Spesa di stagione: i prodotti del mese di Giugno

di Carmen del 2 giugno 2011

Giugno arriva col suo carico di frutta: ciliegie, fragole, albicocche, le prime angurie ed il succoso e dolce melone. Fare la spesa in questo periodo è un piacere perché c’è molta scelta. La frutta fa bene e ce la consigliano i nutrizionisti da anni, purché di stagione. Non solo aiuta a mantenere la pelle elastica ma previene malattie e fastidi vari.

Col caldo molto richiesta è la macedonia. Da premettere che se utilizziamo frutta che si ossida è preferibile cospargere i pezzetti sbucciati con del succo di limone. Li aiuterà a non annerirsi, rovinando l’intera composizione.

SUCCEDE A GIUGNO: Il solstizio d’estate, che cos’è?

Delle fragole in particolare bisogna farne scorta, perché contengono moltissima vitamina C, più delle arance, oltre a sali minerali e organici alcalini mentre il loro zucchero è adatto anche a chi soffre di diabete. Sono depurative, battericide e rimineralizzanti. Fate attenzione che se sono troppo scure sono anche troppo mature e quindi è bene consumarle in poco tempo.

SPECIALE Spesa di stagione: eccovi tutti i consigli  per frutta e verdura di stagione mese per mese

Se ve la sentite, cimentatevi nel fare le marmellate in casa. È un piacere spalmare fette biscottate o guarnire crostate con marmellate artigianali. E’ un modo per conservare questa meravigliosa frutta stagionale anche in inverno…

Scegliete la frutta più matura, altrimenti il sapore finale sarà troppo acidulo e lavatela bene. Eliminate le parti macchiate o annerite e cuocetele sul fuoco con una miscela di acqua, zucchero e succo di limone. Marmellatadi.it contiene tante ricette sull’argomento. Ma non sbagliatevi fra marmellata e confettura. Secondo una normativa europea, infatti, è considerata marmellata soltanto quella fatta di agrumi mentre vengono definite confetture tutti gli altri composti di frutta.

In estate si va tutti al mare e ancora una volta è la natura che ci viene in soccorso. Bere succo di carote (d’origine biologica, se possibile) prepara la pelle all’esposizione solare favorendo la produzione di melanina. Provate a centrifugare le carote, le troviamo facilmente a giugno, con un mezzo limone, oppure un’arancia e un 1 pezzetto di zenzero fresco; il risultato sarà un preparato rinfrescante e nutriente.

Studi recenti sembrerebbero dimostrare che bere 2 bicchieri di succo di carote al giorno rinvigorisce le protezioni immunitarie addirittura del 70%. Inoltre contiene betacarotene (vitamina A) che aiuta a mantenere la pelle liscia e morbida. La carota protegge addirittura contro gli agenti inquinanti e secondo la tradizione contrasta la vista debole. È anche indicata per combattere le affezioni polmonari, gastro-duodenali, dell’insufficienza epato-biliare e delle dermatosi.

Anche il melone giallo o bianco si comincia a vedere in questo primo mese caldo. Ricco di vitamine, in particolare la A e la C, deve però essere gustato quando è maturo, altrimenti non sa di nulla! Verificate schiacciando la scorza alle estremità, deve essere molle e picchiettandolo, deve uscirne un suono sordo. Niente di meglio del piatto estivo per eccellenza, prosciutto e melone, dunque!

Ma largo anche a centrifugati e frullati a base di melone e carota, magari rinfrescati con foglioline di menta. Oppure melone con la mela oppure con le con le fragole. Ma ricordate, maicon il latte!

Tra le verdure di giugno possiamo scegliere: peperoni, lattuga, asparagi, patate novelle, piselli, zucchine e melanzane. Risotti e timballi vanno a braccetto con le verdure estive così come le insalate di pasta fredda o tiepida e due contorni mediterranei per eccellenza, la ratatuoille e la caponata siciliana

Giugno è un mese privilegiato anche per mangiare pesce. Possibilmente 2 volte la settimana. Abbiamo: pesce azzurro, muggine, dentice, nasello, orata, sardina, sogliola, spigola e pesce spada.

Sottolineiamo sempre l’importanza di comprare verdure di stagione. Sono più buone e costano di meno!

Mangiare prodotti fuori stagione fa male perché i produttori, per favorirne la crescita, sono ricorsi a serre riscaldate con combustibili fossili e a trattamenti chimici. Pensateci bene prima di comprare un frutto fuori stagione.

Forse ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

{ 3 comments… read them below or add one }

Donna Meiss giugno 16, 2012 alle 12:57 pm

Qui c’è, secondo me, un errore basato su quello dell’altro articolo citato sulla differenza tra “marmellate” e “conserve”.
Si dice che secondo una normativa europea, la marmellata è soltanto quella fatta con gli agrumi.
Non ho il tempo per andare a trovare e controllare la normativa, ma suppongo che la confusione venga dalla traduzione dall’inglese, di un “false friend”. In inglese, le differenze (che mi sembrano più articolate che in italiano) sono queste:
“jelly” = viene fatta con il succo delle frutta (gelatina).
“jam” = viene fatta con la frutta passata.
“preserves” = vengono fatte con pezzetti di frutta interi.
“marmalade” = è quella di agrumi, che viene fatta con la scorza, la polpa e il succo (è gelatinoso, abbastanza trasparente, con i pezzetti dentro).
La confusione nella traduzione viene dalla parola inglese “marmalade”, che si riferisce a soltanto un tipo molto particolare di preparato di frutta.

Rispondi

Giuly giugno 5, 2014 alle 9:00 am

Donna Meiss ha perfettamente ragione ,certo che dal 2012 cioe’ da quando ha scritto questa precisazione , ancora fate questo errore…peccato ,perche’ questo blog e’ molto interessante ! Vi consiglio un aggiornamento , al più’ presto !

Rispondi

enzo huber maggio 26, 2012 alle 11:52 am

Carissimi fate molto bene a scrivere questi articoli…e come avete detto alla fine dell’articolo mangiare frutta e verdura fuori STAGIONE FA MALE…VI SUGGERISCO CHE PER GIUGNO MELE E PERE NON è il loro periodo e quelle che troviamo nei banchi dei supermercati hanno quasi 1 anno di frigo e per far mantenere la loro bellezza e croccantezza prima di essere messe nelle celle frigo vengono bagnate in una soluzione chimica dannosa per l’organismo per fortuna credo che dal prossimo anno l’ue ha vietato questi bagni…per la verdura sconsiglio di mangiare carote lattuga scarola e tutte le altre verdure a foglie verdi che si trovano d’inverno visto che viviamo in un paese caldo e queste verdure prediligono il freddo per la loro crescita quindi sono tutte verdure provcenienti dalla germania o francia…vi consiglio di mangiare zucchine,melenzane,pomodori,fiori din zucca,peperoni,cetrioli,patate ecc…

Rispondi

Leave a Comment