Dieffenbachia: tutti i segreti di questa pianta sempreverde

di Alessia del 26 novembre 2017

Dieffenbachia: come coltivare questa rinomata pianta da appartamento, che prende il nome da un giardiniere della corte viennese.

La pianta di Dieffenbachia appartiene alla famiglia delle Araceae ed è originaria dell’America centrale e meridionale.

Oggi viene classificata a tutti gli effetti come pianta d’appartamento e spesso la ritroviamo a decorare i nostri interni, complice anche la bellezza delle sue foglie. Purtroppo è raro che compaiano i fiori con la coltivazione in vaso.

Dieffenbachia: descrizione della pianta

Stiamo parlando di una pianta sempreverde caratterizzata da foglie grandi e di un verde intenso, con screziature di vari colori, in base alla varietà.

La forma è lanceolata e sono attaccate al fusto da un picciolo che genera una sorta di guaina protettiva. Questa avvolge le foglie fino al momento della maturazione.

Il fusto è eretto e carnoso, i fiori sono di colore bianco-verdastro ed hanno spadice e spata. Questa è una caratteristica che accomuna tutte le piante che appartengono a questa famiglia, come la calla, l’Anthurium, lo Spathiphyllum e il filodendro.

Fino a non molti anni fa, questa pianta era coltivata in serra, quindi era appannaggio solo di grandi professionisti ed appassionati. Oggi invece sono sempre più le persone che si avvicinano ad essa.

Varietà di Dieffenbachia

Possiamo contare fino a 30 varietà di Dieffenbachia. Abbiamo selezionato quelle più conosciute.

Dieffenbachia picta o maculata

Originaria del Brasile, la picta è alta fino a 2 metri. Le foglie sono di un verde molto chiaro, con macchioline color crema.

Dieffenbachia amoena

Da questa varietà è derivata anche la Dieffenbachia amoena, che si presenta con foglie molto grandi, di un colore vario che va dal verde al giallo e al crema.

Dieffenbachia oerstedii

Questa specie è invece originaria del Costa Rica ed ha foglie grandi e di colore verde, molto scuro, con nervature bianche.

Altre varietà

Altre varietà da ricordare sono:

  • l’Antioquiensis, con foglie verde scuro e maculata di giallo;
  • la Superba, maculata di bianco;
  • la Barraquinia dal caratteristico picciolo color avorio;
  • l’Exotica senza fusto e con foglie variegate bianche o gialle.
Dieffenbachia

Un bel primo piano di Dieffenbachia

Cura della Dieffenbachia

Generalmente questa pianta d’appartamento sopravvive bene in qualsiasi contesto, purchè vengano seguite alcune accortezze.

Clima ed esposizione

Provenendo da zone a clima tropicale, non risulta difficile comprendere che abbia bisogno di molta umidità e tanta luce. Attenzione però ad esporre la pianta sotto i raggi diretti del sole.

Durante la stagione estiva può essere posizionata anche fuori, sul balcone, avendo cura di sistemarla a mezz’ombra. D’inverno va posizionata necessariamente all’interno e in una zona riparata dalle correnti.

Terriccio e scelta del vaso

Il terriccio deve essere ben drenato e a pH leggermente acido. Unite il terriccio universale con quello per piante acidofile. Inoltre potete aggiungere anche della sabbia per favorire il drenaggio.

Scegliete dei vasi in terracotta, perchè la pianta tende a diventare pesante e ad appendersi. Il vaso deve essere profondo, per far sviluppare le radici, ma non eccessivamente grande. La concimazione va fatta almeno ogni 15 giorni.

Annaffiature

Oltre all’umidità ambientale, è necessario anche garantire una buona umidità a livello di terriccio. Per fare questo bisogna cadenzare le irrigazioni con regolarità, avendo cura di intervenire ogni qual volta il terreno sia asciutto. D’inverno potete diminuire i vostri interventi.

Inoltre provvedete a nebulizzare dell’acqua demineralizzata direttamente sulle foglie, soprattutto quando sono accesi i riscaldamenti.

SAI… Come rendere il terreno acido? La guida pratica

Potatura

La potatura va effettuata in pieno autunno. Questa operazione è vivamente consigliata per dare un aspetto armonico alla pianta, che cresce molto rapidamente. Si procede tagliando la cima, di modo che possa svilupparsi maggiormente la parta bassa della pianta.

Moltiplicazione

La riproduzione avviene tramite margotta o talea. Molti però preferiscono effettuare solo la talea, più semplice e dai buoni risultati.

  • Si procede da fine estate a inizio inverno, tagliando degli steli di 5-10 cm sulla cima, eliminando le foglie in basso.
  • Poi si mettono le talee in un vaso composto da terriccio e sabbia. Si copre con un telo di plastica e si assicura una temperatura di circa 20-25 gradi, annaffiando il terriccio.
  • La comparsa dei germogli indica quando è il momento di togliere il telo. Quando le piantine saranno più robuste possono essere trapiantate in un vaso più grande.

Malattie e parassiti

Oltre a temere il marciume radicale, la Dieffenbachia potrebbe essere colpita dalla cocciniglia e dal ragnetto rosso.

Altri problemi comuni sono:

  • bordi delle foglie marroni: la pianta ha ricevuto troppo sole diretto.
  • foglie appassite: avete somministrato troppa acqua o le temperature sono troppo basse.
  • foglie troppo chiare: questo è indice di scarsa concimazione.
Dieffenbachia

Il fiore di Dieffenbachia

La Dieffenbachia è velenosa?

Pochissime persone sanno che in realtà questa pianta è molto velenosa. Ogni sua parte (quindi radici, fusto e foglie) è ricoperta di una linfa irritante.

Quindi si rende opportuno utilizzare dei guanti ed evitare il contatto diretto.

Esiste anche una specie, ma non commercializzata, chiamata come “pianta del muto(Dieffenbachia seguine). Una volta entrata a contatto con lingua, la paralizza per una settimana!

Le guide sul giardinaggio

Leggi anche le nostre schede sul giardinaggio:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment