Erbe medicinali e aromatiche

Tutto sul timo limone, un’erba aromatica poco conosciuta

Caratteristiche, coltivazione, proprietà terapeutiche e utilizzi in cucina

Oggi parliamo del timo limone, un’erba aromatica poco conosciuta, ma riserva grandi sorprese in cucina, poiché arricchisce di gusto e profumo moltissime preparazioni, dalla carne al pesce.

Tutto sul timo limone, un’erba aromatica poco conosciuta

Andiamo a scoprirla insieme.

Timo limone: cos’è

Il timo limone è una pianta aromatica che fa parte della famiglia del timo. Il suo nome scientifico è Thymus citriodorus ed è una pianta perenne la cui caratteristica peculiare è l’aroma intenso di limone, che si avverte sia come profumo sia come gusto.

Caratteristiche della pianta

Si presenta sotto forma di cespi compatti a sfera, di colore verde e giallo oro. I numerosi rami tendono a lignificarsi in fretta, mentre le foglie, piccole e di colore verde-grigio, emanano un intenso profumo di limone quando vengono sfregate.

La fioritura avviene in primavera, quando l’arbusto produce fiori delicati, che vanno dal bianco al rosa molto tenue.

Habitat

Tipico delle zone mediterranee, cresce in ambienti aridi, poveri e sassosi.

Coltivazione del timo al limone

Il timo limone è di facile coltivazione; si tratta infatti di una pianta piuttosto forte e robusta. Vediamo quali sono i vari parametri da tener presente per favorire una buona crescita.

  • Terreno: non ha esigenze particolari in tal senso; l’importante è che il terreno sia asciutto e ben drenato perché soffre i ristagni d’acqua.
  • Esposizione: ama le zone molto soleggiate, ma riesce anche a sopportare la mezz’ombra. Tollera bene il vento dal momento che che cresce in posizione quasi strisciante e quindi difficilmente viene disturbata dalle correnti d’aria.
  • Irrigazioni: non abbondanti e da effettuare solo quando il terreno è completamente asciutto.

Timo limone in inverno

Come la maggior parte delle piante aromatiche, anche il timo limone cresce in campo aperto e non richiede accorgimenti particolari. Può sopravvivere a rigide gelate; tuttavia, nei periodi in cui le temperature si abbassano di parecchi gradi sotto lo zero, occorre garantirgli una idonea protezione dal freddo soprattutto nel caso di forti gelate. Tale protezione può consistere in:

  • un telo di tessuto non tessuto, cellophane oppure nylon, aperto sulla sommità per evitare la condensa
  • uno strato di paglia o pacciamatura con corteccia di pino posizionate sulla superficie del suolo
  • sul balcone o sulla terrazza, può essere sufficiente avvicinare la pianta ai muri dell’abitazione

Timo limone: moltiplicazione per talea

Va effettuata a primavera inoltrata oppure in agosto. Le talee devono essere lunghe almeno 7-10 cm e prelevate da piante in buona salute e di età compresa tra i 2 e i 4 quattro anni.

Qualche consiglio

  • Una volta effettuata la semina, mantenere il terreno umido fino a quando le piante sono ben radicate.
  • Se si è optato per la semina in vaso, l’irrigazione va fatta quando il terreno è ben asciutto.
  • Per migliorare il drenaggio e prevenire ristagni idrici, eseguire la pacciamatura con della ghiaia calcarea o con sabbia.

Malattie

I nemici più insidiosi del timo limone sono gli acari di ragno che potrebbero danneggiare la pianta in maniera irrimediabile.

Fiori del timo limone

Fiorisce dalla primavera e per tutta l’estate. I fiori del timo limone sono molto ricchi di nettare e quindi molto ricercati dalle api.

Timo limone: raccolta

Le parti del timo limone che vengono raccolte sono le foglie. La raccolta deve avvenire durante tutto il periodo vegetativo. Utilizzate in cucina o come rimedio salutare, possono essere impiegate sia fresche che essicate.

Timo limone secco

Le sue foglie possono essere consumate fresche oppure essiccate e conservate in barattoli di vetro.

Il metodo di essicazione è simile a quello generalmente usato per le erbe aromatiche.

L’essiccazione si può fare:

  • in modo naturale, appendendo i rametti in luoghi asciutti, ombrosi e arieggiati
  • con un essiccatore

Le foglie di timo limone secche vanno conservate in barattoli di vetro con chiusura ermetica e al riparo dalla luce.

A differenza di altre erbe aromatiche, il timo limone, una volta essiccato, non perde le sue caratteristiche olfattive, anzi, le esalta.

Proprietà del timo limone

Appartenendo alla famiglia del timo, il timo limone possiede le stesse molteplici proprietà terapeutiche.

Il timo limone è inoltre ricco di vitamine e sali minerali come la vitamina C e quelle del gruppo B, e sostanze come il timolo e il linaiolo che la inseriscono tra le piante officinali.

Questa tipologia di timo, oltre ad avere note proprietà aromatiche, possiede importanti proprietà curative.

Viene spesso utilizzata in caso di:

  • affezioni delle vie respiratorie (tosse e raffreddore)
  • problemi di digestione e flatulenza

Ha inoltre proprietà antisettiche e regola la produzione sebacea (in shampoo e prodotti per la pelle).

Nel Rinascimento, cotto insieme al vino, veniva utilizzato come rimedio per combattere l’asma e le infezioni alle vie urinarie.

timo limone
Il nome scientifico della pianta è Thymus citriodorus

Usi del timo al limone

Il suo particolare sapore, un equilibrato mix tra il timo classico e la fresca fragranza agrumata del limone, lo rendono un ingrediente molto utilizzato in cucina, soprattutto in abbinamento a molti piatti a base di carne e pesce.

In cucina

Con il suo gusto intenso di agrume, il timo limone viene utilizzato in cucina, sia in Europa che nei paesi orientali. Gli abbinamenti a cui si presta sono davvero tanti. Eccone alcuni:

  • insaporire per pesce alla griglia o al forno
  • aromatizzare le insalate (le verdure con cui si sposa meglio sono i cavoletti, i pomodori, i peperoni gialli e le melanzane)
  • insaporire carni alla griglia o bollite
  • arricchire i sughi per condire primi piatti
  • condire i legumi: oltre a conferire una nota agrumata simile al limone alla preparazione, la rende anche più digeribile evitando la formazione di aria nella pancia
  • rendere più gustose le verdure alla griglia o al vapore
  • aromatizzare le patate al forno
  • dare un tocco fresco ai funghi trifolati
  • donare un tocco agrumato a salse e creme di accompagnamento per vari secondi

Ma può essere utilizzato anche per i dolci:

  • conservare la frutta sotto spirito
  • dare un gusto particolare a sorbetti e gelati

Tisana o bevanda aromatica

Viene spesso utilizzato anche per la preparazione di tisane, da sorseggiare sia calde che fredde. La preparazione è per infusione, da solo o con altre erbe.

Ricette

Vediamo un paio di ricette che richiedono l’utilizzo di questa erba aromatica.

Zucchine gratinate al timo limonato

Il procedimento è davvero molto semplice. Basta tagliare le zucchine a metà in entrambi i sensi, spolverizzarle con pane grattugiato, irrorare con un filo di olio e cospargere con sale, salvia e timo limonato essiccato. Cuocere in forno fino a che non saranno morbide e dorate.

Sorbetto al timo limone

Far bollire 250 grammi di acqua con 120 grammi di zucchero. Aggiungere una manciata di foglie fresche di timo limone e dopo 5 minuti filtrare. Unire il succo di mezzo limone e miscelare bene. Sistemare il preparato in freezer per almeno 4 / 6 ore, mescolando regolarmente ogni quarto d’ora.

Curiosità

Il timo limone era ben noto già in tempi antichi:

  • gli egizi lo usavano, insieme ai vari unguenti, per imbalsamare le mummie
  • i greci andavano ghiotti del miele di timo limone
  • i romani pensavano li rendesse più forti, coraggiosi e vigorosi
  • nel Medioevo si riteneva fosse di buon augurio, e le dame ne ricamavano un ramoscello sulle sciarpe dei cavalieri che andavano in guerra
  • sempre in epoca medioevale si teneva sotto il cuscino per allontanare i brutti sogni

Scoprite anche le proprietà di questi altri ingredienti della cucina naturale:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button