Latte d’avena: una bevanda vegetale ricca di fibre e povera di grassi

Impariamo a farla in casa e utilizzarla in vari modi

Il latte di avena è un latte vegetale ottenuto dalla fiocchi o dai chicchi decorticati, dalle numerose proprietà benefiche. Può essere un valido aiuto per chi segue diete dimagranti o per chi soffre d’intolleranza al lattosio, perché attenua il senso di fame, è al contempo un ipocalorico.

Latte d’avena: una bevanda vegetale ricca di fibre e povera di grassi

Esistono diversi tipi di latte vegetale: i più comuni sono il latte di riso, latte di soialatte di mandorle ed il latte di cocco oltre appunto a quello d’avena.

Anche quello d’avena non è un vero e proprio latte, ma è una bevanda vegetale. Si può bere sia durante i pasti, sia a colazione o a merenda. Ha un sapore dolce e delicato che lo rende idoneo per la preparazione di dolci, in sostituzione del latte vaccino, grazie al suo gusto delicato e naturalmente dolce.

Molto usato nella dieta vegetariana e vegana, ha proprietà diuretiche, tonificanti, rigeneranti.

Elementi nutritivi del latte di avena

È un alimento eccellente in caso di dieta ipocalorica o dieta per diabetici. Il latte di avena contiene:

  • zuccheri semplici, che apportano immediatamente energia senza sovraccaricare il metabolismo rendendo la bevanda di facile digestione e poco calorica (47-49 kcal per 100 grammi di prodotto);
  • grassi polinsaturi in quantità ridotta.
  • proteine: pochissime e comunque meno del latte di mucca.
  • carboidrati complessi, ad assorbimento lento ma in minore quantità rispetto al latte vaccino, per questo è ideale per una dieta ipocalorica. Inoltre, aumenta il senso di sazietà e svolge un effetto dimagrante.
  • vitamina E, vitamine del gruppo B che favoriscono la digestione, aiutano a ridurre il colesterolo cattivo e i trigliceridi nel sangue.
  • fibre solubili (come il betaglucano) questa bevanda migliora la flora intestinale, la peristalsi intestinale ed il funzionamento digestivo.

Proprietà del latte di avena

Questo cereale, sia in forma di fiocchi d’avena che di avena colloidale che di farina d’avena, conserva sempre le sue proprietà emollienti, rinfrescanti, antiarrossamento e antinfiammatorie e nutritive. Possiede in oltre ottime proprietà nutritive, e rappresenta una sana ed economica alternativa al latte vaccino.

Ecco in breve le qualità del latte d’avena:

  • Combatte la stitichezza: per il suo contenuto di fibre è una bevanda utile per chi soffre di stipsi poiché regola il transito intestinale e migliora il funzionamento e la salute del nostro intestino.
  • Riduce colesterolo e trigliceridi. Il latte d’avena costituisce un valido aiuto per il nostro corpo nel ridurre livelli elevati di grassi nel sangue: è utile nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e si può aggiungere alla nostra dieta quando siamo stati diagnosticati con il colesterolo alto o trigliceridi alti. Inoltre, aiuta ad abbassare il colesterolo Ldl (denominato colesterolo cattivo).
  • Facilmente digeribile. Il nostro apparato digerente non è del tutto preparato per digerire il latte vaccino o di capra. Un numero crescente di nutrizionisti concordano sul fatto che dovremmo smettere da adulti di consumare latte di animali: il latte vegetale diventa un sostituto del latte vaccino e quello di avena si distingue come il più digeribile.
  • Adatto alla dieta di diabetici: il latte di avena è utile per le persone che hanno bisogno di controllare i loro livelli di zucchero nel sangue.
  • Aiuta il buon funzionamento del sistema nervoso: grazie all’alto contenuto di vitamine B utili per il suo corretto funzionamento. Questo latte è consigliato per chi soffre di stress e l’ansia, perché aiuta a rilassarsi in maniera del tutto naturale.
  • Previene l’anemia grazie alle presenza della vitamina B9.
  • Ricco di calcio e ferro, il latte d’avena dona salute alle ossa e ai denti. Per questo è molto consigliato alle donne in menopausa o ai bambini in crescita.
  • Consigliato per la dieta dimagrante: bere il latte d’avena dona senso di sazietà e per questo viene consigliato nelle diete dimagranti per perdere peso, soprattutto se assunto durante i pasti perchè le fibre solubili dell’avena si gonfiano nello stomaco dando senso di pienezza.
  • Azione ricostituente naturale: nel latte d’avena vi sono tantissimi acidi grassi essenziali, come l’acido linoleico, che è un ottimo ricostituente ed energizzante naturale. Viene consigliata l’assunzione del latte d’avena (o di avena in fiocchi) nei periodi di convalescenza e agli sportivi.

Come preparare il latte d’avena a casa

È possibile preparare il latte di avena in casa: ogni litro di acqua utilizzare 100 gr di avena in fiocchi o in chicchi decorticati.

Latte d’avena fatto in casa a partire dai fiocchi d’avena

Se volete provare a prepararlo dai fiocchi d’avena, provate questa ricetta, perfetta per ottenere un 1 litro di latte veg. Ingredienti:

  • 90 gr di fiocchi d’avena
  • 1 l di acqua fredda

Preparazione. Mettete a bagno i fiocchi di avena in una ciotola riempita con acqua fredda. Coprite il contenitore con un canovaccio pulito e lasciate in ammollo per una notte. Sciacquate i fiocchi e trasferiteli poi in un pentola o un recipiente e lavorate per un paio di minuti con il mixer, aggiungendo a filo il litro d’acqua fino ad ottenere una miscela omogenea e fluida. A questo punto, filtrate con un colino fine o un telo di cotone molto sottile. Travasate in una bottiglia di vetro chiusa da conservare in frigorifero per massimo quattro giorni.

Preparare latte di avena dai chicchi

Per preparare il latte dai chicchi d’avena il procedimento è più lungo. Vi occorrono:

  • 100 gr di fiocchi d’avena
  • 2 l di acqua fredda
  • 1 pizzico di sale

Preparazione. Risciacquate i chicchi e metteteli in ammollo per 7-8 ore in acqua fredda. Scolateli e sistemateli in un mixer o frullatore dove li tritate a più riprese diluendoli con 1 l di acqua. Deve risultare una crema liscia. Trasferitela in una pentola capiente in cui aggiungerete il restante litro d’acqua ed il pizzico di sale. Frullate un paio di minuti con un frullatore ad immersione se ritenete sia ancora granuloso. Fate bollire a fiamma bassa mescolando continuamente per 20 minuti e spegnete il fuoco. Lasciate intiepidire e poi filtratelo con un colino e un telo di cotone. Versatelo in una bottiglia di vetro per conservarlo in frigorifero per massimo massimo 4 giorni.

latte d'avena
L’avena è una presenza fissa in tavola nelle colazioni di tantissime persone.

Non eccedere con il latte vegetale

Non ci sono controindicazioni nel consumo di latte di avena, purché consumato in dosi adeguate e raccomandate.

In quantità elevate i celiaci possono presentare sintomi simili a quelli generati dal consumo di glutine. Le persone che soffrono di allergie ai cereali, o particolarmente per l’avena vegetale, possono soffrire di alcune reazioni allergiche.

Il consumo eccessivo di latte di avena può causare anche disturbi allo stomaco, dolori addominali e mal di testa.

Fate sempre attenzione all’etichetta quando si acquista latte di avena, perché potrebbe contenere oli aggiunti.

Curiosità sull’avena

L’avena è un cereale la cui varietà più diffusa è chiamata l’avena sativa, pianta ampiamente coltivata in tutto il pianeta: il Regno Unito costituisce la zona tradizionalmente più legata al consumo alimentare di avena (ne è un esempio il porridge).

Originariamente, l’avena era considerato un cereale povero, che veniva utilizzato come foraggio per gli animali (chiamato biada) e veniva utilizzato come alimento per gli uomini solo in caso di grande carestia.

Nel corso degli anni sono state rivalutate le sue proprietà benefiche e si è cominciato a utilizzarlo sia al naturale, sotto forma di cereale, sia come prodotto lavorato industrialmente come la bevanda all’avena.

Approfondimenti tematici

Infine, ti segnaliamo anche altri articoli interessanti sui diversi tipi di latte vegetale:

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button