Categories: Alimenti

Cupuaçu, uno dei frutti tropicali più gustosi e ricchi di virtù

Dall’Amazzonia arriva questo superfood dalle tante qualità organolettiche

Il cupuaçu è un frutto tropicale poco conosciuto ai più, ma non per questo meno gustoso e buono e ricco di tanti altri frutti tropicali di consumo comune come l’ananas o la banana. Questo frutto tropicale sembra essere infatti tra i frutti più buoni che la zona della foresta amazzonica possa regalare, la sua polpa è morbida e il suo sapore un mix tra cacao e ananas. Oltre ad essere buonissimo, il cupuaçu, che nella lingua degli indigeni della foresta pluviale vuol dire “frutto degli dei” vanta anche ricche proprietà organolettiche e fitoterapiche ed è dunque considerato un superfood. Tra le sostanze principali contenute nel frutto di certo  la più importante è la teacrina che vanta un notevole potere antiossidante, antinfiammatorio e analgesico. Ricco anche di tannini e flavonoidi, di fibre, aminoacidi, di omega-3, vitamine e sali minerali… Insomma davvero un superfood.

Oggi arriva sulle tavole di pochi cultori del cibo ma impariamo a conoscerlo e a mangiarlo per stare più in salute. Ecco la guida per conoscerlo meglio.

Il cupuaçu: la pianta tropicale

Il frutto del cupuaçu anche detto cupuassu o copoasu è un parente botanico della pianta decisamente più nota di cacao, la Theobroma cacao: entrambe infatti appartengono alla specie amazzonica delle Sterculiaceae. Il suo nome scientifico è Theobroma grandifolium.

Come si presenta l’albero?

  • L’albero del cupuaçu cresce in tutta la fascia tropicale intorno al Rio delle Amazzoni: Colombia, in Perù e nel Nord del Brasile.
  • Si tratta di un albero piuttosto alto, che arriva a toccare i 20 metri in altezza
  • Le foglie sono grandi e verde scuro
  • I frutti sono oblunghi, marroni e ricoperti da una buccia spessa. di circa 20 cm di lunghezza e di 1- 2 kg di peso. All’interno la polpa è chiara e cremosa dal gusto dolce che difficilmente si può descrivere. E’ un mix di sapori tra banana, papaya, ananas e cacao.

Il frutto matura in Sudamerica da gennaio ad aprile durante la stagione delle piogge.

Cupuaçu: proprietà organolettiche

Il cupuaçu proviene dalla Foresta Amazzonica, è una pianta tropicale che le popolazioni indigine da sempre hanno utilizzato non solo per sfamarsi ma anche per le tante ricche potenzialità in essa contenute.

Il frutto contiene prima di tutto teacrina, un potente antiossidante, antinfiammatorio e analgesico naturale. Simile al cacao, con cui condivide la famiglia botanica, non contiene però né caffeina, né teobromina.

Cosa contiene

Ogni100 g di cupuassu contengono:

  • 250 kcal
  • 5 g di grassi
  • 52 g di carboidrati
  • 2 g di fibre
  • 6 g di proteine

Questo frutto è un un’ottima fonte di tannini e flavonoidi come

  • catechine dal potente valore antiossidante e astringente
  • quercetina ottimo antiossidante, antitumorale, regolatore vitaminico
  • kaempferolo ottimo antivirale, antibatterico efficace nel ridurre il diabete

Infine è ricco di

  • amminoacidi tra cui Omega 3
  • vitamine A, B, C, E
  • minerali (potassio e ferro ad esempio)

Vista questa composizione così eccellente assumere frutto di capuassu è un rimedio naturale importante nel trattamento di diversi piccoli disturbi.

Benefici per la salute

Il consumo regolare del frutto di cupuaçu aiuta a mantenere sano l’organismo, è un alimento assai nutriente, abbassa la pressione sanguigna, contribuisce a contrastare diverse forme tumorali, aiuta a perdere peso, regola le attività del fegato, tiene sotto controllo i livelli di colesterolo e rinforza il sistema immunitario.

Vediamo nel dettaglio come agisce sull’organismo:

  • i flavonoidi, potenti antiossidanti, aiutano a mantenere giovane l’organismo riducendo il formarsi dei radicali liberi causa naturale dell’invecchiamento delle cellule. Il risultato è un corpo più sano e la pelle più fresca.
  • le vitamine presenti nel frutto aiutano a rinforzare il sistema immunitario. I suoi semi sono utilizzati dalle popolazioni indigene per curare disturbi dell’apparato digerente
  • gli acidi grassi essenziali insieme alle vitamine proteggono il corpo dalle malattie cardiovascolari
  • i sali minerali come ferro, calcio, potassio, fosforo e selenio sono indispensabili per la salute delle ossa, dei denti e per il buon funzionamento del sistema nervoso riducendo gli sbalzi di umore e i problemi di memoria

Tra le tante qualità di questo frutto va sottolineato che

  • aiuta a prevenire diverse forme tumorali in particolare il tumore al cavo orale, alle mammelle, al midollo, al fegato, alla pelle.
  • rafforza tutto l’organismo e contribuisce al buon funzionamento del sistema immunitario.
  • tiene sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue
  • aiuta a prevenire i disturbi cardiovascolari
  • è un ottimo antidolorifico, in particolare dalle donne che devono affrontare le doglie del parto
  • antiossidante naturale rende più bella la pelle e capelli
  • ricco di acqua e fibre aiuta a regolare l’intestino e dona senso di sazietà (ideale per chi segue una dieta ipocalorica)

Cupuaçu: come si utilizza

Il cupuaçu è prima di tutto mangiato come un frutto a fine pasto: dolce, ma dal gusto molto particolare che ricorda quello di altri frutti amazzonici come la papaya o l’ananas, viene utilizzato per preparare ottimi frullati, succhi di frutta o macedonie.

La polpa oltre ad essere mangiata come frutta fresca è utilizzata anche per la preparazione di cosmetici: soprattutto creme per il corpo.

Dal seme si può ricavare anche il burro di cupuaçu, molto idratante e simile al burro di cacao o al burro di karitè, che viene utilizzato per preparare prodotti cosmetici come balsami per labbra e maschere nutrienti per i capelli.

Burro di cupuaçu

Sia il burro, sia l’olio, si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi di cupuaçu.
Il ricavato è un balsamo super nutriente e idratante che applicato sulla pelle svolge una funzione

  • elasticizzante
  • nutriente
  • lenitiva
  • antiaging
  • emolliente

Consigliato soprattutto per idratare una pelle matura, secca o con imperfezioni. Ha infatti la capacità di levigare e compattare.

Questo burro si inizia a sciogliere a 30 gradi circa: basta quindi maneggiarlo con delicatezza sulla pelle affinché si distribuisca bene. Perfetto idratante da applicare sulla pelle appena lavata, prima di andare a letto.

Come si presenta il frutto aperto.

Dove si compra

Il burro 100% biologico di cupuaçu si può acquistare solo nelle erboristerie: si raccomanda che il prodotto sia di provenienza bio e che non contenga altri ingredienti a parte i semi del frutto tropicale.

Acquistabile anche online. Il prezzo medio di 100 grammi di burro puro è di circa 15 euro. Un esempio, lo possiamo trovare di seguito:

Prezzo: 28,95 €
Prezzi aggiornati il 30-06-2022 alle 12:21 AM.

Benefici per la pelle

Spesso questo prodotto si trova all’interno di cosmetici per il corpo, il viso e i capelli. Sono tanti infatti i benefici che offre a pelle e capelli:

  • gli acidi grassi, tra cui l’acido oleico -Omega 9- svolgono azione antiossidante.
  • acido linoleico Omega 6 che è perfetto per nutrire e idratare la pelle secca
  • acidi stearico e palmitico svolgono una importante azione antiaging
  • vitamine A, B1, B2, B3, C ottime per formazione delle fibre di collagene
  • polissacaridi e proteine che combattono gli effetti dannosi dei raggi Uv

Cupuaçu: come si mangia

L’utilizzo più comune, soprattutto nel paese di origine, è quello di servire il cupuassu come un qualsiasi frutto fresco da gustare a fine pasto, oppure a merenda.

Il frutto quando è maturo presenta una buccia dura e marrone, che rivela un fondo verde quando graffiato in superficie.

Per arrivare alla morbida polpa bisogna saper aprire il frutto: appoggiare su un tagliere e colpire con un attrezzo duro per crepare la scorza dura che ricorda un po’ quella della noce di cocco. Al suo interno si trova una polpa bianca e morbida divisa in sezioni, ognuna con un seme. La polpa è come una purea da mangiare con il cucchiaio oppure adatta alla preparazione di dolci e frullati e succhi.

Ricette veloci con cupuassu

Con la morbida polpa del frutto di cupuassu si preparano:

  • Frullato esotico: unire nel frullatore la polpa di un frutto di cupuacu, una banana verde, mezza tazza di latte di cocco.
  • Succo di cupuaçu. Si ottiene miscelando 2 bicchieri di acqua naturale con 3 cucchiai di polpa di cupuassu e dolcificante a piacere.
  • Mousse brasiliana: mettere nel frullatore 33 cl di latte condensato con 500 g di polpa di cupuassu. Sciogliere 10 grammi di gelatina insapore con una tazza di acqua calda e unire tuti gli ingredienti. la crema andrà poi versata in formine e tenuta nel frigorifero per 2 ore.
  • Cupuassu Cake. Miscelare bene 3 tazze di zucchero di canna con 250 g di burro vegetale. Quando si ottiene un composto omogeneo unire 4 uova, 4 tazze di farina, 1 cucchiaino di lievito e 200 g di cupuaçu. Unire anche una tazza di latte intero gradualmente. Si otterrà una pastella liscia da cucinare in padella.
  • Budino mais e cupuacu. Nel frullatore mettere 33 cl di latte condensato, 2 uova e 2 cucchiai di amido di mais. Aggiungere mezzo frutto di cupuassu. Frullare insieme gli ingredienti e depositare nelle formine. Cucinare a bagnomaria per 30 minuti. Servire con caramello.

Cupuaçu: controindicazioni

Il consumo del cupuaçu non ha evidenziato nel tempo alcun effetto collaterale per l’organismo umano. Al contrario, rappresenta ancora oggi un vero e proprio farmaco naturale per le popolazioni amazzoniche e le tribù indigene della foresta pluviale sudamericana.

Il cupuaçu viene considerato un frutto nazionale per il Brasile.

Va sottolineato che alcuni metaboliti secondari contenuti nella polpa del frutto sono tossici per gli animali domestici perché il loro organismo non ha la capacità di metabolizzare tali molecole.
Attenzione: non lasciarlo mai alla portata di cani e gatti.

Approfondimenti consigliati

Altri frutti tropicali da conoscere:

Outbrain
Share
Published by
ScriBio

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.