Piante e fiori

Tutto sul Rincospermo, meglio noto come “falso gelsomino”

Varietà, caratteristiche, consigli per la cura e la coltivazione

Lo avrete già visto migliaia di volte e di sicuro lo avrete scambiato per il gelsomino. Stiamo parlando del Rincospermo. Una pianta davvero molto simile al gelsomino, coltivata in giardino e molto spesso utilizzata per ricoprire ringhiere di separazione fra giardini, per pergolati, muri fioriti e siepi.

Tutto sul Rincospermo, meglio noto come “falso gelsomino”

Andiamo a conoscere questa pianta più da vicino.

Rincospermo, caratteristiche

Il Rincospermo (nome scientifico Trachelospermum jasminoides) è un arbusto rampicante sempreverde dai profumatissimi fiori bianchi. Comunemente conosciuto come “falso gelsomino”, appartiene alla famiglia delle Apocynaceae ed è originario della Cina, Giappone, Corea e Vietnam. Ecco come si presenta:

  • rami o tralci: numerosi e rigogliosi, possono essere semilegnosi o erbacei, e si allungano fino a 10-12 metri
  • foglie: oblunghe, lucide e molto spesse, sono coriacee di un bel verde scuro. Nelle zone più fredde, verso l’autunno assumono la tipica colorazione rossastra
  • fiori: piccoli, bianchi e a forma di stelle, hanno una profumazione dolce e molto intensa

Significato del nome

Il nome botanico Trachelospermum deriva dal greco e fa riferimento al fatto che i semi (spermum) si trovano nella “gola” (trachelos) dei fiori.

Varietà di Rincospermo

Ce ne sono di varie specie. Ecco le più diffuse:

  • Trachelospermum Jasminoide, ottimo come tappezzante, è la varietà più resistente e vigorosa
  • Trachelospermum Asiaticum, caratterizzato da foglie molto decorative e fioriture meno rilevanti
  • Trachelospermum Angustifolium, arbusto tappezzante e rampicante sempreverde, dal fogliame verde scuro lucido che in autunno vira sul rosso-porpora
  • Trachelospermum Nagaba, presenta foglie variegate marmorizzate di bianco, verde e rosso, con venature argentee
  • Trachelospermum Tramonto estivo, ha uno straordinario fogliame color giallo-verde-arancio, che in inverno assume tonalità rosso rubino. Questa varietà è molto resistente, sopporta bene sia il gelo che la neve
  • Trachelospermum Theta, le sue foglie sono verde scuro, con striature verde-argento nella parte centrale. Molto robusta e forte, anche questa specie, sopporta bene gelo e neve
  • Trachelospermum Jasminoides ‘Star of Toscane’, varietà proveniente dalla Toscana. In giugno produce grappoli di fiori a forma di stella, colore giallo burro; le foglie verde scuro in inverno diventano color bronzo
  • Trachelospermum Jasminoides ‘Tricolor’ è un arbusto sempreverde dal fogliame intensamente variegato di crema

Rincospermo, fioritura

La fioritura più abbondante avviene tra maggio e luglio; i deliziosi fiorellini bianchi sono così numerosi che arrivano quasi a coprire totalmente la vegetazione.

Nella seconda metà di agosto ha luogo una seconda fioritura, ma meno ricca della prima.

Per una fioritura ottimale è necessaria una buona esposizione al sole; meno sole prende la pianta e meno fiori sbocceranno.

rincospermo Trachelospermum jasminoides
Un bel primo piano di uno dei tantissimi fiorellini della pianta.

Rincospermo profumo

I suoi fiori ricordano quelli del gelsomino sia per l’aspetto che per la gradevolissima profumazione, dolce e molto intensa.

Coltivazione del Rincospermo

Originario di Cina, Giappone, Vietnam e Corea, è una tipica pianta rampicante delle zone a clima mediterraneo. Pertanto va piantata in posti caldi e in pieno sole. Alcune varietà riescono comunque a resistere anche agli inverni rigidi.

Il Rincospermo si può coltivare sia in terra che in vaso.

In vaso

La coltivazione in vaso richiede un recipiente molto capiente che consenta alla pianta di allargare bene le radici: le misure ideali sono 100 cm di lunghezza e 40 cm di larghezza e profondità.

Ad ogni primavera occorre poi rinnovare almeno un terzo del terriccio.

A terra o in vaso, vediamo ora quali sono i parametri da considerare per garantire una crescita ottimale del Rincospermo e per mantenerlo in buona salute.

Clima

Essendo una pianta rustica, tollera sia il caldo che il freddo. Non teme neppure il gelo né la salsedine, può quindi essere piantato tranquillamente anche nelle località di mare. Comunque sia, per ottenere una buona crescita, le temperature ottimali sono: 20-22°C di giorno e 10-13°C durante la notte.

Esposizione

Ama i luoghi soleggiati, ma può essere coltivato anche in penombra e mezzo sole. In questo secondo caso fiorirà di meno.

Terreno

La terra deve essere fertile, fresca, non molto compatta e ben drenata. Sconsigliato il terreno con pH acido.

Annaffiature

Per la coltivazione in vaso, le irrigazioni devono essere:

  • regolari e molto abbondanti nel pieno della fioritura (maggio-giugno)
  • medio-abbondanti in luglio/agosto
  • scarse in aprile e settembre
  • molto scarse nei restanti mesi

In giardino e in piena terra, le dosi di acqua devono essere più basse.

Fare sempre attenzione ad evitare i ristagni idrici.

Potatura

I tralci non andrebbero mai tagliati. Procedete con questa operazione solo se la pianta sta diventando esageratamente grande e possibilmente nel periodo di riposo vegetativo (dicembre/gennaio).

Messa a dimora

La messa a dimora avviene in autunno e dopo due anni circa inizia la fioritura.

Rinvaso

Gli esemplari coltivati in vaso necessitano di rinvasi annuali, da effettuare in primavera e utilizzando contenitori più grandi e nuovo terriccio.

Concimazione

Fondamentale per favorirne la crescita e la fioritura.

Da marzo a settembre va somministrato regolarmente (una volta a settimana) qualsiasi tipo di concime universale a lento rilascio. Va benissimo il concime liquido diluito nell’acqua delle annaffiature; in alternativa, nel caso si utilizzasse un prodotto granulare a lenta cessione, la somministrazione deve essere fatta una volta al mese.

Attenzione comunque a non esagerare; un eccesso di concime può infatti far diventare le foglie rosse e poi farle cadere.

Nel caso il Rincospermo cresca in terreni calcarei oppure venga irrigato con acqua dura, è necessario effettuare un paio di concimazioni con un integratore a base di ferro a inizio primavera e a inizio autunno.

Moltiplicazione

Il Rincospermo si può propagare sia per talea che in terrapieno, ma in periodi differenti dell’anno.

Moltiplicazione per talea

Verso fine estate, prelevare alcuni giovani polloni di circa 10/12 centimetri di lunghezza dal ramo principale in modo che rimanga attaccato alla talea il cosiddetto tallone, un piccolo pezzo di corteccia. Inserire quindi le talee in un boccale di vetro riempito d’acqua a metà e, quando compaiono radici di almeno 5 cm, procedere con l’operazione di rinvaso in piccoli contenitori contenenti un terriccio con un Ph acido, leggero e misto a sabbia. Tenere questi vasi in un luogo freddo, chiuso e luminoso, ma riparato dai raggi diretti del sole.

Moltiplicazione in terrapieno

In questo caso, a fine luglio, occorre interrare dei germogli di almeno 10 centimetri per più di un terzo nel terrapieno con un mix costituito da terriccio, torba e una manciata di sabbia. Per facilitare la moltiplicazione in tempi rapidi, adagiare dei teli di cellophane in modo da garantire l’umidità necessaria per la propagazione dell’esemplare.

Abbinamenti

Gai da solo, il Rincospermo ha un effetto decorativo strepitoso. Nel terriccio, intorno al fusto, si possono collocare piccole piante stagionali. Evitare invece di piantare altri arbusti nello stesso vaso.

Parassiti e malattie

Gli afidi spesso attaccano i germogli giovani. Se l’attacco è piccolo, può essere sufficiente bagnare le foglie.

Un altro nemico del Rincospermo è la cocciniglia cotonosa, facilmente riconoscibile per i piccoli batuffoli cotonosi che si rinvengono sulle foglie.

Per quanto invece riguarda le malattie fungine, può essere vittima della fumaggine, che si manifesta con depositi o ammassi di polvere nerastra, appunto simile alla fuliggine dei camini, sulle foglie.

Rincospermo foglie gialle

Se non sono in atto patologie come quelle sopra descritte, le foglie gialle possono indicare carenza di acqua e, soprattutto, mancanza di luce.

Differenza tra Gelsomino e Rincospermo

Noto anche come “Falso Gelsomino”, il Rincospermo somiglia parecchio al gelsomino. Ma quali sono le differenze tra queste due piante?

  • Il Rincospermo è un sempreverde: resiste al freddo e perde qualche foglia in inverno; il gelsomino invece richiede un clima bello caldo e inverni miti
  • I petali del fiore del Rincospermo girano su se stessi, come una girandola, quelli del Gelsomino sono piatti
  • Le foglie del Rincospermo sono ovali, coriacee e appuntite, quelle del Gelsomino più piccole e composite
  • Staccando una foglia o un tralcio, dal Rincospermo esce un liquido bianco appiccicoso
  • Il Rincospermo appartiene alla famiglia delle Apocynaceae, il vero gelsomino alla famiglia delle Oleaceae
  • Il vero gelsomino viene usato anche per le sue proprietà fitoterapiche: oli, infusi e tisane hanno effetto antidepressivo e calmante
  • Il Rincospermo ha proprietà legate agli alcaloidi e quindi trova uso per la cura di reumatismi o come analgesico. Da evitare invece l’uso come tisana

Il Rincospermo è velenoso?

Le foglie contengono un lattice che è tossico sia per i parassiti che per gli animali domestici.

Significato dei fiori

Nel linguaggio dei fiori il Rincospermo simboleggia l’immortalità.

Curiosità

Simbolo dell’amore romantico, esprime vicinanza e volontà di aiuto.

In Asia viene chiamato anche “bussola del viaggiatore”: in passato, quando non esistevano i cartelli stradali, si riteneva che la sua presenza sulla strada indicasse che il percorso fosse quello giusto per raggiungere la meta desiderata.

Approfondimenti tematici

Ed infine, ecco alcune schede monografiche su piante e fiori:

  • Piante da appartamento, le migliori contro l’inquinamento domestico
  • Quali sono i fiori azzurri più belli? Ecco la nostra selezione
  • Piante profumate: consigli pratici ed indicazioni
  • Lillà: caratteristiche, consigli e cure di questa pianta fiorifera
  • Piante erbacee: varietà, elenco e classificazione
  • Tutto sul cisto, una pianta mediterranea che ricorda la rosa selvatica
  • Piante annuali: varietà, coltivazione e cure
  • Lobelia: un genere di piante molto amate per il loro potenziale decorativo
  • Pachira: aspetto e cura di questa pianta che possiamo coltivare nei nostri interni
  • Crinum: una pianta da fiore simile al giglio tutta da scoprire
  •  Le diverse varietà di euphorbia, dalle più decorative a quelle più facili da coltivare
  •  Come coltivare il Clerodendro, una pianta altamente decorativa
  •  L’aconito è una pianta velenosa dai bellissimi fiori blu, usata in omeopatia per curare ipertensione e ansia grave
  •  Fiore di loto: i consigli per la coltivazione e le altre cose da sapere
  •  Coltivare la calla in casa o in giardino: ecco come ottenere magnifiche fioriture
  • Lantana: una pianta dal grande potenziale ornamentale
  • Alla scoperta della santolina: spesso utilizzata per decorare aiuole e siepi, è anche un ottimo rimedio fitoterapico
  • La Fritillaria, una pianta ornamentale dal design particolare e dagli splendidi fiori esotici

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button