Se soffrite di pancia gonfia eccovi i rimedi naturali consigliati per i gonfiori addominali

di Eryeffe del 5 giugno 2018

Esistono numerose soluzioni naturali per i gonfiori addominali, come pancia gonfia, crampi, meteorismo, irregolarità intestinale: vediamo i rimedi naturali più efficaci per la pancia gonfia.

Se soffrite di pancia gonfia eccovi i rimedi naturali consigliati per i gonfiori addominali

Da cosa dipende? cosa gonfia la pancia?

La pancia gonfia, detta anche meteorismo, è un disturbo fastidioso, ma a chi non è mai successo di soffrire, di tanto in tanto?

In genere i gonfiori addominali sono causati da un’alimentazione scorretta, da stress o altri fattori psicosomatici che tendono ad alterare la regolarità intestinali.

Altre possibili cause sono l’intolleranza agli alimenti fermentabili (come cavoli e formaggi), il sonno di scarsa qualità e la mancanza di attività fisica. Più siamo sedentari, più è probabile che diventi pigro anche il nostro intestino.

Sono piccoli fastidi accompagnati da una spiacevole sensazione di malessere provocata dall’accumulo anomalo di gas tra stomaco e intestino.

Se si tratta di problemi occasionali, abbiamo comunque un intestino sano. Basteranno alcuni accorgimenti nella dieta per liberarsene.

Se invece perdurano e sono sempre presenti altri tipi di sintomi come stitichezza, costipazione, oppure diarrea e acidità di stomaco, potrebbe trattarsi di malattie più serie come:

Ma la Natura ci viene in aiuto offrendoci tanti cure naturali senza correre in farmacia.

Le regole fondamentali del viver bene sono sempre le stesse.

Vale la pena ricordarle: un’alimentazione sana e genuina, evitare fumo e alcool, bere tanta acqua e fare movimento almeno 2-3 volte a settimana.

Come prevenirla con alcune regole d’igiene quotidiana

Il gonfiore addominale, nella maggior parte dei casi è causato da un’alimentazione poco equilibrata o da pasti consumati troppo velocemente.

Parliamo infatti di fenomeni fisiologici transitori e non patologie più serie o intolleranze alimentari. In questi casi bisognerà rivolgersi al medico.

Ecco invece alcuni consigli per prevenire invece il fenomeno del meteorismo transitorio:

  • masticare lentamente scegliendo accuratamente i cibi che consumiamo.
  • idratare al meglio il nostro corpo bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno, poiché l’altro fattore scatenante della pancia gonfia potrebbe essere proprio la ritenzione idrica.
  • essere regolari nel ritmo dei pasti: tre al giorno, possibilmente a orari fissi, con una durata minima di venti minuti. Dovete lasciare trascorrere almeno due ore tra la cena e il sonno per consentire l’inizio della digestione in buone condizioni.

L’importanza di mangiare e masticare lentamente

Se mangiate troppo in fretta, non sarete in grado di placare la fame, al contrari ne avrete ancora, perché la sensazione di sazietà richiede tempo per raggiungere il cervello, tra i 20 e i 25 minuti.

Quando mangiamo troppo velocemente, inghiottiamo molta più aria che rimane poi nel nostro addome e provoca dolore, il che è molto fastidioso.

D’altra parte, se non masticate correttamente, non ingerirete gli enzimi della saliva durante i pasti. Questi enzimi normalmente si mescolano con i carboidrati proprio durante la masticazione. Senza gli enzimi, i carboidrati non possono fermentare come dovrebbero nell’intestino.

Sono efficaci anche alcune erbe medicinali, eccovi le principali.

Fitoterapia e erbe per la pancia gonfia

Molte erbe aiutano a eliminare il gonfiore e la tensione addominale. Sono piante e spezie con proprietà carminative particolarmente utili in caso di dolori addominali.

  • anice, ottimo in tisana per smaltire un pasto pesante.
  • zenzero, fresco o sottoforma di decotto, è un potente alleato contro questo genere di malesseri, ed è anche buonissimo a crudo per arricchire le vostre insalate e rendere più digeribili molti manicaretti.
  • cumino

Queste erbe sono queste preziose alleate naturali svolgono nel nostro organismo un’azione anti-fermentativa, antinfiammatoria, antibatterica e rilassante.

Ed ora passiamo ai consigli per un’alimentazione corretta.

Cosa mangiare per ridurre la pancia gonfia

Passiamo ora all’alimentazione con le pratiche corrette per scegliere bevande e cibi per ridurre l’insorgenza del gonfiore addominale.

In generale vengono consigliati menù variegati che mescolano diverse famiglie di cibo ma in piccole porzioni.

Ci sono comunque  3 ‘ingredienti’ che non dovrebbero mai mancare nella dieta di tutti i giorni per ridurre la pancia gonfia.

  • Fermenti lattici. Introdurre regolarmente anche una buona dose di fermenti lattici vivi, consumando dello yogurt, è uno dei consigli migliori che potreste seguire per ristabilire la flora batterica intestinale e regolarizzarne le funzionalità.
  • Peperoncino rosso. Il peperoncino aiuta ad espellere gas e tossine in eccesso e favorisce la digestione.
  • Finocchio. Il finocchio è da consumare sotto forma di decotto o tisana.

Sono importanti anche le verdure cotte, in insalata o come contorno ed i frutti di stagione,  Ad esempio le mele, evitando di sbucciarle. Nella buccia risiede una delle parti più benefiche del gustoso frutto.

Un’altra regola imprescindibile che bisognerebbe osservare scrupolosamente per evitare i classici disturbi indotti dai gonfiori addominali è assicurare all’organismo il giusto apporto di fibre .

Consigliati i cereali integrali (riso, pasta, pane…), perché più ricchi di fibre, ma sempre accompagnati da verdure che favoriscono la digeribilità.

Pancia gonfia: niente soft drinks!

pancia gonfia e gonfiori addominali: evitate nella maniera più assoluta soft drinks

Per quanto riguarda le verdure, via libera ad ogni ricetta o pasto basato sul consumo di vegetali, meglio se cotti o lessati poiché a crudo potrebbero favorire, anziché limitare, l’accumulo di gas nello stomaco.

Cibi e bevande da evitare

Ed ecco ora gli errori da non fare per evitare di avere gonfiori addominali!

Cibi fritti e bevande gassate sono i peggiori nemici della pancia piatta.

Evitate quindi il più possibile il consumo di:

  • cibi lievitati di derivazione industriale,
  • le bibite gassate,
  • alimenti ad alto contenuto di grassi o o piccanti che richiedono un lavoro supplementare alla cistifellea e accentuano il gonfiore,
  • verdure ricche di zolfo (cavolo, bietola, sedano rapa…),
  • formaggi molto grassi,
  • alimenti troppo caldi o troppo freddi: gli shock termici favoriscono gli spasmi intestinali e quindi il gonfiore.

Dovete anche tentare di non masticare per ore e ore gomme o caramelle: queste cattive abitudini favoriscono l’ingestione di aria e il gonfiore addominale.

Il carbone vegetale

Un altro rimedio efficace in caso di gonfiori e addominali persistenti è il carbone vegetale attivo che può essere acquistato in molti supermercati o in erboristeria sottoforma di capsule o tavolette.

La sua assunzione deve essere sempre accompagnata da notevoli quantità d’acqua perché funzioni, ma per avere tutte le indicazioni specifiche per il proprio caso il consiglio è di affidarsi alle mani di un esperto o del proprio medico curante.

Un corretto esercizio fisico

Per stimolare la circolazione e il drenaggio dell’apparato digerente potrete dedicare parte del vostro tempo ad una sana attività fisica (nuoto, bicicletta, jogging, camminata veloce…)

Dieci minuti al mattino e alla sera, o venti minuti tre volte alla settimana, ad un ritmo leggero o moderato, sono più che sufficienti.

Potete anche abbinarli a degli esercizi per gli addominali, fondamentali per avere una pancia piatta.

Esercizi addominali consigliati

Si possono eseguire alternativamente due tipi di esercizi:

  • Sollevamenti delle  gambe: sdraiatevi, la schiena piatta per terra, le braccia leggermente distanti dal corpo, le gambe distese, fate una ventina di sollevamenti delle gambe, facendo attenzione a non arcuarvi.
  • Piegamenti del busto: sdraiati sulla schiena, le ginocchia piegate, i piedi per terra e le mani dietro la testa, prendere la testa e le spalle da terra espirando e tirate lo stomaco in dentro (attenzione a tenere la parte bassa della schiena a terra). Tenete la posizione per alcuni secondi mentre si svuotano i polmoni e poi, quando si inala, poggiate lentamente la testa e le spalle a terra. Ripetete tra le 10 e  le 15 volte.

Altri rimedi naturali consigliati

Eccovi altre soluzioni naturali per disturbi comuni:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment