Piante e fiori

Fiori estivi: guida alla scelta

Profumati, a cascata, che amano il sole o l'ombra...

I fiori sono la vostra passione ma vivete in un luogo con estati molto calde? Niente paura! Non dovrete di certo rinunciare alla vostra passione. L’importante è abbellire il vostro giardino o il vostro balcone con i fiori estivi, particolarmente capaci di resistere a caldo e sole. Sono davvero tante le varietà che prediligono i i luoghi luminosi e soleggiati. Se non li conoscete, la nostra utile guida vi porterà alla scoperta di tanti tipi di fiori estivi tra cui poter scegliere.

Fiori estivi: guida alla scelta

Fiori estivi resistenti al sole

Una delle caratteristiche fondamentali dei fiori estivi è quella di sopportare bene il sole, il calore e l’irraggiamento diretto. Seguite i nostri consigli per trovare le specie più resistenti e adatte alle vostre esigenze.

  • Lavanda. Famosa per il suo inconfondibile profumo, la lavanda presenta un’infiorescenza a spiga di un bel color malva. Si tratta di una colorate e belle piante da giardino, Riesce a resistere al caldo e anche all’aridità. Cresce bene anche nei luoghi più caldi e secchi, e su terreni aridi con ghiaia e sassi. Preferisce posizioni soleggiate e non teme il vento. Non richiede grandi cure: richiede acqua solo quando il suolo è del tutto asciutto, in genere, bastano le piogge stagionali.

fiori estivi

  • Bougainville. Originaria delle zone tropicali, la bougainville è una pianta dall’effetto altamente scenografico. Cresce bene se esposta a pieno sole e tollera temperatura molto alte, anche oltre i 40° Nella stagione più calda va annaffiata più di sovente ma senza esagerare poiché teme i ristagni idrici. Può essere coltivata anche in zone di mare perché non teme la salinità del terreno.
  • Petunia. Appartenente alla famiglia delle Solanacee, il genere petunia comprende sia specie annuali che perenni. Si tratta di una pianta da giardino che dà origine a magnifiche chiazze di color bianco, crema, rosa, malva, rosso, azzurro, viola, blu e porpora, sia in tinta unita, ma anche bicolori o con striature.
  • Gelsomino. La pianta rampicante per eccellenza, dall’inconfondibile profumo intenso. Il gelsomino viene spesso utilizzato per creare splendide siepi da giardino, rivestire muretti e cancellate, ed per abbellire terrazze e balconi, si adatta bene a qualsiasi tipo di clima. Tollera temperature che vanno dai -10 ° ai 45°. Preferisce i luoghi soleggiati e luminosi, ma cresce bene anche a mezz’ombra, l’importante è che riceva la luce diretta del sole almeno per qualche ora tutti i giorni. Il terreno ideale è profondo, soffice, ricco di humus e ben drenato. Non richiede tanta acqua, va annaffiato con moderazione e solo quando il terreno è asciutto totalmente. Infine, non teme la salsedine, può quindi essere coltivato in zone di mare.
  • Portulaca. Pianta annuale succulenta tra le più diffuse nell’area Mediterranea. Tra specie spontanee e numerosi cultivar, si possono contare almeno un centinaio di specie di portulaca. Sopporta i climi caldi e secchi, tra i 15° e i 30°. Facile da coltivare sia in piena terra che in vaso, non ha particolari esigenze. Il terreno deve essere misto, soffice e ben drenato, le annaffiature solo quando il terreno è del tutto asciutto. I suoi piccoli fiori si aprono quando ricevono la luce diretta del sole e si chiudono nelle ore notturne.

fiori estivi

  • Gazania. Proveniente dall’Africa del sud, la gazania è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Asteraceae. In base alla specie (40 specie e numerosi ibridi), i fiori a capolino presentano forme differenti e colori che possono andare dal giallo al rosa, fino al rosso. Sensibilissima al freddo, predilige luoghi luminosi, meglio ancora la luce diretta del sole. Il terreno ideale è soffice e ben drenato. In estate e in primavera va annaffiata tutti i giorni la mattina presto. È comunque in grado di sopportare anche qualche giorno di siccità.

fiori estivi

  • Gaura Lindheimeri. Originaria del Texas e della Louisiana meridionale, la Gaura Lindheimeri è una pianta erbacea perenne riconoscibile dall’infiorescenza che ricorda piccole orchidee, di quattro petali e di color bianco o rosa. Facile da coltivare, sia in vaso che in campo aperto, richiede un’esposizione in pieno sole e riesce anch a sopportare bene lunghi periodi di siccità. Si adatta ad ogni genere di terreno anche se preferisce quelli sciolti e ben drenati. Va annaffiata regolarmente quando il suolo è completamente asciutto.

fiori estivi

  • Ibisco. Uno dei fiori maggiormente coltivati in vaso in giardino e in terrazza. Appartenente alla famiglia delle Malvaceae, conta circa 240 specie (arbusti, piccoli alberi, piante erbacee annuali e perenni). Originario delle zone temperate dell’Asia, l’ibisco è diffuso ampiamente anche in Europa, Australia, Nord America e Nuova Zelanda. In estate regala una meravigliosa fioritura nei toni del bianco, rosa, viola e lilla. Ama il caldo e le zone ben soleggiate, ma cresce bene anche a mezz’ombra. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno ma quello più adatto è soffice, fertile e ben drenato. Meglio non esagerare con l’irrigazione. Riesce infatti a sopportare brevi periodi di siccità. Con i petali essiccati dell’Ibisco si ottiene il karkadè, noto anche come tè dell’Abissinia o tè d’ibisco.
  • Rosa. Coltivate sia in piena terra che in vaso, le rose sono le regine dei fiori. Ne esistono circa 150 specie, con una gamma di colori amplissima (rosa, giallo, viola, bianco, viola, lilla, blu, pesca, corallo, arancio, verde, screziate…) ed un profumo intenso e inconfondibile. Di qualunque specie sia, la rosa ama il clima mite, i luoghi soleggiati, luminosi e ben areati, e la luce diretta del sole per alcune ore del giorno. Il terreno ideale è ben drenato e ricco di sostanze organiche. Nei periodi più caldi, meglio irrigare la mattina presto o la sera tardi.
  • Gaillardia Pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Astraceae, la stessa della margherita. Originaria dell’America del nord, è particolarmente diffusa nelle zone desertiche. Si tratta infatti di una pianta resistente che si adatta bene a qualsiasi tipo di clima. In particolare, la gaillardia ama i luoghi luminosi e soleggiati, non teme né la siccità né le temperature rigide, e necessita della luce diretta del sole almeno per qualche ora al giorno. Per la manutenzione, non ha particolari esigenze: cresce bene in qualsiasi tipo di terreno (l’importante è che sia ben drenato) e non ha bisogno di grandi quantità d’acqua (indicativamente, va annaffiata una volta a settimana).

Fiori estivi da balcone

Se non avete un giardino, ecco una serie di fiori che potete coltivare sul balcone per creare il vostro angolo colorato!
N.B. Alcune varietà indicate sono già state presentate più sopra.

  • Gelsomino. L’ideale per creare separé fioriti in caso di balconi confinanti. Il gelsomino è una delizia per gli occhi e per il naso con il suo profumo intenso ed inebriante. Tra l’altro si annovera tra le piante antizanzare più efficaci.
  • Margherite. Il fiore più semplice per eccellenza, quello che per primo i bambini iniziano a disegnare, è una pianta perenne che ama i luoghi luminosi e soleggiati (massimo a mezz’ombra) ma al riparo dal vento. Non tollera le temperature rigide. La pianta di margherita, allevata in vaso sul balcone, va posizionata in un angolo riparato e ben illuminato. Va usato un terreno fertile, umido e ben drenato. Nonostante riesca a resistere a brevi periodi di siccità, va irrigata spesso soprattutto da marzo all’inizio dell’autunno. In inverno le annaffiature vanno sospese. In vaso va annaffiata solo quando il terreno è del tutto asciutto in quanto soffre il marciume delle radici.
  • Lavanda. Con il suo colore intenso e il profumo inebriante vi farà immaginare di essere catapultati in Provenza!
  • Ortensia. Predilige una zona semi-ombreggiata ma fiorisce tutta l’estate. Lortensia decora il balcone con splendide macchie di colore, ma ha una particolarità: il colore dei suoi fiori varia in base alla composizione del terreno. Se il terreno è acido e ricco di alluminio i suoi fiori saranno blu, azzurri e viola, se il terreno è calcareo e alcalino, con poco alluminio, saranno rosa e bianchi.
  • Girasole. Il fiore dell’estate per eccellenza, il girasole cresce bene anche in vaso e non necessita di molte cure.

fiori estivi

Fiori estivi da ombra

Esistono anche fiori estivi che devono essere coltivati nella zona in ombra del giardino o sui balconi esposti a nord. Ecco alcuni fiori estivi da coltivare in piena ombra.

  • Ortensia. Tra le piante da giardino più apprezzate, può essere coltivata anche in vaso, avendo cura di usare un terriccio specifico per piante acidofile. Coltivata all’ombra, i fiori di ortensia durano di più!
  • Lobelia. Coltivabile sia in giardino che in vaso, la lobelia cresce bene all’ombra e fiorisce abbondantemente per tutta la stagione estiva. Con i suoi fiori pendenti è possibile far ricadere una splendida cascata di fiorellini lungo le ringhiere. Va annaffiata regolarmente ma solo quando il terreno è del tutto asciutto. Il terreno ideale è un un terriccio specifico per piante fiorite. Si consiglia di stendere sul fondo uno strato di biglie di argilla per migliorare il drenaggio.

fiori estivi

  • Impatiens. Usata spesso per creare bordure di aiuole e vialetti, è pianta perenne da ombra, coltivata anche come annuale. Molto decorativa, viene prevalentemente utilizzata per ornare aiuole, balconi e terrazze. Ne esistono tante varietà: tra le più comuni, l’Impatiens walleriana, Impatiens Hawkerii, con foglie più grandi e fiori più vistosi. Dalla primavera inoltrata alla fine dell’autunno regala stupendi fiori di tonalità rosso, rosa, bianco e viola. L’impatiens chiede un terreno ben drenato e annaffiature regolari soprattutto nel periodo primavera / estate. Fare sempre attenzione ad evitare ristagni idrici.
  • Calla. Molto adatta alla coltivazione in zone in ombra, della calla esistono un gran numero di varietà, anche ibride e di dimensioni nane (non supera i 30 cm), particolarmente indicate per la coltivazione in vaso. Non ama le temperature troppo rigide e cresce bene in terreni umidi, ben drenati e ricchi di sostanze organiche. Non richiede annaffiature abbondanti, che vanno sospese quando le foglie iniziano ad ingiallire.
  • Anemone. Si tratta di una specie rizomatosa che ama l’ombra, non è un caso che le varietà spontanee crescono nel sottobosco. Il fusto è alto 30 cm circa e produce eleganti fiori abbastanza vistosi. Il terreno ideale è ben drenato e ricco di sostanze nutritive, da mantenere sempre ben umido e tendenzialmente acido (occorre somministrare a cicli regolari del concime azotato). In fase di crescita è sufficiente annaffiarlo un paio di volte la settimana, mentre durante la fioritura va leggermente aumentato l’apporto idrico. Le varietà a fioritura estiva sono l’anemone a fiore doppio St.Brigitte, quello Bicolor a fiori semplici bianchi e cuore rosso, l’anemone a fiore semplice Mr Fokker di color blu, quello a fiori semplici Di Caen, dalle tinte rosso, bianco o viola, e infine l’anemone Japonica a corolle bianche, bellissima la varietà Queeen Charlotte a fiori doppi. L’anemone bianco va sistemato in una zona ben riparata dal vento, ad esempio in prossimità di muri e siepi.

fiori estivi

  • Dafne. Arbusto sempreverde molto apprezzato per la sua fioritura. La Daphne odorosa (che può arrivare al metro e mezzo) è la più apprezzata per i meravigliosi fiori rosa particolarmente profumati che fioriscono fino a luglio. La dafne vuole un terreno ben drenato e annaffiature regolari soprattutto nei mesi più caldi.
  • Astilbe. Pianta da ombra molto decorativa caratterizzata da una fioritura molto particolare che si presenta come una sorta di pannocchie verticali simili a piume. Colore del fiore, altezza della pianta e periodo di fioritura variano a seconda della specie. Le diverse varietà di astilbe si coltivano comunque allo stesso modo: necessitano di terreno soffice ben drenato e annaffiature regolari, soprattutto durante il periodo di fioritura.

Fiori estivi rampicanti

I fiori estivi rampicanti rappresentano la soluzione perfetta per abbellire verande, terrazze, pergolati e giardini. Si tratta infatti di specie che amano crescere in altezza, avvolgendo con i loro rami sinuosi, pali, pergole e steccati.

Ecco qui di seguito dei rampicanti estivi da coltivare in giardino o sul balcone.

  • Allamanda Cathartica. Originaria dell’Amazzonia, è una delle piante rampicanti più decorative per via dei suoi spettacolari fiori gialli o rosa a imbuto. Questa varietà specifica presenta foglie ovali allungate, spesse e lucide, con sfumature verde brillante. In estate l’Allamanda produce abbondanti fiori gialli dalla forma a imbuto. Ama l’esposizione a tutto sole e temperature miti. Il terreno ideale è umido e pertanto va innaffiata di sovente, soprattutto nei periodi di grande siccità. Può essere coltivata anche in vaso, ma in piena terra fiorirà più copiosamente.

fiori estivi

  • Thladiantha dubia. Rampicante ornamentale molto rustico proveniente dalla Cina. Appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee, presenta un folto fogliame verde e piccoli fiori a forma di campanella giallo intenso. Cresce molto rapidamente (in alcuni paesi dell’America del Nord è addirittura considerata infestante); è quindi abbastanza semplice la sua coltivazione, sia in vaso che in terra. Le attenzioni da avere sono: esporla bene al sole, tenerla costantemente irrigata e ripararla dal freddo in inverno. Evitare inoltre di potarla, ma limitarsi ad assecondare la crescita dei rami indirizzandoli.

  • Bomarea caldasii. Originaria dei paesi tropicali, è una pianta altamente scenografica. Il rampicante è costituito da una liana che si sviluppa in altezza (anche fino a 4 quattro metri!) e produce grappoli spettacolari denominati “ombrella” e formati da fiori cadenti color arancio che sbocciano prevalentemente dalla primavera all’autunno. Ama i climi caldo-umidi e non sopravvive alle basse temperature, pertanto è ben predisposta per la coltivazione in serra. Il terreno ideale è molto fertile e umido, va quindi costantemente controllata l’umidità del terreno.
  • Mutisia decurrens (Gazania rampicante). Proveniente dal Sud Africa, nasce come erbacea, ma esiste anche la variante rampicante, longeva e facile da coltivare. Nota per i suoi fiori rosso-arancio, simili a margherite, ama il caldo secco e l’aria di mare. È l’ideale quindi per le zone costiere e le località di mare.

fiori estivi

  • Senecio confusus. Chiamato anche margherita rampicante è una pianta originaria del Messico e dell’America centrale che ricorda la vite. Cresce molto rapidamente e può raggiungere anche i 5 m. Ha fiori arancioni simili alle margherite che, in condizioni climatiche favorevoli, si presentano anche in autunno e inverno e estate. Si coltiva bene nelle zone miti del nostro Paese, ma teme le gelate. Predilige terreni umidi e a pieno sole. In vaso ha bisogno di annaffiature abbondanti, mentre in terra riesce a sopportare bene anche brevi periodi di siccità.

fiori estivi

  • Tropaeolum speciosum. Conosciuto anche come  tropeolo e cappuccina, è un rampicante della famiglia delle Tropaeolaceae, originario del Sudamerica. Si sviluppa in altezza da un tubero, senza mai però raggiunge dimensioni eccessive (massimo 3 m). Presenta foglie verde brillante, lisce e tondeggianti, mentre in estate produce piccoli fiorellini rossi a forma di campanella allungata. Dopo la fioritura fanno la loro comparsa anche delle belle bacche blu. Si consiglia di piantarla (anche in vaso) in luoghi a mezz’ombra, freschi ma con terreni ben drenati. Non richiede attenzioni e cure particolari.

fiori estivi

  • Ipomoea. Noto anche come pomoea quamoclit coccinea, è uno splendido esemplare di rampicante estivo dalle foglie inusuali: filiformi, molto simili a quelle delle felci, con piccoli fiori stellati a cinque punte rosso scarlatto e molto profumati. Originaria dell’America centrale, predilige climi caldo-umidi. Non va esposta a tutto sole, ma in zone a mezz’ombra, preferibilmente a sud. Raggiunge dimensioni notevoli, ma impiega molto tempo per crescere. Ama i terreni fertili e ben drenati.

fiori estivi

  • Lathyrus grandiflours. Originaria dell’Europa meridionale, è chiamato anche pisello odoroso ed è un rampicante ornamentale perenne con fogliame raggruppato in piccole foglie minori ovali, che regala fiori nelle varie tonalità di rosa. Predilige l’esposizione al sole e i terreni ben drenati. Non necessità di particolari attenzioni se non la potatura dei rami bassi verso fine ottobre-inizio novembre. Molto apprezzato per la sua bellezza e l’intensa profumazione. Non richiede cure particolari e non teme le basse temperature (attenzione però alle gelate!). Nei periodi più caldi richiede annaffiature abbondanti.

fiori estivi

  • Wisteria floribunda. Meglio noto come glicine è il rampicante estivo per eccellenza: altamente scenografico e molto profumato. I suoi fiori a grappolo, bianchi, lilla, viola o blu, sono l’ideale per abbellire pergole e verande. La varietà floribunda, di origini giapponesi, presenta una fioritura lunga fino a 40 cm e ifusti legnosi che possono raggiungere anche 10 m. Non è particolarmente difficile da coltivare, si adatta a tutti i tipi di terreno. Necessita solo di innaffiature abbondanti. Si consiglia di piantarla a sud. Sopporta bene anche gli inverni rigidi.
  • Solanum laxum. Volgarmente detto gelsomino di notte, è una pianta ornamentale sempreverde della famiglia delle Solanaceae, originarie dell’America centrale. É un rampicante dal notevole sviluppo in altezza, con foglie ovali di color verde scuro e piccoli e profumatissimi fiori bianchi. Il solanum ama l’esposizione a tutto sole e in zone riparate dal freddo, ma sopporta bene anche gli inverni rigidi. Richiede abbondanti irrigazioni, ma occorre fare attenzione che non si formino ristagni idrici. In autunno, terminato il periodo della fioritura, è consigliabile potare i rami più lunghi.
  • Hoya australis. Proveniente dalle isole del Pacifico, è conosciuto come fiore di cera. Presenta infatti fiori ampi e carnosi, simili a quelle delle piante grasse, bianchi e profumatissimi, sembrano costituiti da due fiori uno dentro l’altro. Di facile coltivazione, va esposta al sole (ma gradisce comunque anche zone ombreggiate) in zone dal clima mite, dove le temperature non scendano sotto lo zero per troppo tempo. In primavera e in estate va annaffiata con una certa regolarità, mentre le foglie vanno nebulizzate. Non necessita di potature e può essere coltivata anche in vaso.

Fiori estivi profumati

Si sa, i fiori trasmettono benessere e buonumore. Regalano un grande senso di appagamento alla vista ma anche all’olfatto grazie ai loro profumi.

Qui di seguito vi presentiamo i fiori estivi rinomati per il loro alto grado di profumazione.

  • Begonia. La begonia è famosa proprio per la sua profumazione e per la grande famiglia: ne esistono infatti di tantissime specie, tutte coloratissime e molto profumate. La Begonia richiede temperature piacevoli (soffre sotto i 10°), ama posizioni illuminate (ma non la luce diretta del sole). In estate va annaffiata spesso poiché il terreno deve essere mantenuto sempre umido.
  • Lavanda. Conosciuta per il suo inconfondibile colore ma anche per l’intenso profumo. Non a caso viene da sempre usata dall’uomo proprio per le la produzione di soavi fragranze e benefiche proprietà. Nel giardino estivo o sul balcone, la lavanda dona un tocco di colore e di profumo senza uguali.
  • Agapanto. Azzurri o blu, i fiori tubolari dell’agapanto sono molto affascinanti. Crescono lentamente ma di continuo (in media dalle 2 alle 3 infiorescenze per stagione), e sprigionano un delicato e fragrante profumo. Trattandosi di una pianta originaria dell’Africa del sud, predilige il sole, e pertanto è bene posizionarla in una zona soleggiata. Il terreno ideale è morbido, nutriente e drenante.
  • Hemerocallis. I fiori dell’emerocallide sono profumatissimi e assomigliano ai gigli. La loro particolarità sta però nel fatto vivono soltanto un giorno! Si tratta di una pianta poco esigente: si adatta a diverse temperature e a diverse tipologie di terreno. L’esposizione floreale varia in base alla varietà e al colore dei fiori: le varianti dai fiori chiari ne richiedono di più, mentre quelle dai fiori scuri, di meno.

Hemerocallis

  • Amaryllis belladonna. Originaria dell’Africa del sud, questa pianta regala eleganti fiori rosa dal profumo delicato e piacevole. L’amaryllis è una pianta che vanta una grande capacità di adattamento: può esser coltivata anche dove il clima non è caldo come in Africa e richiede davvero pochissime cure e attenzioni. Va sistemata in luoghi molto luminosi, ma sta bene anche a mezz’ombra, l’importante è che per qualche ora al giorno venga raggiunta dalla luce diretta dei raggi del sole. Durante il periodo vegetativo va annaffiata regolarmente controllando che il terreno si mantenga abbastanza umido, evitando però i ristagni idrici.

Fiori estivi da matrimonio

I matrimoni estivi stanno diventando sempre più diffusi. Ecco allora qualche idea sui fiori stagionali che ben si prestano per la composizione di bouquet e per gli addobbi della location.

  • Gerbere. Si trovano più o meno tutto l’anno. Nella variante rosa la gerbera è particolarmente adatta per gli addobbi floreali in chiesa e per le composizioni floreali a casa della sposa. Nota di non poco conto, sono anche una scelta abbastanza economica.
  • Anthurium. Reperibile in varie colorazioni (dal bianco al rosso passando per il delicato rosa e l’originale verde) l’anthurium è un fiore molto resistente al caldo
  • Ortensia. Dalla forma importante, molto grossa e spumeggiante, è un fiore tipicamente estivo che ben si presta per composizioni nuziali, soprattutto nelle sue nuances più delicate, come il bianco e il rosa, ma anche l’azzurro.
  • Dalia. Molto elegante, la dalia si propone in una ampia gamma di colori che vanno dal bianco al rosa, al glicine. Per sposi giovani e moderni vanno benissimo le varianti più decise come giallo, rosso e arancio.
  • Curcuma. Fiore prettamente estivo e dalla forma particolare, viene spesso utilizzato sia per le composizioni floreali nuziali che per il bouquet da sposa. Il fiore della curcuma resiste bene al caldo e ci sono varie colorazioni, tra il bianco-verde e rosa-viola.

  • Girasoli. Il fiori simbolo dell’estate, viene sempre più spesso impiegato per i matrimoni estivi, soprattutto quelli in stile rustico ambientati in campagna o in un grande giardino.

Fiori estivi a cascata

I fiori estivi a cascata perenni sono la soluzione ottimale per chi vuole arredare terrazze, balconi e aree esterne alla casa con fiori bellissimi e creando un effetto scenografico.

In genere, inoltre, i fiori a cascata perenni non richiedono eccessive cure ed attenzioni particolari.
Ecco le varietà che vi suggeriamo.

  • Plumbago. Specie sempreverde, arbustiva e decorativa, si tratta di un rampicante dalla fioritura rigogliosa, a cascata sui toni dell’azzurro. Per le sue caratteristiche e somiglianze è soprannominata “gelsomino azzurro”.
  • Gelsomino. Anche il gelsomino produce fiori a cascata duraturi, molto profumati e davvero deliziosi. Si tratta di una pianta sempreverde o decidua, in base alla specie, è rigogliosa e riempie bene moltissimo spazio.
  • Glicine. Pianta perenne molto rigogliosa che in primavera regala meravigliosi fiori a grappolo color lilla (azzurro-violetto) o rosa. Foglie e fiori (con una lunghezza che può arrivare a 25 cm) riempiono gli spazi in cui è coltivata la pianta creando indispensabili zone d’ombra e aree decorative davvero molto suggestive.
  • Passiflora. Rampicante perenne che può arrivare a 6 metri di altezza, la passiflora produce fiori dalla forma molto particolare che decorano e adornano ringhiere e recinzioni con stile ed eleganza. I suoi fiori sono molto eleganti, di un rosa pastello molto tenue.
  • Dipladenia. Un’altra pianta rampicante perenne che fiorisce principalmente in estate. La dipladenia regala fiori color bianco-verde o rosa-giallo, ed il suo fogliame è lucido e intenso.
  • Verbena. Semplice da gestire e resistente alle intemperie, la verbena presenta fiori colorati e pendenti. La varietà annuale non ama particolarmente il freddo.
  • Bidens. Specie erbacea perenne amante della luce e quindi gestibile in maniera semplice se posizionata su balconi, terrazzi e davanzali luminosi. Il bidens produce deliziosi fiori, piccoli e colorati, che crescono a cascata da maggio a ottobre e possono raggiungere anche mezzo metro di lunghezza.

  • Gerani. Completamente fioriti, i gerani cadenti possono raggiungere i 2 metri di lunghezza e si mantengono fioriti dalla primavera all’autunno. E senza cure particolari. Inoltre, se ben protetti, resistono anche durante l’inverno per poi essere riappesi la primavera successiva. Con questo sistema possono continuare a rifiorire per anni.

Fiori estivi a cespuglio

Denominati anche piante perenni per bordure, i fiori estivi a cespuglio vengono spesso posizionati ai piedi di una parete, vicino a un cancello, come siepe divisoria o alla base di alberi ad alto fusto.

Servono principalmente per delimitare gli spazi e dare un tocco di colore al giardino. Ecco qualche esempio di fiori estivi adatti per tale scopo.

  • Phlox subulata. Pianta perenne tappezzante resistente all’inverno, si contraddistingue per il tappeto verde che in primavera si riempie di fiori bianchi, rosa e violetto. È molto usata per creare macchie di colore in giardino che si espandono su grandi aree.
  • Hipericum calicinum. Pianta perenne tappezzante con foglie arrotondate. Semi-persistente in inverno, richiede un terreno asciutto e un’esposizione al sole o a mezz’ombra. Fra luglio e settembre l’iperico si colora di grandi fiori color giallo-oro che creano un bellissimo tappeto fiorito molto duraturo.
  • Cerastium tomentosum. Pianta perenne molto bassa (15 cm di altezza), ideale per bordure che presenta foglie grigie persistenti e fiori bianchi che fioriscono in primavera. A portamento tappezzante, è l’ideale per creare macchie di colore in giardino. È anche ricadente, perfetta quindi anche per i muretti. Resiste molto bene al freddo. Suggeriamo di potarla a inizio primavera per favorire la nascita di nuova vegetazione.
  • Aubrezia. Pianta perenne tappezzante in grado di creare macchie e bordure dalla bellissima fioritura primaverile ed estiva. L’aubrezia cresce e si sviluppa molto velocemente formando cuscini di foglie piccole tondeggianti, di color grigio-verde leggermente pelose. Si aggiungono piccoli fiori decorativi, dal rosa-azzurro al viola, riuniti in grappoli in estate. Ama i terreni umidi e profondi; va quindi annaffiata con moderazione ma con costanza.
  • Alyssum montanum. Pianta perenne molto bassa ideale per bordure. Ama il pieno sole e in primavera regala fiori gialli.

  • Hemerocallis. Pianta bulbosa ad altezza variabile (dai 30 ai 70 cm). I fiori dell’hemerocallis sono grandi, a campanula e di tonalità differenti: dal giallo al rosso al bianco al rosa. È una pianta perenne che resiste al freddo e al gelo, ma anche alla siccità.
  • Geranium cantabrigense. Varietà di geranio che fa parte delle piante perenni tappezzanti. Si tratta di una pianta rizomatosa che tende ad allargarsi rimanendo bassa: è quindi perfetta per le bordure.
  • Enula campana. Cespuglio dal fogliame verde brillante perfetto come pianta perenne da bordura. In estate si riempie di fiori che somigliano a margherite, in genere di colore giallo, creando così una bellissima macchia di colore! L’enula campana ama il sole e pertanto va piantata in una zona ben esposta sia alla luce che al calore.

fiori estivi

Per maggiori approfondimenti:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close