Categories: Alimenti

Platano: il frutto che somiglia alla banana ma che si consuma cotto

Proprietà e tante idee per utilizzarlo in cucina

Avete mai sentito parlare del Platano? Si tratta di un frutto esotico molto simile alla banana, ma che in vari paesi tropicali viene consumato come le patate. Ricco di tantissime proprietà, è infatti estremamente versatile e lo si può cucinare in molti modi diversi. Andiamo a scoprire qualcosa di più sulle sue caratteristiche e sulle ricette che si possono cucinare.

Platano: cos’è

Il platano è un frutto tropicale che cresce sulle piante appartenenti al genere Musa. Appartenente alla stessa famiglia delle banane, ha forma affusolata e leggermente ricurva, è lungo massimo 40 cm ed ha una buccia piuttosto spessa.

Originario di Filippine, Australia e Indonesia, è molto diffuso nel Sud e in Centro America, soprattutto in Venezuela, ma anche in Africa. Ricco di amido, in tutti questi paesi viene consumato come sostituto di pasta e patate. Sono moltissime infatti le modalità in cui può essere cucinato.

Platano pianta

La pianta del platano è originaria della Malesia e appartiene al genere Musa. Si coltiva soprattutto in Ecuador, Costa Rica, America Latina e Australia. Verso nord, si trovano coltivazioni anche in Florida, nelle isole Canarie, Egitto e costa sud del Giappone; il limite meridionale estremo è la parte meridionale del Brasile.

Platano foglie

Se il frutto viene consumato cotto in svariate ricette, le foglie del platano non vengono di certo buttate. Tagliate a strisce e intrecciate servono per realizzare borse e stuoie, vengono inoltre utilizzate per l’imballaggio e quelle più fini per fare le cartine per sigarette. Le foglie più grandi vengono infine utilizzate come “piatti” da portata per servire le pietanze.

Platano e banana

All’apparenza molto simili, platano e banana vengono spesso tra loro confusi, ma in realtà si tratta di due tipologie di frutta diversa. Vediamo le loro principali differenze:

  • dimensioni: il platano è più grande delle banane che invece sono più piccole
  • buccia: il platano ha una buccia verde, dura e fibrosa; non è semplice da sbucciare come la banana, ma occorre utilizzare un coltello
  • polpa: la parte interna del platano è più asciutta rispetto a quella della banana e ricorda come consistenza una patata
  • uso alimentare: la banana si consuma semplicemente come frutto, mentre il platano è molto più versatile, e in alcune zone del mondo è considerato un cibo vitale per la sua ricchezza dal punto di vista nutritivo
  • modalità di consumo: il platano acerbo viene mangiato solo cotto e utilizzato in preparazioni sia dolci che salate, mentre il frutto maturo può essere consumato sia crudo che cotto; la banana si consuma così com’è, cruda
  • reperibilità: in Italia la banana è molto più diffusa, mentre il platano lo si trova solo in qualche negozietto etnico o punto vendita specializzato

Platano in cucina

Come abbiamo già accennato, le modalità per consumare il platano sono davvero numerose e svariate, e dipendono dal grado di maturazione del frutto stesso.

  • Platano verde: interno sodo e leggermente acerbo, la polpa è dura e croccante, ricorda la consistenza della patata. Perfetto da consumare cotto (fritto, bollito, al forno, al vapore). Non va assolutamente consumato crudo in quanto poco digeribili a causa dell’elevata quantità di amido
  • Platano giallo: mediamente maturo, può essere consumato sia crudo che cotto. Da preferire la cottura a vapore
  • Platano nero: a maturazione avvenuta, gli amidi si trasformano in zuccheri. Può essere consumato anche crudo, la consistenza ricorda la banana. Dal gusto dolce, intenso e persistente, è perfetto anche da abbinare a cibi salati. Bollito e schiacciato viene dato ai bambini durante lo svezzamento e può inoltre essere utilizzato come ingrediente per la preparazione di torte

Come si sbuccia

Rispetto alla banana, la buccia del platano è piuttosto dura; per poterla sbucciare bisogna prima inciderla con un coltello.

Che sapore ha

Dipende dal grado di maturazione. Acerbo, ricorda molto quello delle patate, ecco perché viene prevalentemente cotto. Una volta maturo diventa più dolce e somiglia di più alla banana, e infatti viene consumato anche crudo o come ingrediente per preparare dolci e torte.

Come si cucina

Tantissimi sono i modi per cucinarlo:

  • fritto
  • bollito
  • al forno
  • al vapore
  • arrosto

Si può servire come contorno di altre pietanze oppure essere trasformato in un dolce a seconda del grado di maturazione.

Può infine essere essiccato e ridotto in farina.

Come si conserva

Si conserva in luogo fresco per circa 2/3 settimane. Può anche essere congelato.

Come farlo maturare

Se avete acquistato i platani verdi, il processo di maturazione può essere accelerato chiudendo i frutti in sacchetti di carta insieme a qualche mela o kiwi.

In alternativa, se non avete urgenza di utilizzarli, li potete anche sbucciare, tagliare a fettine e congelarli.

Il platano fritto è un piatto popolare in diversi paesi sudamericani e asiatici

Platano: valori nutrizionali

100 grammi di platano apportano 122 calorie così ripartite:

Si tratta di un alimento molto nutriente dalle numerose proprietà benefiche. Ricco di amido, è indicato per chi soffre di malattie dell’apparato digerente come la celiachia, di infiammazioni intestinali o di gastrite.

Contiene oltre il 65% di umidità ed è una buona fonte di vitamine, soprattutto A, B e C. È ricco di fibre e non contiene colesterolo.

In molti paese poveri del mondo viene spesso utilizzato come integratore: avendo un alto contenuto di carboidrati, è infatti un ottimo sostituto di pasta, pane, patate e cereali.

Contiene infine importanti oligoelementi, come ferro, potassio e magnesio.

Platano: proprietà

Grazie ai nutrienti sopra descritti, il platano vanta numerose proprietà benefiche. Riassumiamole qui di seguito:

  • regola le funzioni intestinali e riduce i problemi di stitichezza
  • rinforza il sistema immunitario
  • è un ottimo alleato di pelle e occhi (grazie alle vitamine A e C)
  • accelera il metabolismo
  • regola e tiene sotto controllo la pressione sanguigna
  • riduce il rischio di malattie cardiovascolari
  • rafforza le ossa
  • è un ottimo integratore utile per gli sportivi e per chi è debilitato e deve rimettersi dopo una malattia
  • ha proprietà protettive e curative nei confronti dell’ulcera

Controindicazioni

Non presenta particolari controindicazioni ma, dato l’elevato contenuto di zuccheri, se ne consiglia un uso moderato a chi soffre di diabete, ma anche alle persone in sovrappeso che stanno seguendo un regime alimentare ipocalorico.

Platano: ricette

Abbiamo detto che i modi per poter consumare e cucinare il platano sono davvero tanti. Vediamone alcuni.

Platano fritto

Di sicuro la ricetta più diffusa. È molto semplice: basta sbucciarlo e tagliarlo a fettine. Buttarle nell’olio bollente fino a quando non diventano dorate, quasi marroni. La cottura nell’olio molto caldo fa caramellare gli zuccheri donando croccantezza.

Per ottenere l’effetto chips, tagliate le rondelle molto sottili, circa 2 mm.

Platano caramellato

L’idea per un dolce super veloce da realizzare in padella.

Ingredienti

  • 1 platano maturo per persona
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • 50 g di burro
  • mezzo bicchiere di rum

Procedimento

Sbucciare i platani e tagliare delle rondelle di circa 1 centimetro. In una padella sciogliere il burro, quindi unire il platano e rosolare per bene. Aggiungere metà zucchero a pioggia e poi lo zucchero rimanente. Bagnare con il rum. Alzare la fiamma e far evaporare il liquore.

Servire eventualmente con una pallina di gelato alla vaniglia o della crema pasticcera.

Purè di platano

Far bollire il platano (circa 15 minuti). Una volta cotto, va sbucciato, tagliato a tocchetti e schiacciato per ottenere una purea. Unite latte, burro e formaggio – secondo la vostra ricetta preferita di purè – e servite come contorno. È ottimo insieme a piatti di carne e pesce.

Polpette di platano

Anche per questa ricetta il platano deve essere bollito (circa 15 minuti). Una volta cotto, va sbucciato, tagliato a tocchetti e schiacciato per ottenere una purea. A questo punto, con l’impasto base ottenuto, potete liberare la fantasia e scegliere quale tipo di polpette volete realizzare. Unite gli ingredienti prescelti (formaggi, carne, prosciutto, uova…) e realizzate le vostre gustose polpette da cuocere in forno oppure da friggere.

Insalata con platano

Per un pasto veloce, leggero ma gustoso.

Ingredienti

Procedimento

Far bollire i platani per 10 minuti, immergerli in acqua fredda e sbucciarli. Nel frattempo, tritare finemente la cipolla, ridurre a tocchetti i pomodori e l’avocado.
Tagliare a dadini anche i platani e mescolare insieme tutte le verdure.
Condire con l’olio, una presa di sale, l’aceto, il succo di limone, lo spicchio d’aglio spremuto e una macinata di pepe.
A seconda della quantità, consumare come piatto unico oppure come accompagnamento a tartare di carne e pesce, pollo lesso o formaggi.

Altre idee

  • Se disidratato, si ricava la farina di platano, utilissima per preparare impasti per torte, focacce, frittelle… che anche gli intolleranti al glutine possono tranquillamente mangiare
  • Quando maturo, essendo molto simile per gusto e consistenza alla banana, può essere utilizzato come sostituto della banana in qualsiasi ricetta: frappé, banana bread…
  • Una volta lessato, la sua polpa la si può amalgamare a farina, burro, zucchero (e qualsiasi ingrediente più vi ispiri) per creare una torta al platano morbida e golosa. Si cuoce in forno a 180° per 45 minuti
  • Quando ancora acerbo, avendo una consistenza che ricorda quella delle patate, lo si può utilizzare come un qualsiasi tubero per realizzare zuppe e vellutate, eventualmente arricchite da altre verdure

Platano: dove si compra

I maggiori produttori di platano sono Uganda, Sud e Centro America, Filippine, Indonesia, Australia e Africa Centrale. In Italia lo si trova nei negozi etnici, nei piccoli market africani e in alcuni supermercati soprattutto delle grandi città. Vengono venduti freschi; assomigliano a banane verdi ma sono molto più grandi.

Platano: quanto costa

Costa pochissimo nei paesi in cui viene prodotto, ma in Europa raggiunge prezzi considerevoli a causa del trasporto.

In media, al supermercato, sul web o nei negozi di prodotti esotici lo si trova a 2,50-3,00 euro al kg.

Curiosità

In Oriente, il succo di platano viene usato come antidoto ai morsi di serpente.

Rappresenta il frutto esotico più consumato al mondo. In alcune aree del mondo è indispensabile per integrare l’alimentazione di molte fasce povere come sostituto dei cereali.

Altri frutti esotici da conoscere

Se i frutti esotici sono la tua passione, di certo ti interesseranno anche questi post:

Outbrain
Share
Published by
Federica Ermete

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.