Piante e fiori

Ceratostigma: tutto su questo genere di piante dagli incantevoli fiori blu intenso

Caratteristiche e consigli per la cura, la coltivazione e la moltiplicazione

Oggi andremo alla scoperta del Ceratostigma, un genere di piante perenni appartenente alla famiglia delle Plumbaginaceae, molto apprezzato per la sua rusticità (e quindi facilità di coltivazione) che per la bellezza degli incantevoli fiorellini blu intenso che ricordano moltissimo quelli del plumbago.

Ceratostigma: tutto su questo genere di piante dagli incantevoli fiori blu intenso

Che pianta è il Ceratostigma

È una pianta ornamentale perenne piuttosto resistente contraddistinta da splendidi fiorellini blu intenso.

Originario della Cina e dell’Asia centrale, è un arbusto perenne deciduo che fa parte della famiglia delle Plumbaginaceae. Alta 30-40 cm, è una pianta dai sottili fusti arcuati che tendono a svilupparsi molto rapidamente.

Caratteristiche del Ceratostigma

Si tratta di una pianta che, in 4-5 anni circa, si espande molto e può riuscire a tappezzare spazi anche molto ampi.

Vediamo nel dettaglio come si presenta nelle sue varie parti.

  • Radice: rizomatosa, è carnosa e piuttosto robusta
  • Fusti: legnosi o semi legnosi (a seconda dell’età della pianta) sono sottili tanto che, a causa del peso delle foglie, si incurvano assumendo così un portamento ricadente.
  • Foglie: dalla forma ovale-lanceolata, hanno margini lisci ricoperti da una leggera peluria. Disposta a spirale attorno ai rami, durante la fase vegetativa sono di un nel verde brillante per poi divenire rosso-brunastro o bronzo in autunno
  • Fiori: di colore blu intenso, hanno forma tubolare e sono riuniti a grappolo. Somigliano tantissimo ai fiori del plumbago
  • Frutti: seguono la fioritura e, di fatto, si tratta di piccole capsule scure all’interno delle quali si trova un piccolo seme di forma allungata

Etimologia di Ceratostigma

Dal greco ‘kératos‘, che vuol dire “corno” e “stigma”, letteralmente significa “stigma cornuto”.

Ceratostigma, fioritura

Comincia a fiorire verso la fine della primavera e prosegue fino all’autunno inoltrato. È nei mesi tra giugno e settembre, però, che si può godere della fioritura nel suo splendore massimo.

Ceratostigma varietà

Nelle aree con inverni abbastanza miti, è possibile trovare le seguenti varietà:

  • C. willmottianum: varietà arbustiva che produce fiori blu molto piccoli e che soffre tanto il freddo
  • C. griffithiii: per poter fiorire in abbondanza necessita di esposizioni in pieno sole

Come curare Ceratostigma

Si tratta di una pianta abbastanza rustica che non ha particolari esigenze. Durante i mesi più caldi va innaffiata con regolarità evitando però i ristagni idrici. In fase di fioritura è bene concimarla ogni 10-15 giorni diluendo, nell’acqua dell’annaffiatura, del fertilizzante liquido specifico per piante da fiore. Alternativamente, è possibile procedere ogni 40 giorni somministrando del concime granulare ricco di fosforo e potassio, a rilascio lento.

Quale terriccio usare per Ceratostigma

Si adatta in qualsiasi tipo di terreno; ad ogni modo, i terreni più indicati sono quelli sassosi e porosi. L’importante è che non ci siano ristagni d’acqua.

In sostanza, è la classica pianta ideale per la coltivazione in giardini rocciosi e su muretti.

Ceratostigma

Quanto innaffiare Ceratostigma

in estate occorre irrigarla con generosità facendo però attenzione ad evitare ristagni idrici e attendendo, tra una irrigazione e l’altra, che il terreno si sia ben asciugato.

In inverno, poi, le annaffiature possono essere diradate, anche se il terreno va sempre mantenuto leggermente umido e mai del tutto secco.

Quando potare Ceratostigma

In primavera vanno eliminati alla base i rami ormai secchi o danneggiati dal freddo ed accorciati quelli disposti in maniera disordinata. Per fare questa operazione, volta a stimolare la produzione di nuovi germogli, si devono fare tagli in senso obliquo, utilizzando cesoie disinfettate e ben affilate.

Dove piantare Ceratostigma

Ama le posizioni bene soleggiata ma cresce bene anche a mezz’ombra. Ideale da coltivare nelle zone con clima mite, resiste al caldo ma non sopporta le temperature al di sotto dei 5 °C. Va riparata anche dal vento.

Dove mettere Ceratostigma in inverno

Dove gli inverni sono piuttosto rigidi, è bene coltivare questa pianta in vaso sul balcone così da poterla ritirare in casa oppure accostare ad un muro rivolto a sud.

Come si moltiplica il Ceratostigma

La moltiplicazione del Ceratostigma può avvenire in vari modi:

  • per seme: utilizzando del terriccio soffice, ben drenato e ricco di nutrienti, procedere in piena primavera quando non si corre più il rischio di gelate anche tardive
  • divisione dei cespi: in primavera, prima che cominci la ripresa vegetativa, dividere i cespi più sviluppati e interrarli in buche profonde e ben lavorate

Messa a dimora

La messa a dimora va effettuata nella stagione primaverile, in buche poste a circa 30 cm l’una dall’altra.

Optando per il semenzaio, è possibile procedere già verso fine marzo/inizio aprile.

Ad ogni modo, è bene procedere quando le temperature si sono stabilizzate su livelli miti ed è ormai scongiurato il rischio di gelate anche tardive.

Rinvaso

Quando la pianta diventa grande e le radici fuoriescono dai fori di drenaggio posti sul fondo del vaso, si deve procedere con il rinvaso, utilizzando un contenitore avente diametro e profondità maggiori rispetto a quello usato in precedenza.

Per eseguire la manovra occorre estrarre la pianta con tutto il pane di terra che sta attorno alle radici e utilizzare terriccio nuovo ben drenato.

Ceratostigma

Parassiti e malattie

Essendo una pianta abbastanza rustica e resistente, raramente subisce l’attacco di parassiti (tipo afidi e cocciniglia) e malattie.

Uno dei problemi più grandi che possono insorgere è il marciume radicale. Fare quindi attenzione ad evitare i ristagni idrici in fase di annaffiatura e creare un substrato ben drenante.

Perché ha le foglie gialle?

Se le foglie del Ceratostigma cominciano ad ingiallire, molto probabilmente il problema sta in un livello di ph del terreno troppo alcalino. Occorre quindi misurarlo ed eventualmente agire per riportarlo ai giusti livelli.

Utilizzi

Viene principalmente usato a scopo decorativo in aiuole e bordure esposte in zone ben soleggiate. È particolarmente indicata sia per tappezzare i giardini rocciosi che come rampicante per abbellire balconi, pergole e terrazzi. Perfetta anche coltivata in cesti appesi per un scenografico effetto ricadente.

Cosa abbinare a Ceratostigma

Per creare bordure ed aiuole variopinte con meravigliosi contrasti cromatici, è possibile abbinare questa pianta ad altre specie da fiore come lantana, abelia e callistemon.

Bello anche l’abbinamento con rampicanti quali il gelsomino e la bouganville.

Quanto costa una piantina?

Si tratta di una pianta piuttosto economica. Si trovano piantine a partire da soli 4,90 euro. Nel complesso, è anche una pianta piuttosto facile da trovare.

Pianta Ceratostigma Griffithii Vaso 7cm
Prezzo: 1,79 €
Prezzi aggiornati il 31-01-2023 alle 3:13 PM.

Approfondimenti tematici

Se i fiori sono la tua passione, ti potrebbero interessare le nostre schede per coltivare varie piante:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button