Diete

Dieta del limone: programma detox da seguire per un periodo di tempo molto limitato

Cos'è, come funziona e su quali principi si basa

L’estate è ormai alle porte e così anche la tanto temuta prova costume. Se durante l’inverno avete poltrito e ora volete correre ai ripari, potreste provare la dieta del limone. Più che una dieta, un regime detox da seguire solo per pochi giorni e sotto stretto controllo medico. Come più volte abbiamo infatti avuto modo di ribadire, il sistema migliore per perdere peso in maniera sana e duratura è quello di seguire una alimentazione equilibrata e fare regolarmente attività fisica. Tuttavia, nelle situazioni di emergenza, alcuni preferiscono adottare metodi un po’ drastici, che garantiscono risultati immediati ma non duraturi, come appunto il caso della dieta del limone.
Andiamo quindi a vedere in cosa consiste la dieta del limone, come funziona, per quanto tempo la si può seguire e, soprattutto, quali sono le sue controindicazioni.

Dieta del limone: programma detox da seguire per un periodo di tempo molto limitato

Cos’è la dieta del limone

La dieta del limone rientra in quelli che vengono definiti “programmi detox”. Si tratta di un programma alimentare ipocalorico basato fondamentalmente sull’assunzione di una bevanda a base di limone, da assumere varie volte nel corso della giornata.

Il limone è un agrume che possiede indiscutibili buone proprietà. In questo caso specifico, si ritiene che aiuti a purificare l’organismo e, al tempo stesso, aiuti a dimagrire, favorendo la buona digestione e contrastando gonfiore e ritenzione idrica.

Origini della dieta del limone

Le origini di questo regime disintossicante risalgono al 1940 circa, su ideazione del naturopata Stanley Burroughs.

In anni più recenti, i principi di questo regime detox sono stati ripresi dalla dottoressa Martine Andrè. Questa particolare “dieta lampo” ha avuto un rapido successo, diventando una sorta i moda perché vari personaggi famosi, tra cui Jennifer Aniston e Beyoncé, hanno detto di averla provata con risultati straordinari.
La dieta del limone promette di riattivare in breve tempo il metabolismo, permettendo così di ottenere la pancia piatta in appena una settimana.

Come tutte le diete lampo, anche quella del limone può far sgonfiare e perdere liquidi in eccesso in pochi giorni. Tuttavia, è sempre bene ricordare che i miracoli non esistono. Per ottenere un dimagrimento graduale, corretto (senza perdita di massa magra) e duraturo, l’ideale è seguire una dieta sana, ovvero attenersi sempre ad un regime alimentare equilibrato e bilanciato, da associare ad una regolare attività fisica.

Proprietà del limone

Con il suo colore giallo intenso e il gradevole profumo fresco, il limone è uno degli agrumi più noti. Già nei tempi antichi veniva considerato una “panacea per tutti i mali”.

Con pochissime calorie (solo 27 ogni 100 grammi di prodotto), è un’ottima fonte di vitamina C e vanta numerose proprietà benefiche ed utili per l’organismo. In particolare:

  • drena i liquidi in eccesso
  • è diuretico
  • combatte la cellulite
  • facilita la digestione
  • purifica e detissifica l’organismo
  • è antisettico
  • migliora l’attività epatica
  • svolge azione ipotensiva
  • ha proprietà antibatteriche
  • migliora i livelli di colesterolo
  • rafforza il sistema immunitario
  • previene e combattere i malanni stagionali da raffreddamento
  • riduce il rischio cardiovascolare
  • previene l’anemia in quanto migliora l’assorbimento del ferro
  • migliora la glicemia
  • previene i calcoli renali

Come funziona la dieta del limone

La dieta del limone si fonda sull’assunzione di una bevanda a base di limone, da assumere in vari momenti della giornata, e su una importante restrizione calorica (800-1200 calorie al giorno).

Preparazione della bevanda al limone

Ingredienti

Gli ingredienti vanno tra loro miscelati e la bevanda va assunta nel corso della giornata fresca e non riscaldata.
Se ne devono bere più bicchieri, da un minimo di 6 ad un massimo di 12.

La durata del trattamento è di una settimana circa, massimo 10 giorni.

Secondo il programma, sarebbe consigliato assumere anche un lassativo ogni mattina ed ogni sera per evacuare minimo 3 volte al giorno. Ciò favorisce l’espulsione completa delle tossine accumulatesi nell’intestino.

Al termine del periodo strong di dieta, è bene ricominciare a mangiare in maniera graduale. Il primo giorno si consiglia di introdurre in maniera graduale del succo d’arancia, e il secondo giorno, anche brodo e minestre. Il terzo si può cominciare a mangiare anche frutta e verdura.
Bere sempre molta acqua.

Come si potrà ben capire, la dieta del limone è un regime fortemente sbilanciata in cui manca la maggior parte dei nutrienti essenziali. Senza poi dimenticare il fatto che l’assunzione di lassativi provoca una ulteriore perdita di liquidi e di minerali.

Per questo motivo, occorre attenersi molto scrupolosamente alle tempistiche limitate di questo regime alimentare in quanto, se protratta per un lungo periodo, questa dieta può portare a carenze nutrizionali molto serie e gravi.

Dieta del limone per dimagrire velocemente

Non è propriamente corretto parlare di dimagrimento con la dieta del limone in quanto, sappiamo bene che, per ottenere un dimagrimento sano e duraturo nel tempo, occorre seguire una dieta equilibrata e fare attività fisica con regolarità.

La dieta del limone è, più specificatamente, un programma detox e purificante: sgonfia e detossifica l’organismo.

In solo una settimana, in base alle condizioni corporee di partenza, la dieta del limone fa perdere da 2 a 4 kg. Tuttavia, ci teniamo a precisare che non si tratta di un vero e proprio dimagrimento con perdita di grasso, ma bensì di una importante perdita di liquidi trattenuti.

Dieta del limone: cosa mangiare

Durante la dieta del limone, tutti i pasti (colazione, pranzo e spuntini) vengono sostituiti dalla bevanda a base di acqua, succo di limone, sciroppo d’acero e pepe di cayenna.

Per placare il senso di fame, è possibile bere altri bicchieri fino a un massimo di 12 al giorno.

Dieta del limone: gli alimenti concessi

Esistono poi versioni della dieta del limone più soft. In queste varianti, la bevanda al limone va bevuta la mattina appena svegli, la sera e prima dei pasti. Oltre a ciò, è possibile consumare altri cibi (ovviamente in quantità moderate per mantenere il deficit calorico e preparati con metodi di cottura sani e leggeri).

In particolare, gli alimenti concessi sono:

  • carne bianca
  • pesce
  • legumi
  • formaggi freschi (tipo ricotta)
  • yogurt magro
  • pane e pasta integrali
  • avena
  • verdura, con predilezione per sedano, carote e finocchi
  • frutta fresca di stagione, in particolare, mele, pere, arance e kiwi
  • frutta secca
  • condimenti e insaporitori: olio EVO, limone e zenzero che purifica e depura

Se si vuole, si può anche fare un mix dei diversi regimi, ad esempio facendo i primi 3 giorni della versione più strong della dieta (solo bevanda di acqua e limone) e poi proseguire per 7 giorni con la versione meno restrittiva che prevede l’introduzione di tutti gli alimenti più sopra elencati.

Dieta del limone 3 giorni

In soli 3 giorni si può seguire una dieta “effetto urto”, utile per ottenere un effetto drenante e disintossicante, favorendo inoltre la digestione e combattendo gonfiore e ritenzione idrica.

Ecco un esempio di menù da seguire per 3 giorni.

