Come utilizzare i fiori secchi per decorare e profumare la casa: le tecniche da conoscere

di ScriBio del 1 dicembre 2018

Per avere la bellezza dei fiori in qualsiasi momento, anche fuori stagione vengono apprezzati i fiori secchi: i boccioli e i petali raccolti in primavera possono dunque diventare una bella composizione per decorare o un profumato potpourri.
Ecco quali sono le tecniche per essiccare e decorare con i fiori secchi.

Come utilizzare i fiori secchi per decorare e profumare la casa: le tecniche da conoscere

Perché piacciono i fiori secchi 

I fiori secchi sono utilizzati soprattutto come decoro per dare un tocco vivo ad un arredamento minimal e personalizzato.

L’arte di essiccare i fiori è antica e si lega al bisogno di fermare il ricordo di occasioni importanti: tenere con se per sempre il primo fiore ricevuto dalla persona amata, mantenere il bouquet del matrimonio, trattenere i colori dei fiori di campo.

E’ possibile acquistare ogni tipo di fiori e composizioni  profumate e trattate al fine di restare colorate e lucide a lungo. Però è anche possibile il fai da te: basterà seguire alcuni consigli per essiccare bene i fiori.

Come realizzare fiori secchi 

Ecco alcune regole che permettono di mantenere colori e profumi dei fiori e delle foglie anche dopo essere essiccati.

Cosa sapere prima di iniziare

  • I fiori vanno recisi in primavera, di pomeriggio, in giornate di sole quando il fiore e il gambo sono perfettamente asciutti. Non deve esserci traccia di rugiada perché l’acqua rende il fiore più fragile e più difficile l’essiccamento e potrebbe formarsi la muffa.
  • Il fiore e il ramo devono essere perfetti, senza difetti, senza parassiti o fungini e con corolle aperte e fresche.
  • Dopo aver raccolto il fiore, questo va trattato, insieme alle foglie, con insetticidi spray per eliminare eventuali insetti ancora presenti. In alternativa può essere immerso per qualche secondo in acqua bollente.
  • Il posto ideale per procedere con l’essiccazione è un luogo buio, asciutto e arieggiato.

Cosa non fare

Non esistono mezzi rapidi per essiccare le piante: esporle a fonti di calore (tipo stufette) o alla luce diretta potrà solo farle appassire o trasformarle in paglia.

  • Assolutamente, non togliete foglie e gambi: potrete sempre farlo in un secondo momento.
  • Non fare appassire il fiore: il processo di essiccazione deve avvenire appena subito dopo la raccolta.

Fiori secchi: tecniche di essiccazione 

I fiori possono essere essiccati in vari modi, a seconda soprattutto del tipo di pianta.
Queste le principali tecniche di essiccazione.

Essiccazione all’aria

Indicata soprattutto per le rose, questa semplice modalità consiste nel collocare i fiori in un ambiente asciutto ed arieggiato, lontano da fonti di calore e di luce. Si consiglia di legare i fiori a testa in giù e, dopo 4 o 5 giorni di coprirli con una patina di lacca per capelli.

Essiccazione su piano

La lavanda, le pigne e i muschi vanno stesi ben distanziati su una superficie di cartone, di carta da giornale o su una tavola in legno, in modo che l’aria possa circolare. Per accelerare l’essiccazione dei muschi, può essere utile formare il piano sul quale verranno posti, con più fogli di carta da giornale.

fiori secchi lavanda

La lavanda è uno dei fiori che va per la maggiore quando si parla di essiccazione.

Essiccare con la sabbia

L’uso della sabbia per essiccare i fiori  è un antico sistema adatto ai fiori dai petali spessi (ad esempio piante grasse), che richiede due settimane di tempo. È necessario usare sabbia finissima, di color bianco avorio (reperibile nei vivai), ben lavata e fatta asciugare all’aria aperta o in forno a 50 gradi. Per lavare la sabbia immergerla in un secchio di acqua, farla depositare.

Essiccazione su griglia

Se si è in presenza di boccioli o bacche sarà necessario utilizzare una griglia che permetta di inserire il picciolo o lo stelo nei fori, in modo tale che il frutto o fiore resti nella parte superiore della griglia.

Essiccazione con sostanze chimiche

Per rendere più veloce il processo di disidratazione e lasciare intatti e brillanti i colori si può ricorrere all’aiuto di alcune sostanze chimiche come il detersivo per bucato o la glicerina. Questa tecnica consiste nel ricoprire il fondo di una scatola di latta con uno strato di circa mezzo centimetro di essiccante.

Successivamente vi si appoggiano i fiori, che vanno a loro volta coperti prima di chiudere il contenitore.

Tra le sostanze più usate:

  • il detersivo per bucato si presta per fiori delicati e fragili ed il tempo che l’essiccazione richiede è di circa 15 giorni;
  • la glicerina, che agisce in poche ore.

Essiccazione attraverso pressatura

L’essiccazione con pressatura l’abbiamo provata tutti: si tratta di lasciare il fiore o la foglia ricoperta di carta assorbente a seccare sotto libri molto pesanti.Se i fiori secchi devono essere utilizzati per quadri, vetri o cornici, vanno schiacciati con una pressa apposita.

Dopo il trattamento di essiccazione che fare

Una volta completamente essiccati, conservare i fiori in scatole di cartone alternati con strati di carta velina fino al momento dell’uso. Nel caso di fiori delicati come le rose è sempre consigliabile avvolgerli prima in fogli di giornale o carta assorbente da cucina. Sono sempre da evitare, invece, i sacchetti di plastica perché trattengono umidità.

Lacca o fissante

Dopo la completa essiccatura dei fiori e delle foglie, spruzzare uno strato abbondante di lacca per capelli, per irrigidire ulteriormente i petali, renderli spolverabili e preservarne la forma. La lacca opera da fissante e protettivo del colore, ma copre lievemente il naturale profumo dei fiori.

Esistono in commercio, nei negozi per fiorai ed artigiani, delle tipologie di lacca apposite per la protezione ed il rivestimento dei fiori secchi da composizione.

Fiori secchi: quali sono i più comuni 

I migliori fiori da essiccare sono le rose e le margherite, le ortensie e il gelsomino, la malva e la violetta, la mimosa ed anche la lavanda. Anche se la tecnica di essiccazione viene realizzata nel migliore dei modi con il passare del tempo il profumo  oriinale del fiore tenderà a sparire quasi subito. I colori restano grazie alle lacche o fissanti.

Erbe aromatiche

Le uniche erbe che una volta secche riescono a mantenere il loro profumo sono le erbe aromatiche.

Le composizioni di fiori secchi possono quindi essere arricchite di rametti di lavanda o simile oppure è anche possibile spruzzarli con una fragranza che non deve contenere alcool.

Cosa fare con i fiori secchi: idee creative

Per riprodurre i colori tipici della natura, il profumo spontaneo e rilassante dei fiori senza l’impegno di curare le piante in casa la soluzione consigliata è di realizzare composizioni con i fiori secchi oppure, se non si è sufficientemente creativi, comprarli già fatti.

Per decorare l’abitazione i fiori secchi si possono utilizzare come centrotavola e portatovaglioli, mazzi per vaso, addobbi per la casa, candele marmorizzate e profumati pout pourri.

fiori secchi

Composizioni floreali

Nelle composizioni è necessario utilizzare tutte le parti della pianta (non soltanto i fiori) ed è un lavoro da fare con passione e attenzione. Le composizioni possono ispirarsi alla natura e riprodurre colorati cespugli (ad esempio di lavanda) oppure possono ispirarsi ad eventi e ricorrenze come il Natale, la laurea, il battesimo…

Cosa serve per fare una composizione floreale? 

Per creare composizioni di fiori secchi servono:

  • un paio di forbici da fiorista di buona qualità,
  • delle cesoie,
  • un coltello affilato
  • una base di spugna sintetica.

Per ancorare i fiori alla base si può usare del filo di metallo molto sottile.

Quadri di fiori pressati

  • Dopo aver pressato i fiori basta avere una buona colla una cornice e una base di cartoncino o carta di riso o stoffa.
  • Dopo aver incollato petali e boccioli schiacciati lasciare asciugare la colla per almeno due ore prima di chiudere la cornice.

Biglietti di auguri

Per realizzare dei biglietti di auguri occorre del cartoncino rigido, della colla bianca, delle forbici e della pellicola adesiva trasparente, da far aderire sulla creazione non appena terminata: in questo modo non si formeranno bolle d’aria.

Pot Pourri

Per realizzare un potpourri basta scegliere i fiori o boccioli essiccati e depositarli in un contenitore. Per ottenere profumi più intensi aggiungere riccioli di cannellachiodi di garofano ed altre spezie.

Se si vuole che il profumo duri a lungo è meglio aggiungere dei fissatori come l’Iris Florentina o l’incenso.
In alternativa racchiudere i fiori secchi con qualche goccia di olio essenziale in un barattolo per sei settimane mescolando delicatamente ogni tre giorni.

bouquet di fiori secchi

Un bel bouquet di fiori secchi

Sacchetti profumati

La lavanda, le rose e altri fiori se racchiusi in sacchetti di stoffa colorata fissati con nastri di raso e profumati con gocce di olio essenziale potranno servire per profumare i cassetti e gli armadi.

Ghirlande di bacche

Le ghirlande con fiori secchi possono essere usate anche come centrotavola o come base per candele.

Per realizzarle è necessario avere una base in paglia o di rami (è possibile anche usare della spugna sagomata) e intrecciare i fiori con nastri colorati, per ottenere ghirlande di ogni tipo con boccioli di rose e lavanda, con bacche e spezie con spighe e girasoli.

Altre decorazioni

  • I fiori secchi possono essere usati per realizzare dei segnaposto o per abbellire la tavola.
  • Boccioli e foglie con dei bei nastri possono diventare eleganti chiudi pacco.
  • I petali dei pot pourri possono essere sparpagliati nell’acqua del bagno per un momento romantico.
  • I petali pressati possono diventare decorazioni per vasi e superfici con la tecnica del decoupage.

SPECIALE: Come decorare casa per il Natale senza danneggiare l’ambiente

Quando regalare fiori secchi 

Non è comune regalare fiori secchi: si scelgono sempre fiori recisi freschi o piante vive.

 Ricorda! Ad una donna, per affetto o amore, non si regalano fiori secchi.

Si possono però utilizzare composizioni di fiori secchi per realizzare bouquet nuziali o per decorare la chiesa in caso di cerimonie purché si usino fiori con significati di speranza e buon auspicio.

I fiori secchi possono essere posti nei cimiteri, soprattutto nei periodi troppo caldi o troppo freddi.

Vengono consigliati come regalo per una inaugurazione perché possono restare esposti come ricordo: indica un augurio, tanta fortuna e amicizia.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment