Alimenti

Tutte le proprietà del broccolo romano e tante idee per gustarlo

Proprietà, benefici e varie ricette

Con la sua inconfondibile forma piramidale, il broccolo romano sembra un’opera d’arte della natura. Della stessa famiglia del cavolfiore e dei broccoli, ha però un gusto più delicato e meno deciso. Si presta per numerose preparazioni culinarie, dalle più semplici a quelle più ricche e golose.
Andiamo quindi a scoprire qualcosa di più su questo ortaggio invernale: caratteristiche, proprietà e tante idee su come proporlo a tavola.

Tutte le proprietà del broccolo romano e tante idee per gustarlo

Che cos’è il broccolo romano

Anche chiamato ‘broccolo romanesco’, è la varietà italica della Brassica oleracea, la grande famiglia del cavolo appartenente alla famiglia delle Crucifere, le cui varietà differenti danno anche anche, la verza, i cavolini di Bruxelles.

La Brassica oleracea var. italica (questo il suo nome botanico) è tipico della regione Lazio, ma viene coltivato anche in altre zone d’Italia. Di questo ortaggio se ne mangia la grande infiorescenza a forma di palla, ancora un po’ acerba, e di colore verde-mela, mentre di altri cavoli si mangiano le foglie, come nel caso del cavolo cappuccio o del cavolo nero, oppure il fusto, come nel caso del cavolo-rapa (che non è la rapa).

Gustoso e delicato, è un ortaggio molto versatile che si presta per la preparazione di moltissimi piatti. Se ne consuma l’infiorescenza. Tra l’altro ha anche pochissime calorie, cosa che lo rende ideale per le diete dimagranti.

Com’è fatto il broccolo romano

Buono da mangiare, è ancor più bello da vedere. Ha infatti un aspetto molto particolare e caratteristico che lo rende facile da riconoscere.

Di color verde chiaro, ha una forma piramidale. È costituito da tante piccole rosette coniche ed appuntite, che si ripetono regolarmente con andamento a spirale. Alla base dell’ortaggio queste infiorescenze sono grandi e numerose. Poi, via via che salgono verso l’apice, si fanno più piccine e diminuiscono anche in quantità.

Coltivazione del broccolo romano

Come tutti gli ortaggi della famiglia delle Brassicacae, anche questo è un ortaggio invernale. Se lo si vuole coltivare occorre utilizzare un terreno fertile, mediamente drenante e ricco di azoto. Va annaffiato con moderazione e regolarità, ma senza esagerare.

Il clima ideale dove farlo crescere è temperato, senza gelate. Dopo 70-90 giorni dalla semina, è possibile cominciare a raccoglierlo.

Qual è il periodo del broccolo romano

Si tratta di un ortaggio tipicamente invernale, pertanto lo si trova da metà ottobre a fine marzo.

Che sapore ha il broccolo romano

Ha il classico sapore del cavolfiore, ma molto più delicato e meno forte.

Durante la cottura, per evitare di spargere in cucina odore di un composto di zolfo che si sprigiona nella prima parte della cottura, ricordarsi di mettere nell’acqua di cottura in alternativa: alcune scorze d’arancia, una mollica di pane o mezzo limone.

Valori nutrizionali del broccolo romano

Il broccolo romanesco è sano e ipocalorico, perfetto per chi cerca un regime alimentare dimagrante. Costituito per il 92% di acqua, apporta solo 30 kCal ogni 100 gr. Privo di grassi e di colesterolo, contiene piccole percentuali di fibre (3 gr) e proteine (3,4 gr). È invece ricco di:

È un’ottima fonte anche di acido folico.

Proprietà del broccolo romano

Grazie ai suoi principi nutritivi, il broccolo romano possiede importanti proprietà benefiche per l’organismo.

  • Antiossidante
  • Rafforza le difese immunitarie
  • Diuretico
  • Combatte la ritenzione idrica
  • Depura e disintossica
  • Emolliente
  • Vermifugo
  • Antianemico
  • Salutare per il cuore
  • Riduce i livelli di colesterolo
  • Previene alcune forme tumorali

Controindicazioni del broccolo romano

Non presenta particolari controindicazioni ma è consigliato consumarlo solo cotto.

Come pulire e cucinare il broccolo romano

In qualunque modo si decida di cucinarlo, occorre eliminare le foglie esterne e il torsolo centrale, che è duro e coriaceo. Quindi, con un coltellino affilato, tagliare le singole cimette, sciacquarle per bene sotto l’acqua corrente.

Per ottenere il più possibile delle rosette della stessa grandezza, tagliate le più grandi a metà o in quarti, in modo che la cottura sia uniforme.

Lessate in abbondante acqua leggermente salata per 5 minuti oppure cuocete al vapore fino a quando non sono tenere.

La base per qualsiasi preparazione sono le cimette cotte e morbide. A questo punto, le si possono usare in tantissimi modi. Ecco alcune idee:

  • condite con olio
  • saltate in padella con olio, aglio e peperoncino
  • zuppe, minestroni, vellutate e passati di verdura
  • gratinate al forno con formaggio o besciamella
  • fritto
  • sughi per primi piatti
  • per farcire torte salate

Ricette con il broccolo romano

Oltre che come semplice contorno, il broccolo romano si presta per la realizzazione di numerosi piatti. Tra i primi piatti citiamo la pasta con broccoli e salsiccia, magari insaporita con alici o acciughe. Sono poi la base ideale per fare polpette, crocchette o burger vegetali, molto apprezzati da chi segue una dieta vegetariana o vegana.

Per far mangiare le verdure ai bambini, niente di meglio che una bella torta salata sempre molto invitante. Ovviamente, il romanesco è perfetto come contorno. In questo caso, lo si può gustare in tutta la sua naturalezza, semplicemente bollito o cotto al vapore, e poi condito con olio, oppure ripassato in padella con aglio e peperoncino.

Col broccolo possiamo poi realizzare minestre, zuppe e vellutate. Senza infine dimenticare il goloso broccolo gratinato al forno che, in base agli ingredienti aggiunti, può diventare un perfetto piatto unico.

Ricetta del broccolo romano gratinato

Cominciamo con un classico: il broccolo gratinato, un contorno semplice e leggero, ma ricco di gusto.

  • 500 gr di cime lessate
  • 150 gr di parmigiano grattugiato
  • pangrattato qb

Preparazione. Dopo aver fatto bollire le cimette di broccolo per renderle tenere, le si devono trasferire in una pirofila unta di olio. Quindi vi si cosparge sopra la gratinatura costituita da pangrattato e formaggio grattugiato, salato a piacere. Si può arricchire con pomodorini secchi, olive, spezie ed erbe aromatiche. Il tutto va poi ripassato per 5 minuti nel forno impostando la funzione grill.

Ricetta del broccolo romano in padella

Il romanesco saltato in padella è un contorno semplice e facile da preparare, ma molto sfizioso e ricco di gusto. Dopo aver pulito le singole cimette, metterle a cuocere in abbondante acqua leggermente salata per 5 minuti.

Nel frattempo, prendere una padella e farvi scaldare dell’olio. Quindi farvi soffriggere una testa d’aglio sbucciata e del peperoncino tritato. Unire quindi i broccoli, aggiustare di sale e farli saltare a fiamma viva per un paio di minuti in modo che si insaporiscano bene.

Broccolo romano al forno

Al forno è una versione più sfiziosa e saporita. Dopo averlo lessato in acqua salata per 15 minuti le cimette, distribuitele su di una teglia da forno cosparsa d’olio o foderata di carta forno e aggiungete dei cubetti di formaggio piuttosto saporito, tipo Asiago. Infornare per 5 minuti così da far sciogliere il formaggio.

Volendo, oltre al formaggio, si possono aggiungere altri ingredienti tipo prosciutto cotto a cubetti, speck o pancetta a listarelle, uova sode etc… Così facendo avremo un golosissimo piatto unico filante.

Fagottini di sfoglia broccolo, ricotta e salsiccia

Vediamo una ricetta molto versatile. In base alle quantità proposte, può diventare un gustoso piatto unico oppure uno sfizioso finger food da servire come aperitivo o antipasto.

  • 300 gr di broccoli
  • 100 gr di patate
  • 150 gr di salsiccia
  • 1 spicchio d’aglio
  • 150 gr di ricotta
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata.
  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 tuorlo d’uovo

Preparazione. Mettete a bollire in abbondante acqua broccoli e patate sbucciate e ridotte a tocchetti. Intanto, tagliate a pezzetti la salsiccia e fatela rosolare in una padella con olio e aglio. Aggiungete broccoli e patate ridotti in purea (basterà schiacciarli grossolanamente con una forchetta) e fate cuocere qualche minuto. Spegnete il fuoco e trasferite il tutto in una ciotola capiente.

Quando è raffreddato, unite la ricotta e insaporite con sale, pepe, e noce moscata. Amalgamate il tutto per bene fino a ottenere un composto uniforme. Una volta pronta la farcia, srotolate la sfoglia.

Tagliatela in triangoli per fare dei mini-croissant, da iempire per metà con la farcitura e chiudere sigillando bene i bordi. Spennellate la superficie con il tuorlo e cuocete in forno statico già caldo a 200° per 20-25 minuti. Sono ottimi ancora caldi ed anche a temperatura ambiente.

Ricetta del pesto di broccolo

Prepariamo un condimento adatto per condire pasta, gnocchi, lasagne vegetariane, ma anche crostini e bruschette. Preparare il pesto di broccolo è davvero facile e veloce.

  • 320 gr di broccoli
  • 30 gr di formaggio grana grattugiato
  • 30 gr di pinoli
  • 10 gr di mandorle
  • 10 gr di basilico
  • 70 ml di olio extravergine d’oliva

Preparazione. Mettete nel frullatore le cime di broccoli lessati, il formaggio, la frutta secca ed il basilico lavato ed infine l’olio a filo. Si dovrà ottenere un composto cremoso. Se troppo asciutto o compatto, aggiungere altro olio.

Vellutata di broccolo romano

Un corroborante piatto caldo, che si gusta con piacere nelle fredde sere invernali.

  • 450 gr di broccoli
  • 400 gr di patate
  • 1 porro
  • 700 ml di brodo vegetale

Preparazione. Mondate e lavate la verdura, riducetela a tocchetti molto piccoli. Nel frattempo, in una padella, far sciogliere una noce di burro e mettervi ad appassire il porro, tagliato a fettine molto sottili. Dopo circa 10-15 minuti, aggiungete nella pentola le patate e i broccoli e fateli rosolare per alcuni minuti. Unite il brodo vegetale caldo. Procedete con la cottura a fiamma bassa per mezz’ora circa, aggiustando di sale e pepe.
Passate il tutto con un frullatore ad immersione. Rimettete la vellutata ottenuta sul fuoco ancora qualche minuto. Servite ben calda con un filo di olio a crudo e dei cubetti di pane abbrustoliti.

Approfondimenti

Ti potrebbero interessare anche:

 

 

Published by
Federica Ermete