  • Appena svegli: limonata tiepida
  • Colazione: macedonia a base di frutti di bosco  + una pera o una mela + mandorle fresche, non tostate
  • Spuntino: 1 bicchiere di limonata + una manciata di mandorle oppure di semi di zucca o di girasole

Dieta del limone 7 giorni

Volendo proseguire il regime dietetico per una settimana, vediamo allora una variante meno restrittiva della dieta dei 3 giorni. La versione dei 7 giorni, infatti, prevede l’inserimento di alcuni alimenti.

Ecco alcuni esempi di menù tipo da prendere come modello di riferimento.

  • Appena svegli SEMPRE: limonata tiepida
  • Prima di andare a letto SEMPRE: limonata tiepida
  • Colazione: yogurt bianco magro + 2 cucchiai di fiocchi d’avena + latte di soia + macedonia di frutti rossi

Alcune idee per pranzo e cena

  • Pollo grigliato condito con olio e succo di limone + verdure a foglia verde lessate o saltate nel wok + 1 frutto fresco
  • Insalata di riso con prosciutto cotto, olive e pomodorini e olive
  • Zuppa di verdure fresche + 2 fette di pane di kamut o di grano saraceno + 1 kiwi
  • Sogliola al vapore condita con olio EVO e limone + insalata di fagiolini + 1 pera
  • Insalata verde + ceci + pomodorini + pane integrale
  • Tartare di manzo condita con olio EVO e limone + zucchine grigliate + 1 panino integrale
dieta del limone
Questa dieta detox può essere personalizzata con una serie di cibi leggeri e sani.

Idee spuntini metà mattina e metà pomeriggio

  • 8 mandorle non salate e non tostate + 1 bicchiere di succo di frutta diluito in acqua
  • 1 mela o 1 pera
  • 1 manciata di semi di girasole + 1 piccolo grappolo d’uva
  • 2 nespole o 2 kiwi
  • 1 manciata di mandorle e dei pomodorini crudi
  • Fragole con limone

Benefici della dieta del limone

  • Semplice da seguire
  • Minimo sforzo per la preparazione dei pasti
  • Fa dimagrire in tempi rapidi
  • Sgonfia e purifica
  • Drena i liquidi
  • Apporta moltissima vitamina C

I contro della dieta del limone

Come tutte le diete molto restrittive, anche la dieta del limone va seguita per un periodo molto limitato di tempo in quanto può portare forti squilibri e carenze nutrizionali.

Inoltre, non appena la si interrompe (com’è giusto che sia) non funziona più.

Essendo poco varia, rischia di venire presto a noia. Fortemente ipocalorica, induce stanchezza e bassa concentrazione.

Controindicazioni

La dieta del limone è sconsigliata a chi soffre di problemi di reflusso e acidità di stomaco.
Ricordiamo inoltre che un uso esagerato del succo di limone può rovinare lo smalto dei denti.

Per le sue caratteristiche, questo tipo di regime dietetico può causare:

  • stanchezza e fatica
  • problemi gastrointestinali (diarrea anche grave per l’uso dei lassativi)
  • mal di testa
  • debolezza
  • malnutrizione
  • disidratazione
  • aumento di peso una volta che lo si interrompe

In generale, poi, le diete disintossicanti possono risultare dannose per i soggetti affetti da diabete o che soffrono di malattie cardiache.

In sintesi, non tutti i medici nutrizionisti vedono di buon occhio questo tipo di dieta.

In ogni caso, se la si vuole provare, magari poco prima di partire per le vacanze e ottenere risultati in tempi rapidi per arrivare in forma alla prova costume, si consiglia di attenersi ai limiti temporali consentiti per questa dieta. Evitare quindi di perseguirla per oltre 7-10 giorni. E, in ogni caso, sarebbe bene, chiedere il parere del proprio medico, specie se si soffre di particolari patologie croniche.

Altri approfondimenti

Sempre in tema diete, forse ti potrebbero interessare anche questi altri post:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio