Erbe medicinali e aromatiche

Alla scoperta dei benefici e delle proprietà dell’Astragalo

Scopriamo come viene utilizzato in medicina cinese e fitoterapia

Tra le tante piante da poter usare in fitoterapia, un posto importante è occupato dall’Astragalo, anche se è poco conosciuta in Italia mentre in Oriente è molto diffusa. Infatti, è una componente essenziale della medicina tradizionale cinese, la pianta anti-età per eccellenza

Alla scoperta dei benefici e delle proprietà dell’Astragalo

Ha una lunga storia di utilizzo come erba medicinale e viene considerata un adattogeno, ovvero una sostanza che aiuta il corpo ad adattarsi allo stress e a migliorare la resistenza.

Vediamone i benefici e gli utilizzi ma anche le possibili controindicazioni.

Origine e descrizione botanica dell’astragalo

Il genere è molto vasto e conta più di 2000 specie. I principali sono l’Astragalus membranaceus e l’Astragalus mongholicus.

Si tratta di una pianta perenne di cui si raccolgono in primavera le radici in cui sono concentrati i principi attivi.

Fa parte delle leguminose, ed è di origine orientale, ma ormai diffusa in tutte le aree temperate dell’emisfero boreale. Si trova anche in Europa, soprattutto sulle coste, negli estuari e nelle pinete.

  • Fusto: alto da 60 a 150 cm
  • Fiori sono gialli e formano dei grappoli
  • Radici: sono la componente che è utilizzata in fitoterapia

Qual è la composizione dell’Astragalo

Deve le sue virtù medicinali alle numerose molecole attive contenute nelle sue radici, ma anche nelle gemme e nei fiori, anche se in quantità minori.

I composti nutrizionali dell’astragalo sono:

  • Polisaccaridi: complessi di carboidrati considerati una delle principali fonti di energia nell’uomo;
  • Saponine triterpeniche: le principali sono gli astragalosidi e il cicloastragenolo;
  • Flavonoidi: noti per la loro azione antiossidante, ne contiene una decina di flavonoidi come isoflavoni e isoflavani;
  • Fitoestrogeni (lignani) ;
  • Steroli: sitosterolo;
  • Amminoacidi: molecole importanti il cui legame forma una macromolecola proteica, come l’acido glutammico, la leucina, l’acido aspartico;
  • Lectine ;
  • Lipidi: acido linoleico, fosfolipidi;
  • Oligoelementi: ferro, zinco, potassio, calcio, magnesio, cobalto e sodio.

Quali sono i benefici dell’Astragalo

Molto utilizzato in Cina (con il nome di Huang qi) come rimedio per lo stress fisico e mentale, recenti studi ne dimostrano l’efficacia nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Risulta contenere anche un principio attivo, l’astragaloside, che si sta studiando per le sue potenzialità per combattere i tumori.

fiori di astragalo
Fiori di astragalo in primavera

Le virtù terapeutiche dell’astragalo erano note e sfruttate fin dall’antichità sia nell’arte medica europea che nella medicina cinese, in cui era riconosciuta come pianta dalle proprietà immunostimolanti, e serve per rafforzare il sistema immunitario. In quest’ambito è ancora oggi utilizzato per la sua azione tonificante e rafforzante dell’energia vitale.

Antinfiammatorio e immunostimolante

Le radici di astragalo sono la parte più ricca dei principi attivi: isoflavoni, polisaccaridi e flavonoidi. Queste sostanze gli conferiscono proprietà antinfiammatorie e immunostimolanti, e lo rendono adatto alla cura delle malattie respiratorie stagionali, come l’influenza e il raffreddore.

Soprattutto le persone che soffrono di frequente di episodi di raffreddamento (ad esempio: convalescenti, anziani o persone che lavorano a contatto con il pubblico) possono trarre giovamento.

Anti-invecchiamento

Contribuisce a mantenere integri i telomeri, piccoli pezzi di DNA che proteggono l’estremità dei cromosomi dal deterioramento o dalla fusione con cromosomi confinanti. Per questa ragione, si dice che questa pianta giova alla salute cellulare ed aiuta a rallentare il degrado del DNA nel corso degli anni.

Effetti antiossidanti

Gli antiossidanti presenti in questa pianta possono aiutare a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi, che sono molecole instabili legate all’invecchiamento e alle malattie croniche.

Anti-stress

Sembra poter essere un rimedio anche contro la stanchezza e l’affaticamento grazie alle sue proprietà che favoriscono la crescita, il metabolismo e la longevità cellulare. Per questo si dice che l’astragalo è una pianta antistress, consentendo una maggiore capacità di tolleranza al nostro organismo.

Per il fegato

Alla concentrazione di saponine nella radici di questa pianta, invece, si deve l’azione protettrice del fegato, contro gli effetti dannosi di sostanze chimiche o tossiche.

Per il cuore

Ha capacità cardiotonica in grado di ridurre la pressione arteriosa, rivelandosi utile in caso di ipertensione o angina pectoris.

Nella medicina cinese tradizionale come vi abbiamo anticipato si evidenzia come l’astragalo contribuisca a migliorare la funzione globale del cuore.

Astragalo, proprietà e utilizzi
Astragalo, proprietà e utilizzi di una radice molto conosciuta nella medicina popolare cinese

Come si utilizza l’astragalo

Come abbiamo anticipato, grazie proprio alla presenza dei polisaccaridi, è impiegato per la sua azione antivirale.

Per questo motivo rappresenta un ottimo alleato contro virus alla base dei più comuni malanni stagionali come febbre, raffreddoretosse, ma anche di patologie più gravi come l’epatite B.

E’ proprio l’astragaloside ad agire sui danni cardiaci, epatici e intestinali. Per questo potrete preparare un infuso di radice di astragalo da dolcificare con miele.

Si può assumere in capsule quando viene preso come integratore, ed in fitoterapia come estratto secco, tintura madre o decotto quando viene usato come tonico e stimolante, specie in associazione con il ginseng e la liquirizia per rafforzare la sua azione antistress.

Come preparare una tisana di Astragalo

Un decotto stimolante da prendere 2 volte al giorno prevede:

  • 60 gr di radice di ginseng
  • 20 gr di radice di astragalo
  • 20 gr di radice di liquirizia

Preparazione. Fate bollire 1 l d’acqua con 40 gr di questa miscela per 10 minuti.

shutterstock_280677248

Astragalo, radice o fiori secchi da utilizzare in caso di ansia e stress in decotto in compresse

Dove si trova l’Astragalo

Gli integratori a base della radice essiccata di questa pianta sono attualmente in commercio sotto forma di pillole o polvere, ma si trovano anche estratti solidi o tintura madre non standardizzata.

Nelle erboristerie cinesi si trova sotto forma di radice essiccata tagliata a fettine sottili, che può essere utilizzata per preparare decotti, zuppe o brodi.

Bisogna osservare la qualità del prodotto, in particolare la sua concentrazione di principi attivi (polisaccaridi). Più ne contiene, più è efficace.

Potete anche scegliere di acquistare un prodotto biologico, ma sappiate che avrà una concentrazione di molecole attive inferiore a quella di uno standard.

La cosa migliore da fare in questo caso è trovare un prodotto non biologico, ma che rispetti gli standard dell’agricoltura biologica e per il quale si abbia accesso ai certificati di analisi della materia prima.

Dove comprarlo e quanto costa

Si trova in vendita online come tintura madre, e come estratto della radice essiccata, in capsule come integratore, o come fettine della radice essiccate. Il suo prezzo come integratore è di circa 25 euro per 100 capsule.

Astragalus(100) Caps.Vegetales
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 20-06-2024 alle 1:33 AM.

Meglio l’Astragalo in polvere o tintura madre?

È possibile trovarla in erboristeria o su internet, ma come si fa a sapere cosa si sta realmente acquistando? Si tratta davvero del sottogenere Astragalus membranaceus?

Inoltre, per trarre beneficio dalle molecole presenti nella pianta, è necessario preparare dei decotti della pianta mettendola in infusione per ore per ottenere reali benefici, e alla fine non si saprà mai quanto polisaccaride si è assunto.

Per tutti questi motivi, preferiamo il formato capsula quando proviene da un laboratorio serio, perché garantisce la composizione, l’origine ma anche l’efficacia della pianta.

Quasi sono le controindicazioni dell’Astragalo

In alcuni casi può causare emorragie, pressione bassa, stanchezza e senso di vertigine. E’ inoltre da evitare in gravidanza e durante l’allattamento.

Come con qualsiasi sostanza, alcune persone potrebbero essere allergich. Se si manifestano sintomi di allergia, come rash cutaneo, prurito, gonfiore o difficoltà respiratorie, meglio interrompere l’uso e cercare assistenza medica immediata.

Sebbene sia generalmente considerato sicuro quando usato correttamente, ci sono alcune controindicazioni e precauzioni da tenere in considerazione:

Malattie autoimmuni

Poiché può stimolare il sistema immunitario, potrebbe non essere adatto per le persone con malattie autoimmuni come lupus, artrite reumatoide o sclerosi multipla.

L’uso in queste condizioni potrebbe potenzialmente aumentare l’attività del sistema immunitario e peggiorare i sintomi.

Trapianto di organi

Le persone che hanno subito un trapianto di organi o che assumono farmaci immunosoppressori dovrebbero evitare l’uso di astragalo percentuale può interagire con il sistema immunitario ed interferire con l’azione dei farmaci immunosoppressori.

Interazione con altri farmaci

Fate attenzione anche all’interazione con gli altri farmaci, specie se immunostimolanti o antivirali. E’ importante consultare sempre un medico o uno fitoterapista prima di assumere questa pianta.

Qual’è il consumo raccomandato di Astragalo

Le dosi di assunzione normalmente consigliate sono pari a:

  • 250 -500 mg di estratto secco di Astragalo per quattro volte al giorno,
  • da 1 a 30 gr di radice secca per decotto,
  • da 20 a 50 gocce di tintura madre di Astragalo per due volte al giorno.

Per i bambini:

L’assunzione è indicata anche per i bambini sotto i 12 anni di età e non sono noti effetti collaterali dovuti all’interazione con farmaci se non nei casi sopraindicati.

Va comunque ricordato che, come ogni trattamento, va utilizzato solo dietro prescrizione medica o specialistica.

Q&A: domande e risposte

Ecco ora le risposte ad alcune domande che ci avete posto in particolare su questa pianta ed i suoi benefici.

C’è qualche alternativa all’astragalo che potrei considerare per stimolare il sistema immunitario?

La risposta è si, ci sono diverse erbe e sostanze che possono essere considerate come alternative all’astragalo per stimolare il sistema immunitario.

Mi preme sottolineare che prima di utilizzare qualsiasi alternativa, è consigliabile consultare un professionista della salute qualificato, come un medico o un erborista che vi potranno fornire indicazioni personalizzate sulla scelta delle erbe più adatte in base alle vostre esigenze individuali e alle condizioni di salute.

Eccovi comunque di seguito alcune delle possibili alternative:

  • Echinacea:  un’erbacea popolare con proprietà immunostimolanti. Può aiutare a rafforzare il sistema immunitario e favorire una risposta immunitaria sana. È spesso utilizzata per prevenire o trattare il raffreddore comune e altre infezioni respiratorie.
  • Anche Il fungo shiitake è noto per le sue proprietà immuno-modulanti. Contiene composti come i beta-glucani che possono stimolare il sistema immunitario e migliorare la sua funzione.
  • L’Astragalo Radix, che è una parte diversa della pianta di astragalo rispetto alle radici tradizionalmente utilizzate, può essere un’alternativa. Ha proprietà simili nell’attivazione del sistema immunitario.
  • Propoli:  una sostanza prodotta dalle api e ha dimostrato proprietà antimicrobiche e immuno-stimolanti. Può aiutare a rafforzare il sistema immunitario e proteggere contro le infezioni.
  • Alcuni funghi medicinali come il reishi, il maitake e il cordyceps possono sostenere il sistema immunitario e favorire una risposta immunitaria equilibrata.
  • Infine la radice di liquirizia che ha proprietà antinfiammatorie e può essere utilizzata in formulazioni a base di erbe per sostenere la salute immunitaria.

Altre piante medicinali da scoprire

Scopri anche le proprietà di queste altre piante della salute:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata nel 1980, si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali. Nel 2011 approda alla redazione di tuttogreen.it per occuparsi di bellezza e cosmetica naturale, fonti rinnovabili e medicine dolci.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio