La parietaria, parente dell’ortica e ricca di proprietà nutritive, ma nota soprattutto per le allergie

di Alessia del 2 maggio 2018

La Parietaria officinalis vanta numerose proprietà benefiche per il nostro organismo, ma è anche nota per le reazioni allergiche che è in grado di provocare. Ecco allora una guida per capire come impiegarla per il trattamento di piccoli e grandi disturbi.

La parietaria, parente dell’ortica e ricca di proprietà nutritive, ma nota soprattutto per le allergie

Parietaria: descrizione della pianta

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta dei rimedi naturali e andiamo a scoprire da vicino la Parietaria.

Questa pianta sempreverde fa parte della famiglia delle Urticaceae, proprio come l’ortica. Cresce nei terreni rocciosi, ai bordi delle strade, nei pressi dei muretti. È originaria del continente europeo e la troviamo fino a 700 metri di quota. Si adatta sia ad ambienti in penombra che in pieno sole.

Le foglie sono verdi, sottili e di forma ovale, pelose nella pagina inferiore e un po’ appiccicose al tatto. Proprio per questo riescono ad attaccarsi bene ai muri.

I fiori sono anch’essi verdi e sono composti da piccole capsule nere o marroni contenenti i semi. Compaiono dall’estate fino all’inizio della stagione autunnale.

Il fusto è di colore rossastro e ricoperto da peli. Generalmente non supera i 40 cm di altezza.

Curiosità: la Parietaria è nota con diversi nomi: muraiola (perchè si abbarbica ai muri, erodendoli con il tempo), erba vetriola (perchè riesce a lavare bene ogni tipologia di vetro), erba vento o gamba rossa.

Parietaria proprietà

Le numerose proprietà della parietaria sono legate alla presenza di diverse sostanze concentrate nella parte aerea della pianta.

Questo rimedio viene impiegato nel trattamento e la cura di varie patologie e disturbi, vediamoli tutti.

Depurativa

Aiuta a depurare l’organismo: è un ottimo diuretico, grazie alla presenza del potassio e dei flavonoidi. Per questo spesso viene indicata sotto forma di tisana a chi vuole combattere la cellulite o ridurre i liquidi in eccesso durante una dieta dimagrante.

Espettorante

Stimola l’espulsione del catarro e tratta i sintomi della tosse, della bronchite e dell’asma.

Cura i disturbi della vescica

Per anni è stata impiegata nel trattamento di problematiche legate a vescica e reni. Aiuta ad attenuare i sintomi della cistite e i calcoli delle vie urinarie. Questo dipende dalla presenza della mucillagine che agisce anche da emolliente.

Antidolorifico

In caso di bruciatureustioni e ferite, riesce ad alleviare il dolore e aiuta il processo di cicatrizzazione. Si presenta anche come un valido rimedio per il prurito. In tutti questi casi viene usata come poltiglia di erbe da stendere direttamente sulla cute (cataplasma).

Usi della parietaria

Questa pianta viene impiegata come tisana, decotto o succo, ma anche sotto forma di cataplasma, come abbiamo appena visto.

La troviamo spesso anche come ingrediente di medicinali oppure sotto forma di granuli, gocce e tintura madre nel caso della medicina omeopatica.

L’erba andrebbe raccolta al momento della fioritura, per essere usata fresca o anche essiccata. In quest’ultimo caso però andrebbe conservata in un barattolo ermetico.

Parietaria in cucina: ricette

Non tutti sono a conoscenza del fatto che la parietaria può essere usata in cucina per la preparazione di diverse ricette. Si possono fare minestre oppure usare gambi e foglie per preparare frittate, risotti e ottime insalate.

Vellutata di parietaria

Vediamo ora una ricetta facile e veloce per una gustosa vellutata di parietaria.

Ingredienti per 3 persone:

Procedimento:

  • tagliate la cipolla a fettine e fatela soffriggere con un filo di olio. 
  • Lavate per bene la parietaria e strizzatela per bene di modo da far perdere l’acqua in eccesso. Poi versatela nella padella con la cipolla.
  • Seguite la nostra ricetta per preparare la besciamella vegetale.
  • Frullate la parietaria e poi unite il composto alla besciamella, facendo amalgamare il tutto.
  • Aggiustate di sale, pepe e noce moscata e se volete potete aggiungere del pane raffermo a mò di crostini.
  • Adesso la vellutata sarà pronta per essere servita e gustata in compagnia.

In realtà questa vellutata può trasformarsi anche in una crema deliziosa con cui condire la pasta. 

parietaria officinalis

Altro primo piano di parietaria officinalis cresciuta spontaneamente.

Allergia alla parietaria

Una nota a parte merita l’allergia alla parietaria, che tende a manifestarsi con gli stessi sintomi dell’allergia al polline. Quindi si presenteranno starnuti, lacrimazione degli occhi, prurito, fino ad arrivare all’asma nei casi più gravi.

Chi ne è affetto deve evitarne ovviamente il consumo, prestando attenzione anche ad altri cibi quali melonebasilico, ciliegie, piselli, ortica. Essi difatti contengono pericolosi allergeni che potrebbero solo aggravare la situazione.

Qualora ci si accorga di essere allergici alla parietaria, l’unica strada possibile è quella di seguire un’adeguata terapia, seguiti da uno specialista.

Scopri altre piante utili come rimedi naturali:

  • Veronica officinalis: l’erba dalle mille virtù benefiche
  • Fitoterapia: guida alle piante officinali per curarsi naturalmente
  • Poligala: proprietà, usi e controindicazioni della pianta officinale
  • Marrubio: proprietà e modalità d’uso di questa pianta officinale
  • Serenoa repens: rimedio naturale per alopecia e problemi alla prostata
  • Alchemilla: una pianta ricca di proprietà utili in fitoterapia e non solo
  • Menta: proprietà e ricette da provare
Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment