Tapioca: proprietà e possibili usi culinari della farina di manioca

di Elle del 3 febbraio 2018

Alimento ad elevato contenuto di amido, la tapioca possiede proprietà energetiche ed è facilmente digeribile. Risulta perciò consigliato ai bambini durante lo svezzamento e a persone in convalescenza.

Tapioca: proprietà e possibili usi culinari della farina di manioca

La tapioca è un cibo ricco di amidi ricavato da un tubero noto come manioca. Questi tuberi provengono da un arbusto diffusamente coltivato nelle zone tropicali. Si distinguono due principali varietà di manioca, dolci o amare.

Il termine tapioca è spesso usato nel linguaggio comune sia per indicare la pianta sia per connotare la fecola ricavata macinando la radice. Quest’ultima si presenta con la forma di una carota ma con dimensioni e lunghezza maggiori.

Esternamente è caratterizzata da una buccia di colore scuro e fibroso. Privata di questa parte esterna più legnosa, ha una polpa bianca e densa da cui si può ottenere la fecola. Questo tubero costituisce un’importante fonte alimentare per i popoli sudamericani e delle zone tropicali. Grazie alle sue proprietà nutrizionali e dietetiche ha acquistato un posto di rilievo anche nel campo alimentare europeo.

Si dimostra, infatti, un alimento al contempo nutriente e di facile digeribilità.

Tapioca: che cos’è di preciso

La fecola ottenuta dalle radici di manioca è originaria dell’America meridionale, dove questa pianta viene coltivata. Si ottiene a seguito di un laborioso processo che porta alla produzione di questa nutriente farina. Tale processo include la separazione dell’amido dal lattice e da altre sostanze legnose nocive. Per questo dai tuberi grattugiati si lascia defluire il liquido lattiginoso.

Le radici vengono poi lavate, spremute poi disseccate, triturate e setacciate fino ad ottenere una polvere. Questa fecola, cotta parzialmente su lastre metalliche riscaldate, può essere impiegata in cucina al pari di una farina estratta dai cereali.

Si trova più facilmente in commercio sotto forma di piccole perle dure di colore bianco. Una volta cotte acquistano una consistenza gelatinosa e diventano trasparenti assumendo un sapore tendente al dolce.

Avendo proprietà nutritive simili al latte, può essere presente anche nei prodotti alimentari destinati ai bambini.

Tapioca: questa fecola è un ingrediente utile nella preparazione di pappe per bambini in fase di svezzamento.

Tapioca valori nutrizionali

Nota anche come arrow-root (letteralmente radice a freccia), questo alimento non contiene glutine e ha un elevato potere nutriente. Ha una concentrazione elevata di amido a svantaggio di altri nutrienti.

La quantità di grassi, proteine e vitamine, risulta infatti trascurabile, rapportata alla quota di carboidrati. Anche l’apporto di sali minerali è ridotto e prevede soprattutto la presenza di ferro, potassio, calcio, fosforo.

Consumando questo cibo si ottiene una quota di scorie non rilevante. Ciò è riconducibile al lieve contenuto di cellulose presenti nel tubero.

Tapioca proprietà

Essendo facilmente digeribile, questo alimento è consigliato a chi soffre di problemi a carico dell’apparato digerente, inclusa la colite. La sua digeribilità lo rende indicato anche per i bambini durante la fase di svezzamento. Per questo viene spesso usata in alternativa alla crema di riso per preparare le pappe per i bambini.

Grazie alle proprietà energetiche, inoltre, è utile per recuperare le forze durante i periodi di convalescenza o per l’alimentazione di persone anziane.

Essendo un alimento privo di glutine può essere consumata anche da chi soffre di celiachia. Occorre, tuttavia, fare attenzione a verificare se il prodotto acquistato è stato prodotto o confezionato in stabilimenti promiscui in cui possono avvenire eventuali contaminazioni.

Tapioca controindicazioni

Nonostante le sue proprietà nutrizionali, per alcuni è meglio evitare l’assunzione di questo alimento o consumarlo con cautela. Si tratta, infatti, di un cibo controindicato ai soggetti che soffrono di diabete e in condizioni di obesità.

Per i soggetti diabetici e obesi è sconsigliato perché contiene prevalentemente amido, ricco di zuccheri come il glucosio, ed è piuttosto calorico. Pertanto non è solitamente indicato per chi sta seguendo un trattamento dietetico dimagrante o comunque richiede una valutazione da parte del nutrizionista.

Tapioca: usi in cucina

In cucina questa farina è adoperata soprattutto nella gastronomia sudamericana e dell’Africa Centrale. Anche nelle nostre ricette se ne sta gradualmente diffondendo l’utilizzo. Viene facilmente utilizzata come ingrediente nelle zuppe oppure come sostituto della farina nella preparazione del pane.

Piccole quantità di questa fecola possono essere aggiunte per addensare un passato di verdura, una minestra o una vellutata oppure per rendere più corposi i brodi.

tapioca

Tapioca: è un ingrediente usato come agente addensante in zuppe, minestre e vellutate.

Può trovare impiego anche nella realizzazione di dolci, come budini o torte, sfruttando la sua capacità addensante. In ogni tipo di preparazione culinaria, è opportuno tener conto del tipico sapore di questa fecola.

Essa tende in effetti ad avere un gusto dolciastro e può richiedere un controllo del sapore delle pietanze a cui viene aggiunta. A livello industriale è diffusa soprattutto come agente addensante.

Altri articoli a tema che ti segnaliamo:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment