Piante e fiori

Piante per interni: quali sono le migliori

Dalle succulente alle piante con fiori passando per i bonsai. Belle da vedere, facili da coltivare

Le piante per interni valorizzano ogni stanza trasformando gli ambienti domestici in deliziosi giardini al coperto. Verdi, ma anche fiorite, piccole o grandi a seconda degli spazi, crescono rigogliose senza bisogno di eccessive cure. E ci sono anche quelle che depurano l’aria! Succulente, ricadenti, rampicanti, comuni o tropicali, ecco le migliori da coltivare in casa.

Quali sono le migliori piante per interni

Difficile stilare una classifica perché le piante per interni sono numerose e variegate. Possiamo provarci tenendo conto di due principali parametri, l’estetica e la facilità di coltivazione.

  • Agave, succulenta bella da vedere, facile da coltivare. Non passa inosservata.
  • Sansevieria, anche detta Sanseveria, ha lunghe foglie carnose, è bella e “salutare” perché purifica l’aria.
  • Kenzia, bella e imponente, dona agli interni un tocco tropicale. Richiede pochissime cure.
  • Ficus Lyrata, se avete abbastanza spazio in casa ecco l’albero da interno che fa per voi. Non richiede grandi cure, ma per crescere bene ha bisogno di un ambiente umido.
  • Monstera Deliciosa, le sue grandi foglie sono inconfondibili. Facile da coltivare, ma attenzione ad annaffiarla spesso.

 

Piante grasse da interno

Le piante grasse vengono spesso scelte come piante per interni perché oltre a essere belle dal punto di vista estetico, non richiedono eccessive cure. Anche se ognuna di esse ha specifiche esigenze, ci sono alcune regole applicabili a una ricca varietà di succulente.

Innanzitutto occorrono temperature calde e una buona esposizione solare. Non bisogna esagerare con le innaffiature, ma nemmeno lasciarle completamente asciutte. Valutate la situazione a seconda della pianta, di quanto risulta secco il terreno, e della stagione in corso. Chiaro che in estate avrà più bisogno di acqua rispetto alla stagione fredda, quando addirittura è possibile sospendere le innaffiature per qualche mese.

Ecco allora un elenco di piante grasse ideali per la vita da appartamento:

  • Echeveria, piantina grassa della famiglia delle Crassulacee, famosa per essere senza spine: è ideale da coltivare in casa purché collocata in un luogo molto luminoso. L’echeveria produce splendidi fiori.
  • Sedum morganium, pianta grassa pendente appartenente alla famiglia delle Crassule, produce fiori rosa o rossi.
  • Aloe vera, pianta grassa dalle innumerevoli proprietà della famiglia delle Asphodelaceae.
  • Agave, succulenta di grandi dimensioni poco impegnativa. Per farla crescere rigogliosa basta bagnarla almeno una volta al mese.
L’inconfondibile aspetto di una Echeveria.

Piante da interno con fiori

Amate le piante fiorite? Sono numerose le specie da interno, l’importante è concimare bene il terreno per garantire di anno in anno splendide fioriture.

Puntate sulle ortensie che, dispetto di quanto si crede, regnano bene anche in casa. Oppure sui bulbi, passando dai tulipani ai meravigliosi narcisi. Se volete rimanere sul classico, niente di meglio della gardenia.

Bellissimo anche il fiore di cera (Hoya Carnosa), così chiamato per i fiori dalla consistenza cerosa. Si tratta di una pianta tropicale rampicante che per crescere rigogliosa necessita di apposito supporto.

Un tocco davvero originale? Una Hoya Carnosa sospesa.

Piante ricadenti da interno

Le piante ricadenti si prestano ad abbellire ambienti grandi e piccoli, e venendo sospese al soffitto si rivelano ideali per ottimizzare gli spazi. Bellissima ed elegante la cosiddetta pianta del rosario, il cui nome scientifico è Senecio Rowleyanus, che ha bisogno di poche cure ma di tanta luce.

Per non parlare delle intramontabili felci, che diventano ricadenti se posizionate in alto. Attenzione a mantenere umide le foglie. Amate le piante grasse? Allora puntate sul Sedum, che richiede ben poche attenzioni e rare annaffiature, ideale per chi non ha il pollice verde. Ricadente è anche la cosiddetta erba miseria (Tradescantia fluminensis), molto resistente e facile da coltivare. 

Piante tropicali da interno

Luce, calore, buon livello di umidità e annaffiature frequenti, ecco il segreto per far crescere bene le piante per interni tropicali. Al resto ci pensano da sole.

  • Sanseveria, pianta succulenta dalle lunghe foglie carnose. Bella e poco impegnativa.
  • Orchidea, ama il caldo e l’umidità. Nebulizzatela spesso e non esponetela alla luce diretta del sole.
  • Medinilla Magnifica, pianta tropicale con foglie larghe di colore verde scuro e ventature verde-chiaro. I fiori hanno petali cerosi colorati. Ama il caldo e va posizionata in piena luce.
  • Monstera, le sue grandi foglie hanno un aspetto inconfondibile. Una pianta bella, elegante e davvero poco impegnativa.
  • Banano, lo si può coltivare anche in casa purché posizionato in un luogo caldo e luminoso. Attenzione a mantenere il terreno umido.
Donarsi un tocco di bellezza con una orchidea? Facile ed emozionante.

Piante rampicanti da interno

Valorizzare le pareti di casa non con carte da parati e quadri, ma direttamente con le piante per interni. Un’idea originale che non richiede grossi investimenti di tempo ma solo qualche accortezza in più. Un buon livello di luminosità è fondamentale e anche i vasi devono essere grandi abbastanza per accogliere con comodità le piante.

Prima fra tutte l’Edera da interno, poco impegnativa, cresce rapidamente. Se preferite le succulente puntate sulla Ceropegia rampicante, necessita di poche cure ma cresce lentamente.

Piante finte da interno

Se non siete provvisti di pollice verde, un’alternativa interessante è rappresentata dalle piante finte da interno. Vi consigliamo di puntare sulla qualità a costo di spendere qualche euro in più. Alcune piante artificiali sono talmente verosimili che solo toccandole ci si accorge che non sono naturali. L’apparenza inganna!

Bonsai da interno

I bonsai si prestano alla coltivazione da interno purché si rispettino alcune regole. Innanzitutto è importante posizionare la pianta in un luogo illuminato da luce diretta con una buona circolazione dell’aria, e annaffiarla solo se ne ha davvero bisogno, ovvero quando il terreno inizia a diventare secco.

I bonsai più semplici da coltivare in casa sono il Ficus, molto resistente, il Ligustrum, la Schefflera arboricola,  la Crassula, la Carmona.

Quali sono le piante da appartamento che hanno bisogno di poca luce?

Se il vostro appartamento è poco illuminato nessun problema, ci sono piante che resistono bene anche al buio.

  • Sanseveria, anche nota come “lingua di suocera”, ha foglie lunghe e carnose, cresce bene anche in luoghi poco luminosi, è utile per purificare l’aria di casa.
  • Aspidistra, la pianta ideale per chi vive in ambienti poco illuminati, riesce infatti a prosperare benissimo anche al buio.
  • Kenzia, una pianta da appartamento molto elegante, spesso coltivata in casa perché predilige gli ambienti chiusi.

Qual è la pianta da appartamento più resistente?

Se siete alla ricerca di piante per interni poco impegnative e molto resistenti, ecco l’elenco delle migliori:

  • Ficus Lyrata, basta coltivarlo in un ambiente luminoso e caldo, al resto ci pensa lui
  • Aloe Vera, luce e calore, ecco il segreto per farla crescere sana e rigogliosa, niente di più
  • Dieffenbachia, vive benissimo in appartamento e richiede annaffiature solo quando il terreno è asciutto
  • Echeveria, resiste bene in appartamento purché riceva luce e venga annaffiata quando il terreno è asciutto

Quali sono le piante che purificano l’aria in casa?

Se ci tenete all’estetica ma anche alla salute, vi consigliamo di optare per le piante per interni che purificano l’aria. Ne abbiamo già elencate alcune come la famosa Sanseveria e l’Aloe Vera, ma altrettanto efficaci si rivelano il Ficus, che depura l’aria dalla formaldeide, la Dracena, che assorbe formaldeide, toluene e xilene, e ancora l’orchidea, anch’essa in grado di depurare l’aria dallo xilene.

Altre piante da appartamento

Scopri anche altre piante che possono vivere nelle nostre case:

  • Abutilon (Abutilon megapotanicum), dall’inconfondibile fioritura rossa con i bordi gialli
  • Aloe vera, pianta dalle incredibili virtù cosmetiche oltre che decorative
  • Alocasia, la piante dalle enormi foglie, chiamata anche “orecchio d’elefante”
  • Amaryllis (Hippeastrum), un bulbo dalla splendida fioritura invernale
  • Anthurium (Anthurium andreanum), pianta tropicale da interni
  • Aspidistra (Aspidistra elatior), la pianta che si adatta a tutto
  • Avocado (Persea americana), oltre ai frutti è una piacevole pianta da interni
  • Pandano (Pandanus), l’albero candelabro o screwpine, per via dell’inserzione a spirale delle foglie sul tronco
  • Beaucarnea (Beaucarnea recurvata) una nota ‘pianta mangiafumo’
  • Schefflera, chiamata anche ‘albero ombrello’, cresce fino a 2 metri anche in casa!
  • Bromelia (Bromelia), la pianta che muore dopo la fioritura
  • Calatea (Calathea crocata), dalle grandi e bellissime foglie screziate di varie tonalità di verde
  • Capelvenere (Adiantum capillus-veneris), piccola felce dalle piccole foglie ad ombrello di verde tenero
  • Caucciù (Ficus elastica),  un gioiellino anti-inquinamento!
  • Clivia (Clivia miniata), una pianta super facile, consigliata agli inesperti

  • Ciclamino di Persia (Cyclamen persicum), il ciclamino preferito dai fiorai
  • Croton (Codiaeum), dalle lunghe foglie screziate di colori vivaci e brillanti
  • Dendrobium nobile, l’orchidea-bambù
  • Dieffenbachia, la pianta tossica!
  • Dracaena (Dracaena marginata), la pianta purificante dell’aria
  • Falangera o Falangio (Chlorophytum comosum), la pianta-ragno
  • Filodendro (Monstera deliciosa), dalle mille specie diverse
  • Ficus ginseng (Ficus microcarpa), il bonsai per giardinieri incapaci…
  • Gardenia (Gardenia jasminoide), dagli splendidi fiori bianchi
  • Gloxinia (Sinningia speciosa) una pianta piccola, elegante, ma facilissima
  • Gelsomino del Madagascar (Stephanotis), rampicante dai bianchi fiori carnosi a forma di stella
  • Guzmania (Guzmania cardinalis), il cugino dell’ananas, dal grande fiore centrale scarlatto
  • Haworthia (Haworthia reinwardtii), dalla strana forma intrecciata con le foglie di colore verde scuro
  • Kalanchoe, la pianta grassa più diffusa
  • Kentia (Howea), la palma che purifica l’aria
  • Lucky bamboo (Dracaena sanderiana), simile al bambù per via dei fusti sottili e verde chiaro
  • Tutte le specie di orchidee
  • Pachira (Pachira aquatica) o castagna della Guyana (o anche castagna del Malabar)
  • Palma nana (Chamaedorea elegans), conosciuta come ‘palma della fortuna’
  • Peperomia, o erba dei gatti
  • Stella di Natale o Poinsettia (Euphorbia pulcherrima), dai fiori a stella, è il simbolo del Natale
  • Pothos (Scindapsus aureus) una pianta da interni verdissima e facile da coltivare
  • Rosa del deserto (Adenium obesum), sembra un piccolo baobab e ha bellissime fioriture di diversi colori
  • Sanseveria (Sansevieria), detta lingua di suocera
  • Saintpaulia, violetta del Capo o violetta africana
  • Solanum (Solanum jasminoides), il gelsomino notturno
  • Spatifillo (Spathiphyllum), conosciuta all’estero come ‘fiore di luna’
  • Tillandsia, sembra una scultura verde ed il membro più noto di questa famiglia è l’ananas
  • Yucca (Yucca elephantipes), per dare un tocco d’esotico alla casa
Outbrain
Published by
Laura De Rosa

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.