Yoga e mente

A cosa serve lo Yoga

Scopriamo insieme le origini, i suoi benefici e soprattutto a cosa serve

Ti è mai capitato di chiederti a cosa serve lo yoga? Se la risposta a questa domanda è positiva, ti trovi nel posto giusto. Insieme affronteremo cos’è lo yoga e quali sono i suoi benefici sul corpo e la mente, la pratica costante fa bene in molti modi differenti e potrebbe essere utile per raggiungere uno stato di benessere generale e duraturo nel tempo.

A cosa serve lo Yoga

Cos’è lo yoga

Prima di capire a cosa serve è fondamentale capire cos’è e quali sono le sue lontane origini. La parola stessa deriva dalla radice sanscrita di yuj, che significa ‘unire’. È una disciplina millenaria, nata nel sub-continente indiano.

Le prime testimonianze si trovano nei testi sacri, ossia i Veda. In termini spirituali, è descritto come l’unione della coscienza universale e della coscienza individuale.

Inizialmente la pratica non era consentita a tutti. Era, infatti, riservata solamente agli asceti o agli eremiti che cercavano l’illuminazione e la connessione con il Divino. Con il passare degli anni, invece, è diventata una disciplina che tutti possono praticare, e oggi è veramente semplice una sessione, anche da casa.

La disciplina si è evoluta nel tempo e, a contatto con la visione occidentale, ha subito ulteriori modifiche, facendo nascere, al di là degli stili classici dell’Hatha Yoga e del Vinyasa, anche stili specifici, come quello particolarmente dinamico che pone grande attenzione al flusso, cioè il Power Yoga, oppure la pratica eseguita in coppia dell’Acroyoga, ma anche l’esecuzione delle posizioni in un ambiente umido e caldo come il Bikram, la variante molto più spirituale in cui la pratica segue il ‘sentiero della devozione’ fino alla purezza che è il Bhakti Yoga, e perfino uno stile molto particolare eseguito in sospensione su speciali amache, l’Antigravity Yoga.

Oggi tutti, almeno una volta, hanno sentito parlarne, ma non tutti sanno a cosa serve questa pratica millenaria e quali sono i suoi straordinari benefici.

Lo Yoga serve al benessere fisico

I benefici dello yoga si riscontrano solo se si pratica con costanza e sono molteplici. Oltre ad essere fisici, coinvolgono soprattutto la mente. Il benessere psicofisico si raggiunge attraverso le asana (le varie posizioni) e attraverso la respirazione pranayama che è una forma yogica di respiro controllato.

Anche il mudra dei gesti delle mani che esercitamo una forma di controllo dell’energia, i bandha che sono delle chiusure energetiche, lo shatkarma che comprende un corpus di tecniche di purificazione, e la meditazione che accompagna tutta la pratica, sono fondamentali per ottenere il benessere generale.

In particolare la pratica aiuta a:

  • Stimolare il metabolismo: come per ogni altra attività che prevede movimento e fatica, anche questa disciplina permette di stimolare il metabolismo.
  • Controllare il peso: alcune varianti, soprattutto quelle più dinamiche come il Power e l’Ashtanga Yoga aiutano a tenere sotto controllo il peso corporeo. Il corpo, infatti, è stimolato interamente, sia a livello muscolare sia a livello scheletrico-articolare e dunque lo yoga per dimagrire è veramente efficace se unito ad una dieta sana ed equilibrata.
  • Migliorare la postura: mantenere le asana in maniera allineata e centrata per alcuni minuti aiuta a trovare una postura corretta anche durante l’arco della giornata. Il nostro corpo conserva la memoria della postura assunta durante la pratica, così da assumere posizioni corrette anche durante la quotidianità, per cui si può parlare di yoga per la schiena.
  • Migliorare l’apparato cardio-respiratorio: praticare yoga aiuta a diminuire la frequenza cardiaca, aumenta l’ossigenazione e aumenta la capacità polmonare.
  • Migliorare la flessibilità: lo yoga è ottimo per migliorare la flessibilità del corpo, grazie all’allungamento graduale dei muscoli durante le asana. Molti sportivi, praticano yoga alla fine dell’attività sportiva per allungare i propri muscoli.
  • Migliorare l’equilibrio: migliorando la forza muscolare e la flessibilità, per mette anche un maggiore controllo della posizione del nostro corpo nello spazio e della propriocezione, per cui possiamo dire che lo yoga per l’equilibrio è fondamentale

Lo Yoga serbe al benessere mentale

Per avere una risposta completa alla domanda “a cosa serve lo yoga”, bisogna valutare anche tutti i benefici mentali che si ottengono con la pratica, rendendolo cos’ adatto non solo per migliorare il proprio aspetto fisico, ma anche la mente.

Praticare yoga costantemente aiuta a diminuire gli effetti negativi dell’ansia e della depressione. La respirazione Pranayama e la meditazione che avvengono durante la pratica aiutano a ritrovare la pace e la serenità, oltre a migliorare la concentrazione e la consapevolezza.

Alcuni studi hanno dimostrato che lo yoga aiuta a migliorare la qualità del sonno, riducendo tutti i disturbi provocati da un sonno irregolare. Esistono diverse pratiche di yoga da poter fare prima di coricarsi a letto e che aiutano il rilassamento generale del corpo.

Lo Yoga serve a favorire il sonno

Aumenta la produzione di endorfine e serotonina, antidepressivi fisiologici, che favoriscono il buonumore e combattono lo stress. Insomma, praticare yoga è un’attività completa che apporta benefici, sia alla mente sia al corpo.

Per questo può anche essere visto come strumento per migliorare la qualità del sonno, poiché favorisce il rilassamento, riducendo così l’insonnia. Inoltre, aiuta a creare una routine di sonno più regolare e la qualità del riposo è più profonda.

Lo Yoga serve a limitare lo stress

Praticare questa disciplina, qualunque sia lo stile, il livello e la frequenza, può essere molto utile per gestire lo stress e ridurre l’ansia, ma contribuisce anche a migliorare l’umore, la concentrazione e la consapevolezza di se.

E può così contribuire a una migliore resilienza emotiva, soprattutto davanti a difficoltà e periodi difficili.

Principali tipi di yoga

Come anticipato, lo yoga ha subito delle modifiche nell’arco del tempo. Si è, infatti, sviluppato in diverse scuole e con stili diversi, oltre che con tecniche diverse. I principali tipi di yoga e maggiormente conosciuti sono:

  • Hatha Yoga: pratica più diffusa e conosciuta. Questo è il classico stile statico, le asana sono semplici ed eseguite con molta calma. Si concentra soprattutto sulla respirazione e la postura
  • Vinyasa Yoga: questo stile di yoga è dinamico e moderno rispetto agli altri stili. Ad ogni respiro si associa un movimento. Ed è soprattutto uno stile yoga per dimagrire
  • Kundalini Yoga: è uno degli stili più antichi e serve per risvegliare l’energia interiore con la combinazione di movimento, meditazione e respirazione
  • Hot Yoga: è eseguito in una stanza riscaldata, riporta il giusto equilibrio tra corpo e mente, oltre che a eliminare le tossine del corpo
  • Ashtanga Yoga: è uno stile molto dinamico e vigoroso. Inoltre, è molto impegnativo dal punto di vista fisico e richiede molta fluidità
  • Yoga Nidra meditazione e disintossicazione fisica ed emotiva che si svolge in uno stato meditativo grazie ad una voce guida, grazie al quale, per successive visualizzazioni di un obiettivo (sankalpa), si arriva ad uno stato di rilassamento profondo
  • Jivamukti Yoga integra elementi dell’Ashtanga e del Vinyasa con musica yoga e canto di mantra, abbinandoli ad una respirazione profonda per raggiungere la consapevolezza attraverso il corpo, e abbracciando la filosofia della non violenza
  • Yin Yoga: stile lento e rilassante che lavora sugli strati profondi del corpo. Indicato anche per la sera grazie al suo potere rilassante

Esistono altri tipi di yoga, quelli sopraelencati sono alcuni dei più conosciuti e praticati. La scelta dello stile può essere molto complicata, in quanto ne esistono di diversi. Un aspetto fondamentale è seguire sempre insegnati professionisti qualificati.

A cosa serve lo yoga

Dopo aver spiegato in cosa consiste e quali sono i vari stili sviluppatisi nel tempo, possiamo dire che questa pratica millenaria serve a promuovere il benessere fisico, mentale e spirituale.

A livello fisico lo scopo di questa disciplina, che ha le sue radici nella cultura indiana, è un:

  • Miglioramento della flessibilità: le posizioni aiutano a ridurre la rigidità muscolare e ad aumentare la mobilità articolare
  • Rafforzamento muscolare: la pratica degli asana aumenta la forza muscolare e la resistenza
  • Miglioramento dell’equilibrio: molte posizioni richiedono l’acquisizione di buon equilibrio, che è fondamentale in ogni fase della vita
  • Miglioramento della postura: rafforzando i muscoli del core e della schiena, essenziali per una buona postura
  • Stimolazione del sistema circolatorio: le pratiche flow che concatenano diverse posizioni in un flusso regolato dal ritmo respiratorio, come il saluto al sole e altre sequenze dinamiche, aumentano la frequenza cardiaca e possono migliorare la circolazione sanguigna
  • Stimolazione del sistema digestivo: alcune posizioni, soprattutto di torsione e respirazione pranayama, massaggiano gli organi interni, migliorando la digestione

A livello di salute mentale la disciplina si orienta alla:

  • Riduzione dello stress: la meditazione e le tecniche di respirazione aiutano a calmare la mente e ridurre lo stress
  • Miglioramento della concentrazione: si raggiunge una maggiore concentrazione e la chiarezza mentale attraverso la pratica
  • Rilassamento: si raggiunge un profondo rilassamento mentale ed una consapevolezza del proprio corpo

Infine, a livello spirituale, è possibile arrivare a:

  • Crescita spirituale: pur essendo una pratica fisica, è al contempo un percorso spirituale che aiuta l’individuo a connettersi con il sé interiore
  • Mindfulness: incoraggiando a vivere nel momento presente è possibile arrivare ad un atteggiamento di maggiore consapevolezza di sé e dell’ambiente circostante

Inoltre, partecipare ad una classe, può aiutare a costruire un senso di comunità e appartenenza, e la sua versatilità lo rende adatta a diversi livelli di abilità e praticato quasi ovunque.

Serve a mantenere e migliorare il benessere psico-fisico generale, aiuta a ottenere un corpo flessibile e forte allo stesso tempo, migliora anche la tonicità del corpo.

Le articolazioni saranno rinforzate, inoltre, praticarlo è un’ottima forma di esercizio fisico per diminuire il peso corporeo o mantenerlo stabile nel tempo. È fondamentale anche per contrastare gli stati d’ansia e la depressione, migliorando l’umore e la consapevolezza di sé, aiutando a restare presenti.

A chi è adatto lo yoga

Ora che sapete a cosa serve e quali sono gli stili principali, non vi resta che trovare lo stile più adatto, in base anche al proprio livello di esperienza. È adatto a tutte le persone e a tutte le età, anche le donne in gravidanza. Esistono infatti, classi dedicate solamente a donne in dolce attesa.

È possibile praticare yoga a casa, in palestra ed in centri olistici, sul web esistono diverse scuole che offrono di seguire video di pratica online dietro abbonamento. Inizialmente dovrai provare diversi stili prima di trovare quello più adatto a te, ma non ti scoraggiare.

Vi accorgerete, infatti, che i benefici mentali saranno percepiti già dalla prima pratica e in breve tempo saranno visibili anche quelli fisici.

Fonti e bibliografia

Per scrivere questo articoli abbiamo utilizzato anche queste fonti e libri:

Benefits of yoga
Exploring the therapeutic effects of yoga and its ability to increase quality of life
Yoga for skeptics
TKV Desikachar, Il cuore dello yoga, Ubaldini Editore

Il cuore dello yoga. Lo sviluppo di una pratica personale
Prezzo: 19,00 €
Risparmi: 1,00 € (5%)
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 21-04-2024 alle 4:09 PM.

Leslie Kaminoff e Amy Matthews, Yoga Anatomy, Calzetti Mariucci
Yoga anatomy
Prezzo: 30,40 €
Risparmi: 1,60 € (5%)
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 21-04-2024 alle 4:09 PM.
ALTRE INFORMAZIONI SULLO YOGA
Posizioni yoga facili
Jala neti
Respirazione Ujjayi Pranayama
Simboli yoga
Chakra
Yoga e pilates
Ashram
Karma

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio