Cani

Pastore della Sila, un cane tutto italiano per proteggere le greggi e le capre

Originario della Sila in Calabria è un cane pastore dolce e affidabile

Il pastore della Sila, anche chiamato pastore calabrese, è originario del territorio calabrese della Sila. Da qui il nome di questo importante rappresentante delle diverse razze italiane. Si tratta di cani da pastore autoctoni della regione, che dobbiamo rispettare e conservare, perché rappresenta lo spirito di adattamento alle variazioni ambientali e alle peculiarità di un territorio.

Pastore della Sila, un cane tutto italiano per proteggere le greggi e le capre

Conosciamo meglio questa razza specifica italiana, come si presenta e quali sono le sue caratteristiche principali.

Che cane è il Pastore della Sila

Questo cane pastore è tipico del territorio montano calabrese ed è una razza peculiare della regione.

Si tratta di una tra le varietà più antiche utilizzate in Calabria per la difesa e la guardiania delle mandrie e dei greggi dai lupi, che sono ancora molto presenti sulle montagne calabresi.

Il suo carattere è austero, coraggioso e fedele, tutte caratteristiche richieste in un buon cane da pastore.

Inoltre, questa razza cane ha una innata agilità e capacità di correre sui pendii rocciosi del territorio silano.

pastore della Sila
Photo credits, © Foto di Franco Scarpino / Mammalia Calabra

Origini della razza di pastore calabrese

Si tratta di un cane che si è evoluto nelle aree montane dell’Appennino calabro, dove veniva utilizzato fin dall’antichità dai pastori calabresi per difendere le greggi dall’attacca dei lupi. E deriva probabilmente da cani da pastore portati in Calabria dalle popolazioni indoeuropee, ed anche dai Greci, che occuparono le regioni calabre.

La razza ha rischiato di perdersi, ma grazie al lavoro effettuato da studiosi e associazioni, ed appassionati di razze canine, è arrivata pura ai nostri giorni. In particolare, l’Associazione per la Tutela del Cane da Pastore della Sila si occupa di proteggere e valorizzare questo custode degli armenti calabresi, tenendolo lontano dal rischio di estinzione e tutelando la sua identità e vocazione al lavoro da eventuali derive cinofile. Cerca di approfondire le conoscenze su questa razza, lo standard, i problemi di salute e le caratteristiche di quetso cane. E ricerca nuovi soggetti da iscrivere al registro supplementare dell’Enci per l’ottenimento del pedigree, affianca gli allevatori nella selezione e immette nuovi cuccioli nella mandrie sparse su tutto il territorio calabrese.

Questa razza rappresenta la elevata biodiversità della Sila: un animale in grado di vivere in un territorio impervio e impenetrabile come è quello dell’Appennino calabro-lucano.

Viene riconosciuta come razza canina ufficialmente dall’ENCI solo nel 2015 con l’attivazione del Registro Supplementare Aperto (RSA) per razze tipiche di un territorio.

Quali sono le caratteristiche fisiche del Pastore della Sila

Come appare il pastore silano? È un cane di grossa taglia grande, forte e vigoroso. Ricoperto da un folto pelo scuro e di un sottopelo che gli consente di sopportare il freddo inverno delle montagne dove vive.

Il colore del pelo è solitamente nero, oppure focato o ‘calzato’ con qualche macchia bianca sul petto o sulla zampa.

La Natura perfetta ha voluto infatti che il colore del suo manto forse perfettamente simile al colore delle capre autoctone della regione, che tendenzialmente sono nere, fulve o focate. In questo modo bene si mimetizza con il gregge e lo può difendere dagli attacchi eventuali dei lupi.

Il cane della Sila ha la conformazione di mesomorfo ha una forte ossatura e un corpo robusto. Non è tozzo, ma è invece di corporatura armoniosa e molto agile.

Quanto pesa un Pastore della Sila

Il pastore silano mostra una evidente differenza di peso tra sesso maschile e femminile

  • gli esemplari maschi arrivano a pesare 40-50 kg
  • gli esemplari femmine pesano tra i 30 e 45 kg

Quanto vive un Pastore silano

Ha una vita media molto lunga, arriva anche a 17 anni. Resistente a malattie, è un cane forte che ha bisogno di poche cure e pochi fronzoli.

Un cane pastore di grossa taglia come questo, perché viva bene e sano, va mantenuto in costante attività fisica e all’aperto.

Che carattere ha il Pastore della Sila

Come tante altre razze di cani da pastore è innato in loro il senso di protezione, che sia di un gregge di una mandria ma anche della famiglia di adozione.

pastore della sila
Photo credits, © Foto di Franco Scarpino / Mammalia Calabra

Nasce in Sila come cane da pastore che difende le greggi di capre calabresi dagli attacchi dei lupi.

  • Resistente, riesce a vivere anche in condizioni di privazione, in ambienti freddi e con alimentazione povera. Abituato alla vita all’aria aperta e rustica è un animale forte e resistente alle malattie
  • Fedelissimo al suo padrone per il quale nutre una totale devozione
  • Guardiano incorruttibile e instancabile
  • Vivace e anche socievole rispetta il suo padrone e segue fedelmente i comandi ma è anche simpatico e giocherellone con i bambini di casa

È considerato anche un ottimo cane per vigilare le greggi e le capre, ma da un occhio anche in famiglia perché arrendevole e docile con i bambini, ma affidabile guardiano della proprietà.

Questo cane è infatti buono con il padrone, ma diffidente con gli estranei, e questo lo rende molto affidabile. Altre caratteristiche sono:

  • agile e instancabile, si arrampica facilmente su per le rocciose salite della Sila. Se vive in famiglia deve avere comunque a disposizione ampi spazi e deve correre all’aperto. Non è un cane da appartamento.
  • Intelligente e sensibile, vigile e attento, è un buon cane da compagnia che si fa molto amare dal padrone.

Dove comprare un cucciolo di Pastore della Sila

Se volete adottare un pastore calabrese bisogna affidarsi ad allevamenti certificati, che vi offriranno cucciolate con pedigree. E li trovate grazie all’ENCI e all’associazione ATPS.

Quanto costa un cane pastore silano

Un cucciolo di pastore della Sila costa da 500 a 1.000 euro.

Approfondimenti su razze di cani da pastore

Altri cani da pastore da conoscere:

Photo credits, © Foto di Franco Scarpino / Mammalia Calabra

Valerio Guiggi

Classe 1988. Laureato in Veterinaria e abilitato alla professione, si è sempre interessato alla branca della veterinaria che si occupa di Sicurezza Alimentare e Ispezione degli Alimenti, discipline per le quali a fine 2016 diventa specialista. Nella vita si occupa di consulenza sanitaria e normativa ad aziende che producono alimenti. Da sempre appassionato di scrittura, diventa articolista parlando di tematiche tecnologiche nel 2011 per unire la sua passione alla sua professione dopo la laurea. Scrive su Tuttogreen da giugno 2015, occupandosi di tematiche inerenti la sicurezza e la qualità alimentare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio