Gazania, come si cura questa pianta dai fiori simili alle margherite

di Alessia del 6 settembre 2018

La gazania è una pianta dalla lunga fioritura, che ricorda le margherite nel suo aspetto. Facile da coltivare, vediamo come prendercene cura per arricchire giardini e terrazzi.

Gazania, come si cura questa pianta dai fiori simili alle margherite

Gazania: descrizione della pianta

La gazania è una pianta perenne originaria dell’Africa, al cui interno si contano circa 40 specie.

Si caratterizza per la presenza di fusti erbacei carnosi, alti da 15 a 30 cm, in base alla varietà, e ricoperti da peluria.

Da qui si sviluppano dei fiori simili alla margherita, ma molto appariscenti,  grazie ai colori vivaci dei petali, quali arancione, rosso, giallo, bianco e viola. Sono presenti anche varietà screziate nelle specie ibride.

Il periodo della fioritura va da aprile-maggio fino al mese di ottobre, nei luoghi in cui le temperature non sono troppo rigide.

Le foglie sono invece di un bel verde lucente, lunghe e piccine, dal bordo seghettato.

Varietà di gazania

Oggi sono molti gli ibridi ottenuti dai vari incroci, con colori sgargianti ed unici. Ecco alcune delle varietà più belle e diffuse:

  • Gazania splendens: alta da 20 a 25 cm, produce fiori arancioni con piccole macchioline bianche e nere alla base dei petali.
  • G. nivea: i petali sono gialli con macchie marroni. Le foglie sono argentate. Più piccina rispetto alla precedente, con soli 15 cm di altezza. Per questo spesso viene suggerita per la coltivazione in vaso.
  • Gazania rigens o Gazania strisciante: produce fiori gialli o arancioni, con macchiette scure alla base. Le foglie sono di un verde molto scuro.
  • Pavonia: i fiori sono gialli e arancioni, con macchiette nere e bianche.
  • Gazania uniflora: molto diffusa, ha però i fiori più piccoli rispetto alle altre varietà.
  • Gazoo: si tratta di un ibrido dai colori caratteristici: giallo, arancione, rosso, crema, con o senza anello centrale. Tocca i 20 cm di altezza.
gazania rigens

Gazania rigens

Gazania: come coltivarla

Questa pianta, provenendo dalle zone calde dell’Africa, avrà qualche difficoltà a comportarsi come perenne se vivete al Nord Italia. Per questo al Nord viene spesso coltivata in vaso, di modo da poter essere spostata durante l’inverno.

Fatta questa premessa, andiamo a vedere ora cosa serve per una crescita sana e rigogliosa.

Terreno ed esposizione

Scegliete un terriccio ricco di sostanze organiche e ben drenante, meglio se arricchito con sabbia e torba. Per la posizione, considerate un luogo che sia raggiunto dai raggi del sole.

La gazania ama la luce e le alte temperature, messa a mezzombra potrebbe produrre una fioritura povera. Attenzione poi alle gelate, le temperature non dovrebbero essere inferiori agli 8°. Una buona pacciamatura la aiuterà a fronteggiare l’inverno mite.

Messa a dimora

La messa a dimora va fatta nel periodo primaverile. Si scava una buca profonda almeno il doppio delle radici e si interra, irrigando con abbondanza.

Come innaffiare la gazania

Durante l’estate bisogna annaffiare la pianta con una certa regolarità, mentre per il resto dell’anno saranno più che sufficienti le piogge.

Se la coltivate in vaso, aumentate il numero delle irrigazioni anche di una volta a settimana. Altrimenti in piena terra saranno sufficienti una ogni due settimane. La gazania riesce a sopportare anche periodi limitati di siccità.

Concimazione

Potete ricorrere ad un comune fertilizzante per piante da fiore ricco di potassio e fosforo, con il quale andrete a sostenere la crescita nelle prime fasi. Quindi dalla primavera fino all’arrivo dell’autunno bisogna somministrare il concime almeno una volta ogni 20 giorni.

Come si riproduce

Per la moltiplicazione si procede mediante divisione dei cespi oppure con la normale semina e la talea.

La divisione dei cespi consiste nel separare i cespi dalla pianta madre per ripiantarli subito. Ricordatevi di irrigare bene il terriccio. In questo modo ci si assicura una pianta identica alla prima.

Per la semina si raccolgono invece i semi dei fiori secchi che andranno conservati fino alla fine del mese di gennaio, periodo in cui possono essere piantati nei semenzai.

Questi andranno poi riparati dal freddo e dalla luce e messi in appositi locali. Quando compariranno i primi germogli vanno messi in piena terra o nel vaso.

Se invece si preferisce procedere per talea, si prende una talea dalla pianta al termine dell’estate e si pianta, mescolando sabbia e terriccio. Anche in questo caso si aspettano i germogli per poi travasarle nel vaso.

 

Quando potare

In realtà questa pianta non richiede di essere potata. Va solo ripulita dai fiori secchi ed appassiti ed eventuali parti danneggiate.

Malattie e parassiti

La pianta è abbastanza robusta, gli unici pericoli potrebbero essere dati dal mal bianco, dalla muffa grigia o dagli afidi. In quel caso bisognerà intervenire con prodotti appositi, meglio se naturali.

Curiosità sulla gazania

In giardinaggio questo fiore viene utilizzato per creare belle aiuole e arricchire i giardini e i balconi. Tuttavia bisogna fare attenzione perchè alcune parti della pianta possono rivelarsi tossiche.

Grazie ai bei fiori colorati, la gazania riesce ad attirare molte farfalle ma anche api. Purtroppo però nelle giornate nuvolose e al calar del sole, il fiore si richiude su se stesso.

Significato del fiore

Per il linguaggio dei fiori, questa pianta sta a simboleggiare la ricchezza.

Consigli su altri fiori da coltivare

Leggete anche le altre nostre schede con consigli pratici per la cura dei fiori in giardino:

  • Dafne: tutto su questa pianta dai fiori bellissimi, ma velenosa
  • Stephanotis: ecco come coltivarlo, in vaso in giardino o in appartamento
  • Surfinia, cura e coltivazione
  • Tulipani: come coltivarli in vaso e a terra
  • Aster ecco come prendercene cura
  • Lantana: proprietà, benefici e usi terapeutici
  • Giglio: consigli e cure
  • Bouganville: scopiamo tutto su questa magnifica pianta
  • Fiordaliso: coltivazione, cure e proprietà
  • Petunia: come coltivare e curare questo fiore?
  • Primula: come coltivarla e curarla
  • Ranuncolo: guida alla sua coltivazione e cura
  • Hemerocallis o Emerocallide, una bulbosa facile da curare che colora il giardino grazie ai fiori rosso-arancio

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment