile di vita e dell’alimentazione

Sudorazione notturna: alcuni consigli utili

In ogni caso, si consiglia di non dormire troppo coperti, anche d’inverno; una scuola di pensiero, suggerisce che sia addirittura meglio dormire nudi.

Anche l’alimentazione può giocare un ruolo importante, no all’alcol e alle abbuffate dunque, né ai cibi che causano agitazione, perché possono disturbare il sonno e modificare la temperatura corporea.

Sudorazione notturna nei bambini

Il sonno è un importante parametro di salute da controllare anche nei bambini, sebbene non ci sia l’abitudine a farlo.

Il fatto che sudino di notte non dovrebbe preoccupare i genitori. A differenza degli adulti, infatti, i bambini fino a 3-4 anni possono sudare troppo quando dormono.

Nei bimbi più grandicelli nella maggior parte dei casi, i sudori notturni sono attribuiti a un eccessivo uso di indumenti caldi durante la notte o a un cambiamento di temperatura nella stanza.

Tuttavia, l’insorgenza di inspiegabili sudorazioni notturne nei bambini potrebbe essere segno di disturbi del sonno o di problemi allergici.

Più in generale, la scoperta di comportamenti anomali come sudori notturni, un russare in maniera costante o che varia in intensità, una respirazione a bocca aperta, un sonno inquieto e risvegli frequenti, sono tutti segnali che non andrebbero sottovalutati dai genitori.

Sudorazione notturna da apnea notturna

La sudorazione eccessiva durante la notte può essere sintomo di apnee notturne, oppure essere legata a terrore notturno.

Nel caso di un’ostruzione parziale (ipopnea) o totale (apnea) delle vie aeree superiori durante il sonno, i più a rischio sono i bambini prematuri, asmatici, con rinite allergica, con ripetute infezioni otorinolaringoiatriche. Durante l’apnea, il bambino “smette di respirare” per qualche secondo, oppure può avere un disturbo del sonno ostruttivo senza necessariamente verificarsi un’apnea.

Sono interessate tutte le fasce d’età, da pochi mesi di vita a 18 anni. Ma il più delle volte tra i 2 e gli 8 anni, e poi nell’adolescenza, tra i 12 e i 16 anni.

La sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno porta a un’alterazione della qualità del sonno, e le conseguenze più frequenti sono uno stato ipertonico durante il giorno (a differenza della sonnolenza che si riscontra negli adulti), problemi comportamentali (carattere difficile, bambino arrabbiato, che cambia umore o piange facilmente), e difficoltà di attenzione a scuola.

Sudorazione notturna da terrore notturno

La sudorazione notturna può essere provocata da incubi e terrori notturni, che sono un normale disturbo del sonno che si manifesta di solito quando il bambino ha tra i 18 mesi e i 4 anni.

È meglio non svegliare un bambino soggetto a pavor notturno. Meglio comunque restare al suo fianco per assicurarsi che non si faccia del male.

Poiché il bambino non è consapevole dei terrori notturni e non ne ha memoria, è meglio evitare di parlarne la mattina.
L’ereditarietà, la mancanza di sonno, le situazioni di stress e la febbre sono tutti fattori scatenanti dei terrori notturni.

Altre cause della sudorazione notturna nei bambini

Si può infine trattare di grave reflusso gastroesofageo. Anche indizio di malattie tumorali come il linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin.

Sudorazione notturna: rimedi naturali

Tra i numerosi rimedi naturali ecco i più efficaci per i sintomi, non per le cause:

  • argilla verde un minerale dalleproprietà assorbenti ed astringenti, l’argilla verde: serve per placare la sudorazione notturna, sono sufficienti 250 gr da disciogliere nell’acqua tiepida del bagno.
  • succo di succo di pomodoro, potete anche fare affidamento su una tazza di succo di pomodoro.
  • foglie di eucalipto, immergetevi per almeno 15 minuti in un bagno in cui avete messo 1 manciata per ogni litro di  foglie di eucalipto epoi risciacquate la pelle.
  • té verde, servono invece 4 bustine di tè verde, da far bollire per 15 minuti, per un trattamento con cui lavare mani, piedi o ascelle
  • succo di limone, usate del succo di limone fresco da applicare direttamente sulle ascelle.
  • noci, anche le noci usate in pediluvio sono efficaci, versate 50 gocce di estratto di noce nell’acqua tiepida della bacinella.

Sudorazione notturna: gli oli essenziali

Nell’acqua della vasca, potrete aggiungere anche 10 gocce di olio essenziale di salvia a cui unirete 200-250 mg di sale di Epsom o del Mar Morto.

Mentre se preferite la doccia, versatene 3 gocce sulla spugna e poi strofinatela nei punti critici. Questo è un rimedio naturale che può essere utilizzato anche per contrastare la sudorazione notturna del bambino.

Sudorazione notturna

In un contenitore dotato di beccuccio a spruzzo, conservate una miscela a base di acqua e 2 gocce di olio essenziale di tea tree, un anti-batterico vegetale che funge da perfetto deodorante naturale.

Se invece preferite i deodoranti in crema, utilizzate la lavanda; per prepararne uno do-it-yourself vi occorrono:

Preparazione. Sciogliete a bagnomaria la cera d’api e poi unitevi il resto degli ingredienti. Mescolate accuratamente e poi mettete il tutto in un contenitore.

Sudorazione notturna: rimedi omeopatici

La tintura madre di hamamelide può essere l’ingrediente base di un deodorante home made da vaporizzare o spalmare. La nostra ricetta prevede l’utilizzo di 50 gocce di estratto da disciogliere in 100 ml d’acqua, ma in erboristeria potrete trovare anche l’estratto secco in polvere, di cui sono sufficienti solo 15 gr per la stessa quantità d’acqua; per potenziarne l’effetto, unitevi un paio di gocce di olio essenziale di eucalipto.

Anche il gelsomino della Virginia o gelsemium è in grado di scacciare la sudorazione notturna causata dall’ansia. È un rimedio omeopatico che dev’essere assunto il giorno prima di affrontare un colloquio o un esame, alla diluizione 30 CH.

Se invece la tensione vi scatena la cefalea, consigliamo di prendere il gelsemium ogni giorno, per almeno 7 giorni, prima dell’appuntamento fatidico.

Sudorazione notturna: infusi e tisane

Se siete mattinieri, provate questa ricetta a base di aceto di mele:

  • 10 ml di aceto di mele
  • 20 ml di acqua

Preparazione. Mescolate i due ingredienti e bevete il composto tutte le mattine a digiuno, attendete una mezz’ora e poi procedete con la colazione a base di frutta o cereali integrali.

Acqua ed aceto di mele costituiscono anche la base di un infuso di coda cavallina: usatene 1 cucchiaio da sciogliere in una tazza d’acqua da lasciare a bollire sul fuoco per almeno 5 minuti. Una volta raffreddato, filtrate l’infuso e aggiungete qualche goccia di aceto di mele, imbeveteci un batuffolo di cotone e passatelo sulle ascelle o sulla pianta dei piedi.

Sudorazione notturna

In alternativa, potete anche mettere 2 cucchiai di equiseto assieme alla scorza di due arance, in una tazza d’acqua che riscalderete a fuoco medio. Quando l’acqua inizia a bollire, posizionate le mani sopra al vapore o le ascelle. A tenere sotto controllo la sudorazione notturna, ci pensano anche gli infusi a base di valeriana, melissa, passiflora, fiori d’arancio, menta piperita e biancospino, perché calmano il sistema nervoso stressato.

La salvia è un rimedio naturale che viene utilizzato per bagni e tisane ad azione antidiaforetica e antiossidante: basta mettere in infusione almeno 10 foglie in 150 ml di acqua bollente e bere la tisana, anche fresca, poco prima di dormire.

La Ica

Web editor freelance per portali e siti che si occupano di viaggi, lifestyle, moda e tecnologia. Districatrice di parole verdi per TuttoGreen dal maggio 2012, nello stesso anno ha dattiloscritto anche per ScreenWeek. Oggi, pontifica su Il Ruggito della Moda, scribacchia di cinema su La Vie En Lumière, tiene traccia delle sue trasvolate artistiche su she)art. e crea Le Maglie di Tea, una linea di magliette ecologiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close