Porcellino d’India: aspetto, abitudini e cura della cavia domestica

di Elle del 8 aprile 2018

Il porcellino d’India, o cavia domestica, è un piccolo roditore socievole e vivace. Per assicurare il suo benessere è consigliabile adottarlo in coppia ad un altro esemplare.

Porcellino d’India: aspetto, abitudini e cura della cavia domestica

Il porcellino d’India (nome scientifico Cavia porcellus Pallas), noto anche come cavia domestica, è un piccolo roditore originario del Sud America. Diventata sinonimo di animale da laboratorio, la cavia è in realtà uno degli animali domestici più diffusi.

In alcuni Paesi sudamericani viene anche servita come cibo. Sull’origine del nome “porcellino” non ci sono spiegazioni univoche. Potrebbe essere stato chiamato così per via del verso emesso da questo animale, molto simile a quello dei maiali. In alternativa, il suo aspetto, insieme alla sua voracità, potrebbero far pensare ad un maiale in miniatura.

Sono roditori di medie dimensioni: i maschi sono lunghi circa 20 cm e arrivano a pesare 1,25 kg. L’età media di questi esemplari oscilla tra i 4 e gli 8 anni. Tuttavia, in condizioni di vita ottimali possono rivelarsi anche molto più longevi.

Porcellino d’India carattere

Sono animali sociali e amano vivere in piccoli gruppi composti da maschi e femmine. Gli esemplari domestici hanno abitudini diverse da quelle tipiche della vita selvatica. Hanno, infatti, adattato i loro ritmi per cui possono mostrarsi attivi durante tutta la giornata con brevi intervalli di riposo.

Rispetto ad altri tipi di roditori, non richiedono particolare esercizio fisico poiché in natura non hanno avuto bisogno di sviluppare speciali abilità motorie. Non amano quindi fare salti o arrampicarsi, ma possono superare facilmente dei piccoli ostacoli. In natura abitano zone pianeggianti molto rigogliose a concentrano la propria attività intorno alle ore del crepuscolo. In questo modo riducono il rischio di essere attaccata dai predatori.

porcellino d'india

Porcellino d’India: è un animale sociale che ama vivere in piccoli gruppi.

Porcellino d’India: le diverse razze

Le cavie domestiche possono appartenere a diversi tipi di razze. Le più diffuse come animali da compagnia sono le cavie a pelo corto, le razze abissina, peruviana e la sheltie. Le dimensioni sono più o meno le stesse, mentre può variare notevolmente il pelo sia per lunghezza che per colore.

Generalmente le cavie possono presentare tre colori differenti di ogni serie. La serie nera comprende nero, cioccolato, lilla e beige. La serie rossa include rosso, arancio, camoscio, crema e bianca. Altri esemplari possono essere bianchi.

SCOPRI ANCHE: Il Criceto, ecco quello che bisogna sapere per il suo benessere

Porcellino d’India a pelo lungo

Pur non essendoci sostanziali differenze tra la specie a pelo lungo e quella a pelo corto, va ricordato che il porcellino d’India a pelo lungo va periodicamente spazzolato.  Ogni tanto potrebbe avere pisogno di una piccola spuntatina al pelo.

porcellino d'india

Porcellino d’India: tra le diverse razze di cavie vi sono quelle a pelo lungo.

Porcellino d’India cucciolo

Appena nati i cuccioli sono in grado di muoversi e, a distanza di una settimana dalla nascita, tendono già a spostarsi per esplorare l’ambiente. Dopo pochi giorni possono iniziare ad assumere cibi solidi pur continuando ad essere allattati. L’età fertile sia di maschi che di femmine comincia già a partire dalla terza settimana di vita.

Porcellino d’India alimentazione

Questo roditore è strettamente erbivoro  per cui segue una dieta totalmente vegetale. Occorre pertanto garantirgli la presenza di alimenti come frutta e verdura fresca e cruda insieme al fieno. Il consumo di fibre è importante per il buon funzionamento dell’intestino.

Altrettanto importante è la masticazione con cui questo animale si assicura la giusta lunghezza dei denti, che tendono a crescere di continuo. Un altro aspetto a cui fare attenzione è il rischio di carenza di vitamina C a cui questo animale tende ad essere soggetto.

Per questo può rivelarsi opportuno l’acquisto di alimenti specifici per sopperire ad eventuali carenze.

Porcellino d’India gabbia

Quando si decide di adottare un animale domestico è sempre necessario assecondare le sue esigenze etologiche. Nella sistemazione occorre scegliere una gabbia spaziosa e in grado di accogliere uno o più esemplari. Il fondo della gabbia deve essere solido così da evitare che si possa ferire le zampe. Si può scegliere di utilizzare una lettiera composta da materiale assorbente.

Al di sotto della lettiera si possono disporre fogli di giornali che facilitino la pulizia quotidiana della gabbia. All’interno devono essere collocati un contenitore per il cibo e un abbeveratoio a goccia per l’acqua. Inoltre, è bene sistemare la cavia in un posto tranquillo e riparato della casa.

Particolari accortezze vanno adottate in caso di convivenza con altri animali domestici, come cani e gatti, per cui la cavia potrebbe rappresentare una potenziale preda.

Porcellino d’India prezzo

Il costo per l’acquisto di questo animale non è molto elevato e si aggira di solito intorno ai 15-20 euro. Si può, inoltre, adottare qualche esemplare attraverso lo scambio tra privati. Inoltre, è possibile ipotizzare anche il recupero di eventuali esemplari da laboratorio.

Occorre poi ovviamente considerati i costi legati alla cura dell’animale: lettiera, alimentazione e controlli periodici presso un veterinario specializzato.

Altre informazioni

Ecco alcuni articoli su piccoli e pelosi animali domestici un po’ diversi dal solito, che vi terranno compagnia:

Se volete comprare degli accessori per le vostri porcellini d’India, eccone alcuni:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment