Dieta crudista: guida agli alimenti e strumenti di cucina

di Salvo del 14 ottobre 2017

Chi segue una dieta crudista di fatto cosa mangia? Quali sono gli alimenti ammessi? E quali strumenti sono necessari? Una breve guida vi aiuterà a fare luce su questo regime alimentare estremo.

Conosciuto come raw food, la dieta crudista è un regime alimentare che prevede il consumo di alimenti crudi e non lavorati, preferibilmente di provenienza bio. Specie in questo momento, il crudismo spopola fra i divi di Hollywood che attribuiscono a questo regime alimentare una sorta di azione antiage, ma tornando ai comuni mortali, ancora non ha incontrato molti seguaci.

Alcuni grandi chef iniziano a proporre dei piatti elaborati in chiave crudista e dei locali, specie vegetariani, a fianco alle classiche ricette veg, propongono anche una piccola scelta di piatti raw.

Dieta crudista: principi di base

Le origini storiche di questa dieta si possono ricondurre ad un testo sacro “Il Vangelo della Pace” del gruppo ebraico degli Esseni. Più recentemente invece sono stati medici indipendenti o naturisti del ‘900 ha promuovere la diffusione della cucina crudista per motivazioni essenzialmente salutistiche.

Il principio alla base del crudismo è legato al fatto che si ritenga il cibo cotto dannoso per l’organismo. Le alte temperature distruggerebbero gli enzimi presenti naturalmente negli alimenti (come lipasi, proteasi e amilasi). Il corpo dovrebbe quindi produrre i propri enzimi digestivi comportando un notevole dispendio energetico ed una minore efficacia. Anche le vitamine ed i microrganismi utili a rafforzare la flora intestinale subirebbero l’azione distruttiva esercitata dal calore. 

In realtà, gli enzimi contenuti nei cibi, pur non essendo sottoposti a cottura, tendono ad essere denaturati una volta venuti a contatto con il PH gastrico. Poi vengono scissi in molecole da altri processi chimici a livello intestinale. A differenza da quanto sostenuto dalla filosofia crudista inoltre, il procedimento di cottura può anche favorire e facilitare i processi digestivi, oltre a permettere l’assorbimento di alcuni nutrienti.

Si tratta quindi di un regime alimentare piuttosto restrittivo: se siete interessati a seguirlo, consultate prima un medico nutrizionista, perché venga valutato il vostro stato di salute e le vostra effettiva necessità alimentari, intolleranze o limitazioni.

Potrebbero interessare anche queste diete:

Dieta crudista: varianti

Il crudismo di per sè nasce come regime onnivoro, per cui va bene tutto, non solo frutta e verdura, ma anche miele e prodotti di origine animale, come pure carne e pesce, purché consumati crudi. Sono dunque ammessi uova, burro, latte e latticini. Esistono però delle varianti più restrittive.

Dieta crudista vegetariana

I crudisti vegetariani possono mangiare sia frutta che verdura cruda. Tollerano i prodotti di derivazione animale, comprese le uova, la panna, il formaggio ed il burro, evitando però carne e pesce.

Dieta crudista vegana

Se il principio su cui si basa la dieta crudista è di consumare esclusivamente cibi non cucinati (al 75-100%), diciamo che esiste una sua variante più restrittiva che è la dieta crudista vegana. Si limita ai soli alimenti crudi di origine vegetale, cioè frutta, verdura, semi oleosi.

Dieta crudista fruttariana

Ancora più limitante è la dieta crudista fruttariana, che ammette solo frutta cruda, sia sotto forma di puré che bibite o centrifugati, oltre che in forma solida. Decisamente punitiva, non può essere seguita per lunghi periodi perché ci sono moltissime carenze di sostanze nutritive, oltre che essere decisamente monotona.

Dieta crudista: benefici

Il crudismo ha sicuramente un aspetto positivo evidente: è semplice da preparare perché i pasti, non sottoposti a cottura, sono veloci da organizzare.

Tra i benefici del mangiare cibi crudi rispetto a quelli cucinati, si evidenziano riduzione delle allergie ai cibi e dei problemi digestivi, per il grande apporto di fibre che aiutano a depurare l’organismo. Si rafforza il sistema immunitario, grazie alla grande quantità di vitamine di frutta e verdure. Si abbassa il colesterolo e soprattutto si tiene sotto controllo il peso, perché è priva di grassi.

Suggerimento: perchè non provate anche le Energy balls? ecco come preparare le palline energetiche crude e vegane

Anche la pelle appare più giovane e si rinforzano unghie e capelli. Inoltre la dieta crudista sembra limitare l’ansia e la letargia e dà maggiore tono ed energia. Difatti mangiare cibi non raffinati e privi di sostanze chimiche sforza meno l’apparato digestivo e incrementa la concentrazione e tutte le funzioni cerebrali.

I contro del crudismo

Sembra che questa dieta porti a reazioni intestinali che sono il contrario di quelli sbandierati come benefici, ovvero gas e tensione addominale, meteorismo e flatulenza.

Inoltre mangiare cibi crudi peggiora la sensazione di freddo in inverno, quando si sente psicologicamente il bisogno di cibi caldi.

L’aspetto negativo principale rimane la sicurezza igienica del cibo, manipolato e mangiato senza cottura. La presenza di parassiti, spesso pericolosissimi, non è in parte scongiurata dall’alta temperatura. Per questo ci sentiamo di sconsigliare questo regime alle donne incinte e ai soggetti immuno-depressi, ai malati cronici o di tumore.

Detto questo, vediamo su quali alimenti di basa la dieta crudista.

Dieta crudista: alimenti concessi e da evitare

Questo modello alimentare, prevede in linea generale il consumo di alimenti non cotti o che comunque non abbiano subito trattamento termico superiore ai 45 °.

Per quel che riguarda gli alimenti concessi, abbiamo visto le differenze tra fruttariani, vegetariani, crudisti vegani e crudisti onnivori.

Alimenti da evitare

A fronte di tutto questo, ci sono poi una serie di cibi che per le loro qualità, crudi risultano tossici e dunque vanno assolutamente evitati.

Parliamo di: 

dieta crudista cosa mangiare

Conoscere meglio la dieta crudista: la guida agli alimenti e strumenti di cucina

Alimenti consigliati

L’assunzione di vegetali di origine biologica, rigorosamente di stagione e dunque più saporiti, consente di beneficiare al massimo dei principi nutritivi di cui sono ricchi.

Fra gli alimenti consigliati, troviamo:

Dieta crudista: le combinazioni alimentari

Al fine di evitare digestione lenta, gonfiore addominale e bruciori di stomaco, è bene rispettare alcune semplici regole circa la corretta combinazione dei cibi:

  • la frutta, che si digerisce molto velocemente, andrebbe consumata da sola
  • i succhi di frutta e verdura andrebbero assunti a stomaco vuoto e mai all’interno di un pasto, poiché se ne potrebbe rallentare la digestione
  • l’avocado si combina bene sia con la frutta che con la verdura
dieta crudista alimenti permessi

Uno dei pilastri della dieta crudista è l’avocado

Dieta crudista: gli strumenti necessari in cucina

Per preparare al meglio le pietanze da consumare, sarebbe bene munirsi di alcuni strumenti necessari, perché si deve evitare la cottura. Quindi largo a:

  • Frullatore: per preparare frullati ma anche per tritare i cibi. Ecco anche una guida ai migliori frullatori in commercio.
  • Centrifuga: per preparare succhi di frutta e verdura. Ecco anche qui una guida alle migliori centrifughe di frutta e verdura.
  • Estrattore: gli estrattori di succo a freddo, permettono di ottenere degli estratti di frutta e di verdura speciali. Ricchi di vitamine e di sali minerali, rispettano integralmente la composizione originale degli alimenti. Ecco qui la guida ai migliori estrattori di succo a freddo.
  • Essiccatore: permette di essiccare gli alimenti senza cuocerli, mediante aria calda che asciuga il cibo
  • Fioccatrice: è abbastanza costosa ma indispensabile se si vuole beneficiare al massimo delle proprietà dei cereali. Consente infatti di schiacciare i cereali crudi fino a renderli facilmente masticabili e secondo il proprio gusto, senza però ridurli in farina.
  • Germogliatore: è il modo più semplice per organizzare una produzione casalinga di germogli. In commercio ci sono diversi modelli, come quelli di bambù o terracotta, che però essendo meno igienici, sono da evitare. Ottimi invece quelli con le vaschette in plastica, facili da pulire e dunque più igienici.

Oltre a questi attrezzi, il crudista non dovrà farsi mancare coltelli ben affilati, taglieri e recipienti a chiusura ermetica per poter conservare in frigo gli ortaggi e la frutta preparata dopo il taglio.

Quanto sopra vi è sembrato interessante? Informatevi comunque presso un medico nutrizionista, prima di fare il “grande passo”.

Dieta crudista: accessori e libri utili

Se vi interessa il tema dieta crudista, qui vi suggeriamo una selezione di strumenti e alcuni libri interessanti:

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Marco luglio 31, 2017 alle 9:36 am

Salve, articolo esaustivo e interessante. Vorrei solo aggiungere che tra i problemi spesso riscontrati dai crudisti al 100% ci sono numerosi problemi dentali, come le carie ricorrenti. Questo problema si verifica soprattutto a causa dell’alto contenuto di zuccheri della frutta in una dieta crudista fatta bene e dalla continua assunzione di cibo necessaria in alcuni individui per sopperire alla bassa densità calorica dei cibi crudi più necessari, come la frutta e la verdura.

Marco

Rispondi

Leave a Comment