Il dalmata, carattere educazione e aspetto

di Eryeffe del 7 ottobre 2017

Quella del dalmata è una delle razze canine più antiche e misteriose, le cui origini sembrano perdersi secoli fa nelle raffigurazioni di cani bianchi a macchie nere rinvenute in molte regioni d’Europa, dell’Africa e dell’Asia.

Il dalmata è una razza canina di origine croata appartenente al gruppo dei segugi e dei cani da pista di sangue. Il suo impiego risale al 1912 quando i dalmata venivano addestrati come ‘cani-staffetta’ durate le guerre balcaniche.

Alcuni sostengono che il progenitore sia il bracco del Bengala, altri che appartenga alla stessa famiglia dell’alano arlecchino. Di sicuro la sua terra d’origine è la Dalmazia.

SPECIALE: le razze di cani più interessanti

Oltre ad essere uno dei cani più popolari dell’immaginario collettivo mondiale per via del popolare lungometraggio di Walt DisneyLa carica dei 101‘, il dalmata è anche il cane più ritratto dai pittori fiamminghi del XVII secolo che lo ritraevano nelle popolari scene di caccia, prova tangibile delle sue antichissime origini.

tutto sul dalmata

L’unico progenitore del dalmata ad essere stato ufficialmente riconosciuto anche dalla Federazione Internazionale è il Pointer d’Istria

Dalmata: aspetto caratteristico

Il dalmata è caratterizzato dall’inconfondibile mantello bianco a macchie nere o fegato di 2-3 centimetri di diametro che conferiscono all’animale un aspetto elegante, raffinato e al tempo stesso curioso. La taglia è media e il peso si aggira intorno ai 25 kg per i maschi, 21-23 kg per le femmine.

L’altezza varia dai 48 i 60 centimetri, anche in questo caso con differenze percepibili tra esemplari maschi e femmine. La sua corporatura è prestante, ben proporzionata, forte e dotata di buona reattività e muscolatura ben sviluppata.

Le linee del corpo e le proporzioni tra arti, testa, spalle e coda sono armoniose e donano alla figura del cane una certa raffinatezza nei movimenti accentuata dall’atletismo che gli è proprio.

Il pelo lucido, corto e compatto è elegante come il suo portamento.

tutto sul dalmata

Il pelo estremamente raso del pelo del dalmata fa si ché il cane possa soffrire il freddo sopratutto in inverno. Meglio dotarsi di una cuccia in legno ben coibentata.

Dalmata: carattere e istinti

Nonostante la sua espressione imbronciata e diffidente, il dalmata è un cane estremamente gioioso, allegro e incline al gioco. Il suo carattere è particolarmente mansueto anche se in alcune situazioni può rivelarsi imprevedibile e dar sfogo ad una certa ‘possessività‘ nei confronti del padrone.

Per queste sue peculiarità caratteriali, questa razza canina è spesso paragonata all’husky.

Protettivo verso la famiglia, affettuoso con gli umani e gli altri cani, il dalmata è dotato di una certa esuberanza che sommata all‘imprevedibilità delle sue fasi umorali lo rende il cane ideale per padroni altrettanti lunatici e ‘irrequieti’.

Irrequieto, imprevedibile, lunatico ma mai cattivo: al massimo potrà concedersi la soddisfazione di qualche piccolo dispetto a chi non gli va a genio! Giocherellone come pochi, fedele e perfettamente adattabile sia alla vita all’aperto che in appartamento, il dalmata è il compagno di giochi ideale anche per i bambini.

tutto sul dalmata

il dalmata è un vero giocherellone e se trattato con dolcezza e gentilezza ricambierà le attenzioni del suo padrone con un affetto smisurato

Dalmata: educazione e addestramento

Vista la sua natura e l’innata propensione al movimento, questo cane deve poter fare abbastanza moto anche per sedare il suo animo irrequieto e sfogare i ‘bollenti spiriti’.

L’ideale è fargli fare delle lunghe ed intense passeggiate, almeno un’ora al giorno, ma senza eccessi: specie da cucciolo, il dalmata può soffrire di problemi articolari e sviluppare patologie anche gravi.

Relegato in casa, il dalmata si annoia, si indispettisce  e dà sfoggio della sua testardaggine, l’imprevedibilità e anche la distruttività che lo contraddistingue.

Vuole sentirsi al centro delle attenzioni del padrone, giocare con lui ed essere coinvolto in qualche attività di famiglia. Se ignorato, diventa insofferente e prepotente.

Le malattie del dalmata

Il dalmata non presenta solitamente grossi problemi di salute. Come ogni razza di cani, però, tende a sviluppare con maggiore frequenza alcuni tipi di patologie.

Ricorda: se stai comprando un cucciolo di dalmata, chiedi all’allevatore di mostrarti tutti i documenti e i certificati che accertino la provenienza genealogica del cucciolo e il suo stato di salute.

Dalmata: quali le patologie tipiche della razza?

Sordità ereditaria: si tratta di una patologia ereditaria che colpisce con particolare frequenza i dalmata. Qualsiasi dalmata ne è portatore in potenza e non è infrequente che genitori sani diano vita a cuccioli sordi. Si tratta di un problema dove esiste parecchia letteratura, che si è interessata ai difetti dell’orecchio interno tipici di questa razza, che portano alla sordità.

Urolitiasi: il dalmata presenta un sistema urinario unico nel suo genere, che lo rende suscettibile alla formazione di calcoli del tratto urinario. Si tratta appunto dell’urolitiasi. L’urina di un dalmata contiene acido urico invece di urea o allantoina. I calcoli si formano dai sali dell’acido urico. Si tratta di una cosa da verificare nelle periodiche visite veterinarie.

Allergie della pelle: il dalmata può soffrire con una certa frequenza di allergie cutanee. Ci sono tre tipi principali di allergie:

  • allergie alimentari, che sono trattate con un processo di eliminazione di alcuni alimenti dalla dieta del cane;
  • alcune allergie da contatto, causate da una reazione ad una sostanza topica come lettiere, polveri di pulci, shampoo per cani e altri prodotti chimici, e trattati rimuovendo la causa dell’allergia.
  • allergie da inalazione, causate da allergeni presenti nell’aria come polline, polvere e muffa. Il farmaco per le allergie inalatorie dipende dalla gravità dell’allergia. È importante ricordare che le allergie da inalazione sovente si accompagnano con infezioni dell’orecchio.

Displasia dell’anca: infine, questa patologia che è comune a diverse razze. La displasia dell’anca è una malformazione dell’articolazione coxo-femorale dei cani che si sviluppa durante la fase di crescita del cane. Come noto, può dare adito a dolori molto fastidiosi per il cane e fare sorgere l’artrosi cronica.

Dalmata: prezzo

Il valore di un cane di razza come questo varia in funzione della sua età, dell’albero genealogico e delle sue caratteristiche fisiche e caratteriali, che eredita geneticamente. Si va da un minimo di 700-800 euro, ma ogni allevamento ha la sua politica di prezzo. Inoltre la qualità, il pedigree ed i titoli  i titoli conquistati dai genitori in esposizione fanno aumentare il suo valore, che può arrivare ai 1.200-1.500 euro. Ricordate sempre di fare un giro nei canili della vostra zona perché purtroppo ci sono persone che prendono un cane e poi non riescono a tenerlo e se ne sbarazzano. Potreste trovare un be dalmata ad aspettare proprio voi.

Ti segnaliamo: le schede sui Terrier, bassotti e altri cani da caccia

Dalmata: allevamenti

Ci sono regole fondamentali per l’acquisto di un cane da un allevamento: il venditore vi deve fornire il libretto sanitario del cane, dove devono essere riportati i vaccini contro le malattie virali e i trattamenti antiparassitari effettuati, l’iscrizione all’anagrafe canina, il microchip, e deve esserci un contratto di vendita, in cui sia scritta la garanzia della buona salute del cucciolo.

In particolare il dalmata deve aver effettuato un test audiometrico (baer test) e deve aver completato lo svezzamento, quindi si preferisce prenderlo con sè solo dopo i 90 giorni.

Ci sono diversi allevamenti di questa razza e potete trovare dei begli esemplari, diffidate invece di chi vi vuole vendere un cucciolo, o peggio regalare, su eBay o siti vari di annunci, spesso sono rubati o con pedigree falsificati (che è un reato penale).

Devono essere allevamenti noti e titolari di affisso rilasciato dall’ENCI, l’ente cinofilo italiano, che ha una sezione dedicata proprio agli allevamenti in cui potete trovare per regione quello che fa per voi; inoltre c’è una parte dedicata agli addestratori. Esistono poi diverse sedi del Club Amici Dalmata per avere informazioni per individuare gli allevatori affidabili della vostra regione.

Importante: prima di adottare un cucciolo, sia di dalmata che di altre razze, ricordate sempre che non sono dei peluche! Le associazioni che si occupano di cani abbandonati devono fronteggiare situazioni penose dovute a persone superficiali, poco informate e allevatori irresponsabili.

Spesso i cani sono maltrattati appena diventano adulti, e i cuccioli più cresciuti sono ingestibili e indisciplinati. Diversi proprietari si rendono conto di aver scelto un cane al di sopra delle loro possibilità. Dunque prima di acquistare un dalmata, verificate se il vostro stile di vita e le vostre esigenze possono offrire una casa adatta a questo tipo di cane.

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment