Piante e fiori

Mimulus: una pianta molto decorativa che è anche Fiore di Bach

Varietà, consigli per la coltivazione e le proprietà come Fiore di Bach

Proveniente dall’America del Nord, il Mimulus è un genere che comprende varie piante perenni ed annuali. Tutte sono caratterizzate da ricche fioriture colorate, ideali per decorare aiuole, bordure e giardini rocciosi. Inoltre, il Mimulus è anche un fiore di Bach dalle interessantissime proprietà che può aiutare molte persone, soprattutto quelle più timide e timorose.

Mimulus: una pianta molto decorativa che è anche Fiore di Bach

Mimulus, pianta

Il termine Mimulus indica un genere composto da circa 150 varietà di piante perenni, annuali e arbusti sempreverdi.

Della famiglia delle Scrophulariaceae, il Mimulus produce fiori a trombetta, in colori diversi a seconda delle diverse specie: rosso, giallo, rosa, arancione, porpora e altri.

Dall’elevato potere decorativo, il Mimulus è adatto sia per la coltivazione in piena terra che in vaso, ed è anche indicata per riempire di colore aiuole e bordure, così’ come anche giardini rocciosi e nei pressi di fiumi, laghi e stagni.

Mimulus, varietà

Al genere Mimulus appartengono circa 180 specie di piante perenni ed annuali. Ecco le più comuni:

  • M. guttatus: specie alta 30 cm, con lunghe e dentate foglie verdi. Sopporta bene il freddo tanto che riesce a resistere fino a -20° C. Nei mesi di maggio e giugno regala fiori giallo-oro, con chiazze rosse
  • M. cardinalis o scarlatto: alta circa 70 cm, questa varietà ha portamento eretto, foglie verde scuro e fiori rosso intenso con parte centrale gialla. Si sviluppa senza problemi nei terreni bagnati o allagati, e resiste anche a 10° C sotto lo zero
  • M. luteus o giallo: specie alta 80 cm che, nel piano della primavera, regala fiori gialli con macchie viola. Sopporta il freddo, anche fino a -20° C
  • M. x burnettii: specie caratterizzata dai fiori color giallo ramato che fioriscono da aprile a settembre. Le varietà “A. T. Johnson” e “Vortex” presentano anche piccole macchie scure. Specie indicata per gli ambienti caldi e con poche esigenze idriche
  • M. cupreus: specie nane (altezza di 15 cm circa) dal portamento strisciante, con piccole foglie dentate e fiori giallo-arancio che sbocciano per tutta l’estate
  • M. alpinus: specie ideale per i giardini rocciosi, dove dà vita a bassi tappeti densi e compatti
  • M. ringens o blu: dal portamento cespuglioso, questa specie raggiunge il metro d’altezza. Ha lunghe foglie strette e, da giugno ad agosto, regala fiori lilla. Sopporta il freddo fino a -15° C
  • M. Aurantiacus o arancio: specie arbustiva che si sviluppa fino ad 1 metro di altezza. Presenta foglie sempreverdi, strette e lucide, e da giugno a ottobre regala fiori giallo-arancio. Sopporta la siccità e anche il freddo (max -10° C)
  • M. variegatus: varietà che si contraddistingue per i fiori grandi, di colore giallo e porpora
mimulus guttatus
Un bel primo piano di mimulus guttatus.

Quando fiorisce il Mimulus

Nelle diverse varietà, i fiori, a forma di trombetta, compaiono da fine primavera / inizio estate e perdurano fino all’inizio dell’autunno. La fioritura è abbondante, e i colori dei fiori variano in base alle diverse specie: rosso, giallo, porpora, arancione… Alcuni poi sono anche bicolori o con delle macchie. Una volta recisi, i fiori del Mimulus non durano a lungo.

Mimulus, coltivazione

Si tratta di una pianta che può essere coltivata sia in piena terra che in vaso, con terriccio da giardino mixato a compost e torba. In ogni caso, i periodo per procedere con la messa a dimora è quello che va da marzo a maggio. Ad ogni modo, è importante che il rischio di gelate tardive sia ormai superato.

  • Clima: sopporta molto bene il freddo; alcune varietà resistono a molti gradi sotto lo zero. Di contro, invece, mal sopporta il caldo troppo intenso
  • Terreno: ideale è quello ricco di humus e che trattiene l’umidità. Poiché alcune varietà crescono lungo le rive di laghetti e i corsi di fiumi, per queste sono indicati anche i terreni paludosi. La varietà cardinalis, invece, predilige il terreno secco
  • Esposizione: predilige il pieno sole. Nelle zone dove fa molto caldo, preferire la mezz’ombra, mettendo la pianta al riparo sistemandola ai piedi di altre piante alte o arbusti
  • Irrigazione: durante la stagione vegetativa, bisogna annaffiarla con regolarità perché il terreno deve restare costantemente umido. Per le specie adatte alla coltivazione vicino i corsi d’acqua, le radici sono proprio immerse nell’acqua
  • Concimazione: in primavera, 1 volta al mese, somministrare del fertilizzante liquido diluito nell’acqua delle annaffiature
  • Potatura: è sufficiente limitarsi ad eliminare le parti secche o rovinate

Moltiplicazione del Mimulus

Ci sono vari modi per propagare questa pianta:

  • semina: per le varietà luteus, cupreus e variegatus, procedere nel mese di febbraio in semenzaio protetto con temperatura costante 15° C. per tutte le altre specie, attendere la tarda primavera (fine aprile-inizio maggio), sempre in semenzaio
  • talea, da effettuare in estate
  • divisione di cespi, da fare in primavera

In ogni caso, per la messa a dimora definitiva si procede durante i mesi di aprile o maggio, e comunque quando il rischio di gelate tardive è ormai scongiurato del tutto.

Le piantine vanno sistemate in piccole buche, tenendole distanziate l’una dall’altra 15 cm.

mimulus tigrinus
Questa varietà invece è nota come tigrinus grandiflorus.

Rinvaso

Le specie perenni vanno rinvasate in un contenitore più grande quando si nota che le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua. Le specie annuali, invece, non hanno bisogno di alcun rinvaso.

Parassiti e malattie

I nemici principali del Mimulus sono le chiocciole e le lumache, che mangiano le piantine più giovani e tenere.

Mimulus fiore di Bach

La prima pianta che il dott. Edward Bach scoprì fu proprio il Mimulus. Il medico la definì utilizzando testuali parole: “…Per le paure causate dalle cose del mondo, come la malattia, il dolore, gli incidenti, la povertà, il buio, la solitudine, la sfortuna, le paure legate alla vita quotidiana. Le persone che ne soffrono sopportano in silenzio e in segreto i propri timori perché non ne parlano volentieri con gli altri…”.

La parola chiave del Mimulus è “il pauroso e/o il timido”, ovvero i soggetti che temono qualcosa: malattie, ragni, cani, povertà, folla, buio, spazi aperti. Ed anche per coloro che sono timidi e nervosi, al punto che quando sono in mezzo ad altra gente sono molto impacciati.

Mimulus fiore di Bach a cosa serve

In fitoterapia, il Mimulus viene usato per curare gli stati di ansia o di paura, in quanto aumenta l’autostima, facilita la capacità di comunicare, fa affiorare doti talentuose, combatte le paure e fa emergere il coraggio per affrontare qualunque tipo di ostacolo.

Il Mimulus è quindi indicato per i soggetti che hanno delle paure, tali da creare loro forti disagi (ipersudorazione, palpitazioni, balbuzie, asma, attacchi di panico).

Il Mimulus è indicato anche per i bambini molto timidi e sensibili, che hanno paura del buio, che arrossiscono con facilità e non partecipano ai giochi coi loro coetanei.

mimulus ringens
E questo è il Mimulus Ringens coi suoi fiori azzurri.

Modalità di utilizzo

Diluire 2 gocce di preparato in 30 ml di acqua e bere a piccoli sorsi a intervalli regolari. In alternativa, tenerne 4 gocce sotto la lingua per un paio di minuti e poi ingerire. Ripetere almeno 4 volte al giorno.

Altri approfondimenti utili

Sul tema giardinaggio e piante in generale, potrebbero interessarvi anche:

Per quanto invece riguarda i Fiori di Bach e le piante della salute, suggeriamo anche:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness e il benessere in generale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio