Categories: Salute

Come combattere il caldo

Consigli per affrontare al meglio le giornate torride a casa, sul lavoro e di notte

Ecco il nostro speciale per scoprire come combattere il caldo torrido che accompagna sempre di più i mesi estivi per effetto del surriscaldamento climatico. Già a inizio estate il caldo fa davvero patire. Le temperature hanno cominciato a raggiungere valori estivi già verso metà maggio e, quasi in tutta Italia, si superano i 30° facilmente. Chi ha la fortuna di essere in montagna o al mare, sicuramente riesce a gestire meglio la situazione. Purtroppo, molte persone restano in città, alle prese con le faccende quotidiane di casa ed il lavoro.
Vediamo allora alcuni consigli per cercare di sopravvivere a tanta afa, patendo un po’ meno il caldo.

Come combattere il caldo: le regole basilari

Cominciamo col ricordare alcune regole fondamentali che lo stesso Ministero della Salute suggerisce sul suo sito.

  1. Evitare di uscire durante le ore più calde della giornata, ovvero tra le 11.00 e le 18.00. Se si è comunque costretti per ragioni di lavoro o altro, è bene proteggere la testa indossando un cappello leggero e di colore chiaro e indossare occhiali da sole.
  2. Indossare abiti comodi e leggeri, che non stringano troppo e, preferibilmente, in tessuti naturali come cotone e lino, che sono più traspiranti.
  3. Schermare le finestre esposte al sole con tende o abbassare le tapparelle o socchiudere le persiane. Aprire le finestre solamente durante le ore più fresche della giornata (mattina molto presto, sera e notte).
  4. Abbassare la temperatura corporea con bagni o docce tiepide. Bagnarsi spesso, viso, collo, braccia e polsi con acqua fresca.
  5. Limitare il livello di attività fisica, specie nelle più calde della giornata. Evitare anche l’attività fisica intensa all’aperto.
  6. Seguire uno stile alimentare corretto. Bere almeno 2 l di acqua al giorno, o comunque moltiplicare per 3 il proprio peso per conoscere la quantità giusta (una persona di 50 kg deve bere almeno 1,5 l). Evitare gli alcolici così come le bevande gassate o troppo fredde. Preferire cibi leggeri e contenenti molta acqua (soprattutto frutta e verdura).
  7. Evitare il caffè in quanto l’uso eccessivo, associato al caldo, può provocare tachicardia e disturbi del sonno. Meglio puntare su alternative naturali come il ginseng o il guaranà
  8. Aprire gli sportelli se l’auto è parcheggiata al sole, prima di salire, ed iniziare il viaggio con i finestrini aperti o azionando il climatizzatore. Se si hanno bambini, controllare che i seggiolini di sicurezza non siano surriscaldati.
  9. Conservare i farmaci nella maniera corretta (leggere attentamente il foglietto illustrativo). Conservare in frigorifero i medicinali per i quali la temperatura di conservazione suggerita non deve superare i 25-30°.
  10. Persone anziane o soggetti con patologie croniche (diabete, malattie cardiovascolari, problemi respiratori etc…) devono consultare il medico per valutare un eventuale adeguamento della terapia in corso.
  11. Prestare attenzione a familiari o vicini, soprattutto se anziani e se vivono da soli.

Come combattere il caldo senza condizionatore

Per risparmiare sulla bolletta e fare qualcosa di utile per il pianeta, possiamo decidere di limitare l’uso del condizionatore. Vediamo allora come affrontare il caldo di queste giornate senza accendere con gli elettrodomestici.

  • Schermare gli ambienti con tende, persiane e tapparelle orientandoli in modo che limitino la quantità di caldo che può entrare in casa
  • Tenere aperte le finestre di notte e di mattina presto stando attenti ai ladri
  • Ombreggiare le zone esterne, come giardini, terrazze e balconi, con alberi frondosi, ma anche ombrelloni, gazebo, piante e rampicanti, e mettere sui davanzali vasi con piante
  • Lasciare aperte anche le porte interne, compresi armadi e armadietti della cucina perché immagazzinano il caldo
  • Sfruttare le correnti d’aria in casa, aprendo tutte le finestre e bloccando le porte con dei ferma-porte
  • Immergere la parte finale delle tende in bacinelle piene di acqua fredda e lasciare le finestre aperte. La brezza notturna, attraversando il tessuto bagnato, raffresca la stanza
  • Usare un raffrescatore evaporativo per abbassare di qualche grado la temperatura di una stanza, anche se produce umidità
  • Investire in una buona coibentazione del proprio appartamento, se non è possibile esterna, usare uno strato di materiale isolante naturale interno, come sugghero o fibra di canapa, da intonacare e tinteggiare

Condizionatore fai da te

Per rinfrescare un ambiente di dimensioni contenute, possiamo improvvisare un’aria condizionata fai da te. Dovremo utilizzare un ventilatore e una bacinella d’acqua.

Basterà puntare il ventilatore su bacinelle piene di acqua fredda e ghiaccio. Ovviamente, il risultato non è paragonabile a quello che si avrebbe con un condizionatore; tuttavia, l’effetto è piacevolmente refrigerante.

Esistono poi i commercio dei ventilatori che spruzzano acqua nebulizzata che contribuisce a raffrescare l’ambiente, ma solo presso il ventilatore.

Come combattere il caldo in casa

Molti dei consigli appena descritti, valgono anche in casa, specie quelli relativi a schermature delle finestre, alimentazione e abbigliamento. Vi sono altri accorgimenti che possiamo mettere in pratica.

  • Optare per le lampadine a LED che, rispetto a quelle tradizionali, utilizzano meno energia e generano molto meno calore
  • Usare il meno indispensabile elettrodomestici e dispositivi elettronici e staccare la spina, anche se in stand-by possono creare una piccola fonte di calore
  • Evitare l’utilizzo del forno e i cibi che necessitano di cotture lunghe, eventualmente optare per il microonde
  • Spegnere se possibile anche tv e computer
  • Camminare a piedi scalzi
  • Bagnare polsi e piedi con acqua fredda che trasmettono un senso di frescura al resto del corpo

Come combattere il caldo al lavoro

In questo caso, i consigli sono molto simili a quelli visti per l’ambiente domestico. Quindi:

  • schermare le finestre esposte al sole
  • tenere le finestre chiuse durante il giorno e aprirle solo nelle ore più fresche della giornata
  • impostare la temperatura al massimo a 5° meno di quella esterna nel condizionatore
  • usare il deumidificatore per togliere l’afa che aumenta la percezione di calore
  • evitare l’utilizzo in contemporanea di troppi pc e stampanti che producono calore

Come combattere il caldo di notte

La notte è il momento in cui il caldo si accusa di più, perché nn ci permette di prendere sonno e di riposare bene. Senza poi dimenticare le zanzare!

Ecco quindi qualche consiglio per alleviare il fastidio del caldo notturno:

  • utilizzare biancheria da letto in tessuti naturali, leggeri e traspiranti, come cotone, lino e canapa, perché dissipano meglio il calore corporeo
  • non dormire nudi, ma indossare capi leggeri di cotone, tipo una canotta o una sottoveste leggera
  • cercare di stare sdraiati sul letto tenendo braccia e gambe aperte così che l’aria possa circolare
  • fare una doccia fresca prima di coricarsi
  • sistemare su materasso e cuscino delle leggere stuoie in bambù
  • avvolgere il cuscino in un sacchetto di plastica e tenerlo nel freezer per 1 o 2 ore prima di coricarsi
  • utilizzare la borsa dell’acqua calda ma riempita con acqua freddissima o cubetti di ghiaccio
  • usare la borsa del ghiaccio sui piedi
  • dormire con le gambe sollevate
  • versare sul cuscino qualche doccia di olio essenziale di lavanda
  • usare i cuscini imbottiti con grano saraceno: fa passare l’aria ma non trattiene il calore del corpo
  • usare sulle spalle un cuscino di noccioli di ciliegia refrigerato in frigo per 2-3 ore

Come combattere il caldo: rimedi della nonna

Vediamo anche alcuni preziosi consigli che arrivano dalla saggezza popolare.

  • Fare un pediluvio con acqua fredda, sale grosso e bicarbonato. Aggiungere anche qualche goccia di oli essenziali rinfrescanti, come quello di menta. Alleviano il problema delle gambe e dei piedi gonfi.
  • Fare una crema naturale per il corpo con yogurt e miele, spalmarla sul corpo e poi risciacquare con una bella doccia fresca
  • Masticare un pezzetto di miele cristallizzato

Come combattere il caldo e la stanchezza

Oltre ad essere estremamente fastidioso, il caldo eccessivo debilita moltissimo.

Oltre a bere molta acqua (almeno 2 l al giorno) e a mangiare alimenti ricchi di acqua e sali minerali come frutta e verdura, si possono assumere integratori a base di magnesio e potassio.

Come combattere il caldo: rimedi naturali

Le migliori tisane utili per contrastare il grande caldo sono quelle a:

Come combattere il caldo: cosa bere

Oltre all’acqua, bere e infusi, anche freddi, ma non zuccherati. Da prediligere quelli alla menta, ma anche il karkadè e una tisana al finocchio.

Ottime anche le spremute e i centrifugati. Meglio invece non bere il succo di frutta industriale, ricco di zucchero e poco dissetante.

Evitare assolutamente le bibite gassate, il caffè e gli alcolici. Consumare il latte solo a colazione, anche perché si tratta di un alimento vero e proprio.

Come combattere il caldo a tavola

Abbiamo detto che in estate bisogna bere molto e consumare cibi leggeri e ricchi di acqua e sale. Qualche esempio? Pesche, meloni, anguria, cetrioli, pomodori e lattuga.

Prediligere poi alimenti che richiedono cotture veloci come carni bianche, pesci delicati e quelli crudi, come insalate e il gazpacho quelli da gustare freddi come la pasta fredda e l’insalata di riso. Da ridurre al massimo, i fritti, i salumi e i cibi grassi in genere.

Come combattere il caldo in auto

  • Non esagerare con l’aria condizionata, ma mantenerla ad una temperatura compresa tra i 22-24°
  • Coprire vetri e parabrezza con teli o fogli di giornale quando si è parcheggiati
  • Arieggiare prima di ripartire, se l’auto è stata parcheggiata per molto tempo al sole, e all’inizio del viaggio, azionare il climatizzatore o tenere i finestrini totalmente abbassati
  • Controllare che il seggiolino non si sia surriscaldato se si hanno bambini

Come combattere il caldo in gravidanza

La gravidanza porta con sé parecchi disturbi che, con il caldo, tendono ad aggravarsi. Tra i vari, ricordiamo il gonfiore di mani e piedi, la stanchezza e l’insonnia.

Ovviamente, anche per le donne in dolce attesa, valgono le regole basilari viste finora, in fatto di abbigliamento, alimentazione e abitudini.

Nello specifico, per il gonfiore degli arti inferiori, si consiglia di evitare la sedentarietà e fare ogni giorno una bella camminata che va a stimolare la pompa plantare, migliorando così la circolazione.

Se si è al mare, approfittare per fare lunghe passeggiate in acqua, preferibilmente nel tardo pomeriggio o nelle prime ore del mattino che sono più fresche.

Inoltre, proteggersi con una crema solare SPF50+ ed evitare di esporre le gambe al sole.

Per combattere insonnia e stanchezza, rallentare i ritmi di lavoro ed evitare le condizioni che possono generare stress.

Se possibile, fare un sonnellino dopo pranzo e, prima di coricarsi la sera, dedicarsi ad attività rilassanti come una passeggiata o una piacevole lettura.

Ulteriori raccomandazioni contro il caldo

Prestare attenzione a parenti o vicini di casa anziani, soprattutto se vivono da soli. Contattare i servizi socio-sanitari per eventuali situazioni che richiedono un intervento.

Altri approfondimenti

Ecco alcune ricette estive da provare.

Sempre a proposito di caldo e afa, ecco altri approfondimenti con consigli utili.

Outbrain
Share
Published by
Federica Ermete

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.